Essenza Cosmica

 

 

Ciao Papo,
è andata così:
 
“A me m’ha sempre colpito questa faccenda dei quadri. Stanno su per anni, poi senza che accada nulla, ma nulla dico, fran, giù, cadono. Stanno lì attaccati al chiodo, nessuno gli fa niente, ma loro a un certo punto, fran, cadono giù, come sassi. Nel silenzio più assoluto, con tutto immobile intorno, non una mosca che vola, e loro, fran. Non c’è una ragione. Perché proprio in quell’istante? Non si sa. Fran. Cos’è che succede a un chiodo per farlo decidere che non ne può più? C’ha un’anima, anche lui, poveretto? Prende delle decisioni? Ne ha discusso a lungo col quadro, erano incerti sul da farsi, ne parlavano tutte le sere, da anni, poi hanno deciso una data, un’ora, un minuto, un istante, è quello, fran. O lo sapevano già dall’inizio, i due, era già tutto combinato, guarda io mollo tutto tra sette anni, per me va bene, okay allora intesi per il 13 maggio, okay, verso le sei, facciamo sei meno un quarto, d’accordo, allora buonanotte, ‘notte. Sette anni dopo, 13 maggio, sei meno un quarto, fran.
Non si capisce. È una di quelle cose che è meglio che non ci pensi, se no ci esci matto. Quando cade un quadro. Quando ti svegli un mattino, e non la ami più. Quando apri il giornale e leggi che è scoppiata la guerra. Quando vedi un treno e pensi io devo andarmene da qui. Quando ti guardi allo specchio e ti accorgi che sei vecchio. Quando, in mezzo all’Oceano, Novecento alzò lo sguardo dal piatto e mi disse: “A New York, fra tre giorni, io scenderò da questa nave”. Ci rimasi secco. Fran.”
Alessandro Baricco, Novecento. Un monologo
 
Non hai letto il libro ma ha visto il film: “La leggenda del pianista sull’oceano” stasera io e Totta facciamo i fidanzati sul divano e glielo propongo!
L’altra sera ci ha fatto ribaltare dal ridere, proviamo a far partite “Lo chiamavano Jeeg Robot” dimentichi che la scena più truculenta del film è proprio all’inizio quando Lo Zingaro, sdegnato per aver ricevuto come regalo rubato un iPhone bianco anziché nero, sfonda il cranio a colpi di telefonino al maldestro malcapitato. Totta, col tono impassibile e professionale da documentarista, mentre io e Mamma coi conati di vomito tentavamo di sospendere la visione: “Avete visto come si uccide un uomo con un iPhone…”.
 
Su quella sponda,
sotto un ponte
o su una zattera in mezzo all’Oceano
tra Infiniti mari di Essenza Cosmica
ovunque sarà, Sarà
Noi, Tutti Insieme
torneremo a pescare!
 
Papà
28 febbraio 2018

Lettera 450

Essenza Cosmica     Ciao Papo, è andata così:   “A me m’ha sempre colpito questa faccenda dei quadri. Stanno su per anni, poi senza che accada nulla, ma nulla dico, fran, giù, cadono. Stanno lì attaccati al chiodo, nessuno gli fa niente, ma loro a un certo punto, fran, […]
24 febbraio 2018

Lettera 448

Genio allo specchio     Ciao Papo, oggi ho ritrovato questo Tuo Bellissimo Regalo: LA PROVA PROVATA CHE PAPO E’ UN PICCOLO GENIO! (PAPO 5 ANNI SCOPRE IL MONDO, E’ UN CURIOSO, AMA GLI ANIMALI, LA SCIENZA E LA CONOSCENZA. DA QUALCHE MESE SILLABA, LEGGE E SCRIVE, NOI GENITORI, SOPRATTUTTO […]
22 febbraio 2018

Lettera 447

La Montagna è solo la somma di qualche sasso…     Ciao Papo, le cose che ho da scriverti e di cui ti parlo incessantemente sono così tante che questo basta: Cronaca bollatese, un articolo del Corriere della sera narra le gesta di un fantasma, una signora bionda, avvenente ed […]
19 febbraio 2018

Lettera 446

Va dove ti porta il caos     Ciao Papo, oggi è il compleanno di Mamma, passa a darle un “Bacio Mmmua!” come solo Tu sai dare! Da dove parto col foglio bianco? Cercando chi sono ho trovato ‘sto testo “Va dove ti porta il caos” era marzo 2008, avevi […]
17 febbraio 2018

Lettera 444

Guardare in faccia la Felicità   Ciao Papo, recita la didascalia del video: “State vedendo una proteina miosina tirare un’endorfine lungo un filamento per la parte interna della corteccia parietale del cervello che genera la felicità. Stai guardando la felicità”. Praticamente impazzisco d’Amore e mi scervello a scrivere Battute e […]
15 febbraio 2018

Lettera 443

Diritto d’Anarchia     Ciao Papo, questa è la porta di casa nostra, te la ricordi vero? Il Maggiolino “Just married”, “Casa Nicolini, Andrini e Piccolo Agato” a Festeggiare il Tuo arrivo, eri il “Progetto Piccolo Agato” prima di atterrare tra Noi. Poi il Furgone T1 VW, la ghirlanda d’inverno […]
12 febbraio 2018

Lettera 441

Ingozzarsi d’Amore     Ciao Papo, stai sfrecciando come un Razzo Missile nel Cosmo? O stai tirando avanti e indietro le lancette di Tempo e Stagioni? O eri il Pettirosso di giovedì scorso?   Buchi tre crateri nell’anima che si sentono nel profondo di ‘sto corpo mortale nel Tuo buco […]
11 febbraio 2018

Lettera 440

Fratelli Pilotta Portatori Sani di Luce e Sole!     Ciao Papo, io è meglio che non ti scriva perché sono alle prese col tappare i tre grossi buchi… lascio la parola a Totta: Tutta Entusiasta perché ho acconsentito ad una sua richiesta espressa con estrema delicata paraculaggine: “Papi, sono […]
9 febbraio 2018

Lettera 439

Lei e l’Universo     Ciao Papo, oggi prendi questo, mescolalo tra Poesia e Ironia, mettilo insieme Tu e se riesci dimmi dove devo andare.   Poesia Quando non avrai bisogno del mio calore sul tuo seno …allora ci ameremo. Quando non ci saremo persi l’universo per starci accanto …allora […]
6 febbraio 2018

Lettera 438

Albero, Voglia, Fantasia e Talento     Ciao Papo, carte segnate alla nascita, mescolate e perse nel mazzo, tutti che parlano alla Luna, la Luna che ascolta tutti e non parla con nessuno. Da sabato non Ti scrivo, Tu sai che faccio fatica a non scriverti perché a scriverti fatica […]