Capolavoro Unico ed Irripetibile!

 

 

Ciao Papo,
questa l’hai detta tu: ”Cosa c’è di secondo?”. ”Erbette e mozzarella” ti risponde Mamma. Ci dai dentro col riso. Dopo due minuti, da capo: ”Cosa c’è di secondo?”. Tutti e tre in coro: ”Erbette e mozzarella”. Speranzoso in un’alternativa più gustosa ci riprovi: ”No, dai, cosa c’è?”. ”Le lasagne…” ti dico per tagliare corto. Tu, tutto serio e impettito: ”No dai allora ragazzi vi devo dire una cosa importante: con me sulle lasagne non si scherza!”.
 
Quest’altra te la dedico io:
Due mani che son sempre loro
due bocche che son solo loro
due occhi e non c’è null’altro
un suono che è silenzio
una musica che son ali
un campo che son fiori
una cacca di vacca che è profumo
un giaciglio che è una reggia
un naso, un pelo, un fiore e un cuore
nient’altro
è tutto quel che basta al nostro amore.
 
La scrissi a Mamma anni ed anni fa, non so se in questa vita tornerà mai quella bella roba là, anche la sua assenza mi fa soffrire. Si impara anche a starci senza, a rubacchiarla quando se ne ha l’occasione, non importa più manco. Non è vero un cazzo Papo, non si impara a starci senza, si diventa solo più rigidi, tesi e brutti. E importa, cazzo se importa! Solo che la tua presente assenza ha sovvertito tutto l’ordine delle cose e io ho bisogno, voglio amare ed abbracciare solo quel soldo di cacio che mi faceva ribaltare dal ridere ed affrontare qualsiasi cazzo di Mostro. Ti ricordi quando da piccolo mi davi del “Pazzo Ricchione?”, te l’eri inventato tu anche questo modo di dire che per anni ci ha tenuto compagnia, lo usavi per definire le persone e gli accadimenti strambi ed inconsueti. Come canta Elio: “Mi piace quel Ragazzo perché… sto diventando forse Ricchione!!”. Sono un Pazzo Ricchione malato d’Amore e non smetterò mai di viverti e cercarti. Non preoccuparti, ti ho lasciato andare via nella tua nuova vita ma quando uno conosce l’Amore più Grande è nella Luce di quello che ha bisogno e vuole vivere. Ieri t’ho cercato nel profondo dei miei ricordi e quasi t’ho trovato. Mi hai detto ancora una volta che stai bene, sei tutto colorato e fai un sacco di cose belle ed importanti per il mondo di qua e pure per quello di là. Ci aspetti, con calma, un giorno ci riabbracceremo!
 
Pian piano si avvicina il giorno in cui andremo a pescare, quante risate ci faremo ancora insieme Capolavoro Unico ed Irripetibile!.
Papà

 

2 aprile 2017

Lettera 185

Capolavoro Unico ed Irripetibile!     Ciao Papo, questa l’hai detta tu: ”Cosa c’è di secondo?”. ”Erbette e mozzarella” ti risponde Mamma. Ci dai dentro col riso. Dopo due minuti, da capo: ”Cosa c’è di secondo?”. Tutti e tre in coro: ”Erbette e mozzarella”. Speranzoso in un’alternativa più gustosa ci […]
30 marzo 2017

Lettera 183

Assaggi di vita     Ciao Papo, i capelli non ti dice più nessuno di tagliarli, nemmeno di non correre e manco di studiare. Di non prendere in giro tua sorella? E di non far incazzare Mamma? Di fare il bravo con Nonna e non farle gli scherzi? Chi ti […]
24 marzo 2017

Lettera 179

Parole   Ciao Papo, oggi rendiamo omaggio alle Parole. Quel filo sottile ma saldo che ci tiene legati insieme. Totta e la scoperta della scrittura. Scriveva interminabili strisce di lettere ripescandole nella memoria e tutta entusiasta mi chiedeva: “Papà cos’ho scritto?”. Io provavo a decodificare la lunga striscia, gliela sillabavo e […]
17 marzo 2017

Lettera 174

Vietato morire     Ciao Papo, ti ho rotto le balle oggi con quattro Lettere eh…! Così… mi piaceva ricordare a chi ci legge che è tutto vero quello che scriviamo, che le fonti di ispirazione che mi dai sono inesauribili e che il pensiero di te è costante e […]
17 marzo 2017

Lettera 173

La dura legge del pollice opponibile     Ciao Papo, ti ricordi quando siamo stati in vacanza a Berlino? Gli zii Pallini qualche mese dopo di noi avevano comprato anche loro il camper e spesso facevamo coppia fissa. Voi cuginetti eravate felici, per voi il camper era la carovana degli […]
14 marzo 2017

Lettera 169

La Rivoluzione d’Amore     Ciao Papo, quello in foto sono io, avevo tre o quattro anni. I bambini portavano così i capelli tra fine anni ’70 e inizio ’80. Un paio di volte che siamo riusciti a portarti dal parrucchiere anche tu hai dato sfoggio del tuo bellissimo caschetto […]
10 marzo 2017

Lettera 167

La Primavera   Ciao Papo, quant’è Bella la Primavera? Quanto fa bene la Primavera? Respirarla così da vicino e sentirne il caldo abbraccio mi ha fatto scappare di scriverle ‘sta roba da “Ronticone” (Romanticone ndr) quanto ci siamo divertiti a storpiare le parole e a renderle più nostre…   La […]
7 marzo 2017

Lettera 164

Abbraccia l’albero da ascoltare   Ciao Papo, l’altro giorno tagliavo le unghie a Totta, il leggero fastidio doloso le ha fatto tornare in mente l’albero sotto il quale eravamo parcheggiati col Camperone a baia Sistiana. Quegli aghetti che le si infilavano nelle dita, nelle chiappe, nell’accappatoio. Te li ricordi Papo […]
24 febbraio 2017

Lettera 157

Oggi…     Ciao Papo, le nostre difese immunitarie e il nostro patrimonio genetico dovrebbero trovare il modo di cancellare certi ricordi e di smetterla di contare e far caso a date e giorni ma sappiamo bene che il DNA non è mica perfetto… Oggi mi ha fatto un’altra “Sorpresa” […]
14 febbraio 2017

Lettera 147

GIIIRA!     Ciao Papo, metropolitana, pc il spalla, una storia in tasca, io ho parole e ricordi, Adri ha in testa scheletro, capitoli, Lettere e aneddoti del libro. Adri è l’editor di Garzanti, anche lei Bellissima ragazza dentro e fuori. Ci stringiamo un sacco di volte la mano, è […]