Volteggiare di Piumette

 

 

 

Ciao Papo,
ce lo racconti come fai a farlo?
Quando mi capita di vederle volare osservo con attenzione il volteggiare e planare delle piume. Mi è successo anche infilando il braccio sotto al lavandino per prendere un sacchetto di carta. Pare si muovano a caso, spinte da vento, alte e basse pressioni, a tratti se ti distrai, se l’unica cosa che riesci a vedere sono le forme ed i pesi delle cose solide ed il loro valore economico e non guardi in quei vuoti immateriali che riempiono l’Anima, diresti che le piume si muovono a cazzo. A cazzo va tutta una vita se applichi solo raziocinio, cinismo e vedi vuoto nel vuoto. Papo, non parlo della Nostra Fantasia che riempie vuoti e nutre spazi. Parlo delle Energie Sottili che noi stessi mettiamo inconsapevolmente in moto. Parlo di Leggi che Governano oltre la volontà umana. La Nostra Fantasia, l’apertura della nostra percezione e prima ancora del Nostro Cuore servono a Coglierle e viverci immersi dentro. Senza rincoglionirci tra elfi, fatine e hobbit, Sentendo scorrere nel Sangue e nella Linfa che cazzo se ci Sei e Sei Vivo qui affianco!
Dopo innumerevoli Piumette, sui gradini di casa; sotto la Tua scrivania; dentro l’abitacolo dell’auto; in equilibrio sullo spigolo del muro di fronte alla macchina di Mamma; in birreria con gli amici; quelle due piumette nell’erba, una sinistra ed una a destra a delimitare e contornare il Nostro giaciglio d’Amore; e molte altre inequivocabilmente Opera Tua. Per la seconda volta fai posare una Piumetta sulla Tua bici. Questa volta la bici di quando eri più piccolo, quella di Spiderman. Chi lo ha detto al ragno di tessere lì la sua tela? Chi lo ha detto alla serranda del box di sollevarsi proprio nel momento in cui la piuma bussava per entrare? Chi ha spinto, sollevato e incastrato la piuma esattamente sotto il sellino della Tua bici, lì dove il ragno aveva preparato il suo giaciglio? Chi se non Tu…!!? Tu che le hai incastrate ovunque per continuare a dirci che ci Sei! Non qui, di qui passi perché sai quanto è dura per Noi colmare la Tua presente assenza. Tu Sei Vivo dove si Vive! Dove non c’è un corpo a limitare l’Amore e il senso del possesso. Sei Vivo lì dove si Crea e Plasma la Libertà, la Fantasia, la Voglia di Vivere!

E’ morto solo chi lascia che dolori e quotidiano gli ammalino sentimenti e mente.
Grazie che Sei Vivo Papo!
Papà

30 agosto 2018

Lettera 528

Volteggiare di Piumette       Ciao Papo, ce lo racconti come fai a farlo? Quando mi capita di vederle volare osservo con attenzione il volteggiare e planare delle piume. Mi è successo anche infilando il braccio sotto al lavandino per prendere un sacchetto di carta. Pare si muovano a […]
26 agosto 2018

Lettera 527

Con Te “Grazie!” non è mai una parola scontata       Ciao Papo, mi sono arrivati, e non mi sono arrivati, dei messaggi, dei pensieri e dei cuori negli scorsi giorni. Fabiana, la Tua Amica e Cugina grande è sempre la voce che meglio Ti racconta e preferisco regalarti: […]
29 luglio 2018

Lettera 509

Anima Cuore mente Corpo     Ciao Papo, da un po’ che non ci si sente qui dove il Nostro Sentire prende forma scritta. Altrove ci si è visti e sentiti eccome! Ogni Nostra pausa dalle Parole scritte corrisponde a ciò che non deve scappare ma sedimentare.   L’Anima sa […]
20 luglio 2018

Lettera 508

Ti Amo!     Ciao Papo, abitiamo lo stesso corpo, lo stesso Cuore, gli stessi pensieri e viviamo della stessa Anima. Questo dovrebbe bastarmi ma io sto da questa parte dell’Infinito e mi si sono mischiati tutti gli Orizzonti, a tratti faccio un gran casino e una gran fatica, l’unico […]
19 luglio 2018

Lettera 507

J   Ciao Papo, la corrente del fiume s’è portata via tutto. Quella “J” su quel sasso accanto alla mia mano, di oltre trenta messi dritti, a dirmi per l’ennesima volta che Tu sei l’unico a restare sempre e non lasciarmi mai solo. Intanto è un disastro da maciullare l’Anima, […]
8 luglio 2018

Lettera 500

Orizzonte Infinito     Ciao Papo, ha notato i colori e scattato la foto ieri sera Totta nella Nostra Mergozzo. Un fine ostacolo che separa due dimensioni che si specchiano una nell’altra, dev’essere proprio così tra di qua e di là dall’Infinito. Grazie! Papà
5 luglio 2018

Lettera 498

Energie Sottili     Ciao Papo, ci sono i mondiali di calcio, non seguo molto, guardo dopo le partite i gol su youtube, mi piace sempre guardare i gol, lo faccio da quando sono bambino.   Giocando a palla al parco, Tu in pieno delirio Mondiale: “Papà para questa! Io […]
29 giugno 2018

Lettera 497

Il mare all’Orizzonte     Ciao Papo, qualche giorno fa in piscina con Totta provavo ad insegnarle a fare i tuffi. Non si slanciava abbastanza con le gambe, non piegava a sufficienza le spalle quindi prendeva di continuo spanciate. All’ennesima volta che le mimavo l’incassatura della testa nelle spalle mi […]
27 giugno 2018

Lettera 496

Immortale     Ciao Papo, ci sono certe Lettere che da scrivere sono molto più dure di altre. Di solito raccontarti non è affatto duro, anzi! E’ il mio momento di Leggerezza. Non è tanto pesante buttare giù queste righe ora, è stato pesante recepire il messaggio che Tu in […]
20 giugno 2018

Lettera 495

Bulimica Consapevolezza     Ciao Papo, un paio di sere fa è successo da capo… Treno, diario di viaggio… Come da prassi, mentre io mastico gomma del Ponte, affianco ho alito di muflone che s’è mangiato tutti i cadaveri reperiti sopra e sotto al ponte. Non sazio lo racconta allegramente […]