All’anima cosa dai da mangiare?

 

Ciao Papo,

ma all’anima cosa diamo da mangiare?

Alla bocca dai il pane

All’amore dai il cuore

Al sesso cazzo, figa e tette

All’occhio dai orizzonti e tramonti

Alla mano dai una mano

Alla noia dai l’ebrezza

Alla mente dai un equazione o un trattato filosofico

Ma allo spirito? Cosa dai da mangiare allo spirito?

Ciò che daremo alla bocca, all’occhio, alla mente…

insomma ciò che siamo, dipende da come decidiamo di sfamare il nostro spirito.

Presi nel mezzo della quotidianità alimentare l’anima è l’ultimo dei nostri pensieri.

Noi siamo i nostri pensieri ma se per lo più non pensiamo o meglio: non siamo coscienti di ciò che pensiamo, allora chi siamo? Cosa siamo?

La coscienza crea il nostro universo fisico, la realtà esiste solo dove la mente si concentra su di essa.

Fede e conoscenza confermano che siamo parte di un tutto inscindibile: terra-energia-esseri viventi. Quindi anche spiritualità e scienza fanno parte della stessa cosa. Esperimenti scientifici iniziati due secoli fa dimostrano che l’osservazione della realtà da parte dell’essere umano modifica la realtà fisica stessa! Cioè la presenza di coscienza crea l’universo fisico!

Assodato ciò, se non siamo così minchioni da pensare solo alle ultime tendenze e concentriamo l’attenzione su ciò che davvero ci interessa, SIAMO IN GRADO DI CREARE LA REALTA’ CHE VOGLIAMO!

Papo, me lo hai fatto vedere ogni giorno in questi sei mesi e mezzo di tua assenza. Il ruolo dell’osservatore nell’esperimento scientifico, la coscienza umana, mutano il comportamento degli elettroni. Nella nostra storia, in questo periodo di elaborazione del lutto, è fondamentale il ruolo di osservatori che decidiamo di assumere. Il dolore preme per annientarci, la coscienza e la tua presente assenza continuano a viverti, è troppo l’Amore per questo fottuto e ridicolo dolore.

“Ovunque sei ci sei Papo e questo è quel che basta, andiamo insieme a fare il bis di pasta!” fa così la canzone rap che ti abbiamo scritto, stamattina Totta, Mamma ed io abbiamo cantato e ballato tutte le canzoni che stiamo scrivendo.
La Mamma, non vuole racconti di lei ma scienza e fede dovrebbero studiarla per capire quanto può essere Bello e Superiore un essere umano anche e purtroppo ancora di più quando viene ripetutamente ferito a morte da quella lurida sciacquetta della vita. Mamma mette in pratica i tuoi insegnamenti: prova ad essere sempre serena, dice che è un po’ la tecnica del mezzo sorriso del Buddah. Serenità, anche sforzata, chiama serenità.

Papo, noi all’anima abbiamo capito che c’è da dargli da mangiare intere fette di Te, siamo cannibali d’Amore.

Papà

11 febbraio 2017

Lettera 144

All’anima cosa dai da mangiare?   Ciao Papo, ma all’anima cosa diamo da mangiare? Alla bocca dai il pane All’amore dai il cuore Al sesso cazzo, figa e tette All’occhio dai orizzonti e tramonti Alla mano dai una mano Alla noia dai l’ebrezza Alla mente dai un equazione o un […]
10 febbraio 2017

Lettera 143

Bis nonno Angelo, Garzanti e Papo… era già scritto.     Ciao Papo, vai a dare un occhio qua dentro: http://www.illibraio.it/lettere-papo-libro-427278/ l’hai letto tutto? Non fare il furbastro! È la più importante ed autorevole pagina italiana in materia di libri. Insomma Papo, ho firmato il nostro contratto editoriale con Garzanti. Scelta […]
8 febbraio 2017

Lettera 141

Storia dei lupi   Ciao Papo, lunedì sera con Macilla e Scatolo abbiamo lavorato alla nostra Bohemian Rapsody, canzone complessa con tre cambi di ritmo. Comincia con: “Figlio, che non è bello perché mio ma solo perché figlio, foglio bianco…” con un pianoforte soave e caldo, passa poi al rap […]
6 febbraio 2017

Lettera 140

Andremo a pescare   Ciao Papo, gente che viene, gente che va. Persone che restano, arrivano e tornano. La famiglia, per forza di cose, non siamo più “solo” noi quattro, cinque, hai ragione c’è anche Luna. Avevi quattro anni all’epoca di questa: Papo Kurt Cobain… Papo: “Papà che palle la […]
5 febbraio 2017

Lettera 139

  Il raziocinio di Totta colpisce ancora…   Ciao Papo, oggi ho: – corso 10 km, era dalla mattina di Natale che non uscivo a correre; – parlato per un’ora e quaranta minuti con persona fidata riguardo il contratto tra noi ed editore; – parlato per due ore con editor […]
4 febbraio 2017

Lettera 138

Fottuta X   Ciao Papo, perché non hai continuato a crescere e a stare con noi? Perché non ci è toccata una vita normale? Crescere, diventare grande, studiare, viaggiare, andare via di casa. Lo vedremo fare a Totta. Con te vedremo altro che io spero un giorno non sia più […]
3 febbraio 2017

Lettera 137

Dito medio alzato in faccia a quel fottuto bastardo del Mostro     Ciao Papo, puoi fare tu un fischio a tutti per dirgli di non spedire più foto #lovebombing chiedendo a Feltrinelli di pubblicare i tuoi libri? L’editore c’è Papo! Siamo stati assieme a conoscere Mondadori, Feltrinelli, De Agostini, Garzanti, […]
1 febbraio 2017

Lettera 135

Buddha, verdure e tartarughe     Ciao Papo, te lo ricordi il “Mezzo sorriso del Buddha”? Estate scorsa, vacanza in Trentino, in giro in bici tra campi di mele. Io pedalavo e tu mi raccontavi le tue nuove trovate, mi sa che stavi provando a spiegarmi come si fa a […]
30 gennaio 2017

Lettera 133

‘A livella e Papo   Ciao Papo, Bello, Bellissimo in modo Assurdo! Come Ben Stiller in Zoolander. Questa foto la vedo tutti i giorni, più volte al giorno a casa sulle scale e la carezzo sempre. Ti carezzo sempre guance e mento. Il mento bello a punta della tua Mamma, […]
16 gennaio 2017

Lettera 123

Più Piume per tutti!   Ciao Papo, per chi legge le Lettere sono due giorni che non ti scrivo, che poi mica c’è scritto da qualche parte che devo battere un record… e le Lettere sono parecchie, più di 122… è una numerazione fittizia, cominciata ad usare per dare un […]