Scroscia Autunno

 

 

Ciao Papo,
nella Lettera di ieri ti ho riempito di parole. Discorsi per i quali mi sarebbe servito un tuo Sagace, Perentorio e Arguto commento tipo questo:
Qualche sera fa in un boschetto vicino casa, abbiamo visto uno Straordinario spettacolo di lucciole, astenersi maliziosi. Sicché quando vien buio, di tanto in tanto, torniamo a vederle. Ieri ci abbiamo portato i Nonni ma manco una… faccio: “Papo, racconta ai Nonni che Spettacolo quella sera che c’era tutto il prato pieno di lucciole che sembravano le luminarie di Natale ed anche gli alberi erano illuminati dalle lucciole e camminavamo nel vialetto in mezzo alle lucciole… dai diglielo Papo!”. Clint Eastwood, ohps Tu Papo: “Pà, se evitavi di dire tutto tu avrei potuto raccontarglielo”.
 
Oggi voglio provare a lavarmi sotto la pioggia e togliere parole, anche perché ieri ed oggi sono state giornate molto intense e sono tornate copiose le lacrime. Tu sei l’Unico Elemento della mia vita al suo posto, il resto, tra assenza, presenza, mancanza, aspettativa di miglioramento, paura del cambiamento animano un delirante quotidiano. Papo, com’è bello dove non si può tornare indietro e non si possono fare paragoni con oggi. Quell’indietro deve restare lì Bellissimo come Bagaglio, Base, Staffa, Fondamenta su cui edificare ed erigere ogni momento che crea l’oggi, il presente. “Mollare, non mollare… Spaghetti, non spaghetti… Ti preoccupi troppo per ciò che era e ciò che sarà. C’è un detto: ieri è storia, domani è un mistero, ma oggi… è un dono. Per questo si chiama presente!”. Diceva così Maestro Oogway a Po in Kung Fu Panda.
Ce lo hai Regalato anche Tu nel Tuo “Rok nel sangue” ciò che ci aspettava:
“…noi siamo i rocchettari che vivono di Rok
in cerca di coraggio per un nuovo viaggio
per noi questo è Rok, noi viviamo così
e siamo in cerca di coraggio, per un nuovo viaggio”.
 
Oggi Papo voglio provare a scriverti un Haiku per ripulirmi dalle troppe inutili parole. Scrivere dei Bellissimi Haiku è un’impresa, ci sono parecchie regole da rispettare, io provo a farcela seguendo le due più semplici: l’assenza di un titolo e la metrica, deve essere composto da 3 versi per un totale di 17 sillabe, suddivise secondo la struttura 5-7-5.
Scroscia Autunno
lava l’Anima nostra
Beata, ride!
 
Papo, goditi la Tua Bella Compagnia e non dare troppo ascolto a ‘sto vecchio logorroico, ci riuscissi anche io sarei in groppa al Cammello con le Corna!
Papà
29 novembre 2017

Lettera 393

Scroscia Autunno     Ciao Papo, nella Lettera di ieri ti ho riempito di parole. Discorsi per i quali mi sarebbe servito un tuo Sagace, Perentorio e Arguto commento tipo questo: Qualche sera fa in un boschetto vicino casa, abbiamo visto uno Straordinario spettacolo di lucciole, astenersi maliziosi. Sicché quando […]
28 novembre 2017

Lettera 392

Preghiera del buonumore   Ciao Papo, uno promette perché si sente in grado di farlo ed è bello vivere l’entusiasmo di farlo. Poi però succede che cambia l’umore, giorno, aria e la promessa non si mantiene. Ieri ti ho promesso che ti raccontavo dell’8 che si sdraia e diventa un […]
27 novembre 2017

Lettera 391

Brividi al Cuore     Ciao Papo, stamattina a Coelhone è uscita questa: “Il guerrigliero della penombra, crede nel progresso. Come Marx crede esista una forza positiva, oggettiva, che spinge la Storia verso il meglio. L’Intelligenza dei Popoli. Crede che ora, ancora, l’umanità non sia matura ma crede che il […]
23 novembre 2017

13.12.’17 ore 10.01

13.12.’17 ore 10.01   Ciao Tutti, se siete analogici come me che sono figlio degli anni ’70, segnatevi sull’agenda il giorno 13.12.’17 alle ore 10.01. Se siete Evolutissimi Bipedi 2.0 segnatevi nel telefonino o nel tablet il giorno 13.12.’17 alle ore 10.01. Quel giorno a quell’ora succede che vi facciamo […]
22 novembre 2017

Lettera 386

Contento di morire     Ciao Papo, qualche settimana fa Gabriella, una Signora che legge le Lettere, mi ha suggerito di avvicinarmi ad Alberto Maggi. E’ un Frate. Gabriella dice che Te, lui ed io diciamo la stessa cosa riguardo l’inesistenza della morte. Pensa che come Te e me è […]
21 novembre 2017

Lettera 385

Come Dick Fosbury     Ciao Papo, sono morti Riina e Manson adesso dove vanno le loro anime? Uno boss mafioso, l’altro serial killer, a cosa è servito questo passaggio terreno alla loro anima? Loro sì che meritano di essere morti e che dopo la morte non ci sia più […]
20 novembre 2017

Lettera 384

Fino all’ultimo punto     Ciao Papo, lunedì, ricomincia e finisce tutto con la domenica sera. Da questa parte dell’Infinito il tempo è scandito dalle settimane, alcune scorrono veloci, troppo, altre lente che sembrano non passare mai. Sono molto curioso di sapere come si vive in un tempo non scandito […]
17 novembre 2017

Accetta il Consiglio di Nonna Annalisa e Nonno Zazzà

  Buongiorno a Tutti, mi tolgo subito dall’imbarazzo di dirvi ciò che tengo a comunicarvi andando dritto al dunque. Io non faccio marketing, anche il lettore più distratto lo sa. Nella storia di Papo non ci sono le classiche dinamiche di mercato, non si sfruttano le emozioni delle persone, non […]
14 novembre 2017

Lettera 380

Gelataio della Meraviglia     Ciao Papo, domenica mattina, Totta facendo i compiti: “La nuora è la femmina del maiale?”. Io e Mamma ribaltati, nuora e scrofa in effetti sono facilmente confondibili… mentre prosegue a fare i compiti mi arriva un messaggio da Macilla: “Dai un bacino a Totta che […]
12 novembre 2017

Lettera 379

Campione del mondo dei due Mondi     Ciao Papo, porta pazienza oggi, è domenica e Totta è a una festa di compleanno in piscina. Io tra poco vado a giocare a calcetto con Miky e Tommy, qui abbiamo sempre tutti la curiosità di sapere se Tu e Davide vi […]