Meteora d’Amore

 

 

Ciao Papo,
quando sei nato ho montato questo video:
https://www.youtube.com/watch?v=xLLHtIVNmho
 
ti avevo scritto ‘ste robe:
Chi l’ha detto che lo scorrere del tempo lo misura il tempo?
Un pazzo! Uno che a mostrargli la luna guardava il dito…
L’orologio mica quantifica lo scorrere del tempo.
Sveglie, cipolle, cronometri, fanno solo statistica ma non misurano il tempo.
Ah, il tempo… il tempo è un bimbo che cresce, quanto ci vuole per crescerlo?
Stacci con l’orologio, dai, su, misura…
il tempo è quel qualcosa che non ha limite né misura, dolce cura che supera smarrimento e paura.
Il tempo è una fessura, che spingo finché ci passo, perché la montagna è solo la somma di qualche sasso.
 
Figliooo che non è bello perché mio
ma solo perché è figlio
foglio bianco
ho sonno, son stanco
ma non te lo so dire e scoppio in un pianto.
Bicchiere vuoto, calice da riempire,
acqua da versare e gioia da bere
speranza cui brindare
tempo da masticare
storia da iniziare, proseguire e continuare
futuro da stare ad ascoltare
tempo nelle mani e canto di gabbiani
naso all’aria a mirare e rimirare aeroplani
poi magari era solo un gufo
ma non importa perché per me è tutto un ufo
e allora prendetemi per mano e portatemi a scoprire un altro arcano.
 
Scambierai le cose brutte per belle
piangerai per le cose belle che in realtà sono brutte
non capirai e sarà tutto un gran trambusto
e consigli non ho da darti
perché ognuno ha la sua cura
e trovare la propria è assai dura
magari è anche la stessa
ma ad ognuno la sua misura.
Solo un motivetto ti canticchiavo nel letto:
“Rimani così perché sei già perfetto!”.
Tienitelo stretto!
E se proprio vuoi che ti dia un consiglio,
regalalo ogni dì a chi ti fa un dispetto
perché non è un lupo ma un coniglietto.
 
Ci stiamo lavorando con Macilla e Scatolo e sta diventando la nostra Bohemian Rhapsody, si passa dal parlato allegro e ben augurale, al canto romantico, passando al rap e chiudendo in un rock sincopato. Un Bellissimo e armonioso guazzabuglio di Fantasia e Amore come sei Tu Papo!
A guardarla coi semplici occhi che abbiamo noi di qua dall’Infinito, gli occhi di chi fa e gestisce cose terrene e quotidiane è andata come nemmeno la peggiore maledizione poteva predire, nel modo più ingiusto che si possa immaginare. Però e comunque essere tuo padre era e continua ad essere un Grandissimo Onore! Resta la felicità di averti conosciuto, cresciuto, di aver giocato con te ed esserci divertiti insieme, per troppo poco però cazzo. Dicono che la tua anima aveva bisogno di questo breve passaggio per evolvere, ora è altrove e sta meglio. Le nostre anime così segnate stanno evolvendo anche loro? Storia di anime che si fanno belle nell’Amore che tiene botta a ogni dolore. Tutto questo è lo scotto e il pegno per averti conosciuto e vissuto. Resti, ci sei e Sei, sempre e comunque.
 
Ciao meteora dell’Amore!
Papà
5 aprile 2017

Lettera 187

Meteora d’Amore     Ciao Papo, quando sei nato ho montato questo video: https://www.youtube.com/watch?v=xLLHtIVNmho   ti avevo scritto ‘ste robe: Chi l’ha detto che lo scorrere del tempo lo misura il tempo? Un pazzo! Uno che a mostrargli la luna guardava il dito… L’orologio mica quantifica lo scorrere del tempo. […]
3 aprile 2017

Lettera 186

L’attesa, a furia d’essere ingannata si fiderà ancora?     Ciao Papo, ieri siamo andati con la bimba Viola in fattoria. C’erano un sacco di animali, ti sarebbe piaciuto molto, c’erano anche degli struzzi che struzzi non erano ed ho pensato a te e alle tue conoscenze di piccolo etologo […]
30 marzo 2017

Lettera 183

Assaggi di vita     Ciao Papo, i capelli non ti dice più nessuno di tagliarli, nemmeno di non correre e manco di studiare. Di non prendere in giro tua sorella? E di non far incazzare Mamma? Di fare il bravo con Nonna e non farle gli scherzi? Chi ti […]
28 marzo 2017

Lettera 182

La Primavera e il Randagio     Ciao Papo, giubbino di pelle, scuoiato da una mucca di plastica, scarpette nuove, le stesse Samba che porto da 25 anni quando riesco a trovarle. Non ci sono riuscito e le ho prese su internet, come facevamo coi film e con i giochi […]
27 marzo 2017

Lettera 181

Non c’è trippa per gli stronzi     Ciao Papo, meno di due mesi ed uscirà il tuo libro, il 20 maggio, giorno del tuo undicesimo compleanno. La Rivoluzione d’Amore sarà un gran bel casino da gestire bene. Dovrò trovare anche io il giusto compromesso tra papà, scrittore, papà-scrittore e […]
24 marzo 2017

Lettera 179

Parole   Ciao Papo, oggi rendiamo omaggio alle Parole. Quel filo sottile ma saldo che ci tiene legati insieme. Totta e la scoperta della scrittura. Scriveva interminabili strisce di lettere ripescandole nella memoria e tutta entusiasta mi chiedeva: “Papà cos’ho scritto?”. Io provavo a decodificare la lunga striscia, gliela sillabavo e […]
22 marzo 2017

Lettera 177

Frammenti d’un bernoccolo     Ciao Papo, ti ricordi quando t’era venuto il Bernoccolo? Io aprivo la portiera della Multipla, tu correvi verso l’auto, quando le cose devono andare di sfiga il sincronismo tra azioni apparentemente normali, che poi risulteranno infauste, riesce sempre ad essere terribilmente perfetto e sbadabem con […]
21 marzo 2017

Lettera 176

Il bambino in bianco e nero     Ciao Papo, oggi ti faccio raccontare una storia dalle parole di un’altra mamma, dai disegni di un’altra sorellina e dalla mia voce che non è un granché ma è la voce sentita di un amico che sa cosa vuol dire avere a […]
20 marzo 2017

Lettera 175

Sarà che sono pirla…     Ciao Papo, dopo centinaia di messaggi francamente mi sembrava una boiata scriverti nel giorno della festa del papà. Me la sono messa in tasca e mi sono vissuto la giornata, spensierata il più possibile, il mattino in bici con Totta, abbiamo fatto un giro […]
17 marzo 2017

Lettera 174

Vietato morire     Ciao Papo, ti ho rotto le balle oggi con quattro Lettere eh…! Così… mi piaceva ricordare a chi ci legge che è tutto vero quello che scriviamo, che le fonti di ispirazione che mi dai sono inesauribili e che il pensiero di te è costante e […]