Il Randagio alla Luna

 

 

Ciao Papo,

di tanto in tanto nelle nostre Lettere passa il Randagio. Da giorni lo incontro in giro, non mangia, non dorme, sente una fitta nella bocca dello stomaco, cerca, gironzola, si gira da un lato e dall’altro, si alza, fa una pisciatina, no non per segnare il territorio, non ha territorio il randagio, vaga senza meta, qualche boccone d’avanzo, un vissuto glorioso, grandi speranze, intanto sta al suo posto, un posto che non c’è in ‘sto mondo.

 

esiste solo nei fumetti.
Anche Marciano non è stato imbattuto.

Rocky ha perso fuori dal ring
perché ha evitato Kid Rivera.

Nella vita reale non puoi evitare nessuno,
specialmente i peggiori: famiglia e amici.

La vita non è un incontro per dilettanti di tre round,
ma un campo di sterminio dove fai cose cattive per sopravvivere.

Un combattimento a pugni nudi in un porcile
senza campana o arbitro che ti salvino.

Ho più cicatrici nell’anima
che sulle sopracciglia.

Le ossa rotte non sono nulla
in confronto ad un cuore spezzato, ai sogni infranti.

Le donne, i tuoi figli,
si divertono a farti soffrire

più di un pugile
che tira colpi bassi.

Puoi forse vincere sul ring,
ma non vincerai mai

più di un paio di round
nella vita.

Forse è per questo che abbiamo gli sport.
Per illuderci,

pensando che è possibile vincere
qualche volta,

da qualche parte,
in qualche modo.
Paul Polanski

 

Si aspetta e si tace, in religioso silenzio. Soli sul dischetto davanti al portiere che ha le mani enormi e la porta si fa sempre più piccola. Soli raggomitolati su sé stessi, vestititi soltanto dei propri Sogni, protetti da un pezzo cartone, lo zerbino lo ripudia il randagio. Soli davanti al baratro, che mai nella vita ci saresti voluto stare e mai ci avresti voluto mettere qualcuno, lo ha già scritto Polanski come girano le cose in ‘sto mondo. Impara a respirare in assenza di ossigeno il randagio. Casa, non si può. Un occhio verde e uno marrone il randagio, come Bowie, come lui dopo aver incontrato Freddie, ulula alla Luna “Under pressure”, ma la Luna è redunda, pelanda e ascolta tutti e non parla con nessuno.

 

Papo, Buona Luna a Te che la svuoti e la riempi.

Papà

8 gennaio 2018

Lettera 419

Il Randagio alla Luna     Ciao Papo, di tanto in tanto nelle nostre Lettere passa il Randagio. Da giorni lo incontro in giro, non mangia, non dorme, sente una fitta nella bocca dello stomaco, cerca, gironzola, si gira da un lato e dall’altro, si alza, fa una pisciatina, no […]
7 gennaio 2018

Lettera 418

Riparto dal mio posto     Ciao Papo, i giorni in cui non ti scrivo sono quelli nei quali ho più cose da dirti, troppe, persistenti e Te le ripeto tutto il giorno mentre mi intrattengo con Totta. Sono due settimane che stiamo insieme tutti i giorni, tutto il giorno […]
30 dicembre 2017

Lettera 415

Spiegamelo Tu l’Amore     Ciao Papo, oggi finalmente sei tornato a salutare, quella Piumetta nel box non ce la poteva infilare nessuno se non Tu. Da una settimana sto uscendo a correre tutte le mattine perché ho bisogno di forza, vitalità, coraggio e stare bene. Tutte le mattine mentre […]
29 dicembre 2017

Lettera 414

L’Orizzonte nella lente     Ciao Papo, me la fai fare qualche Sana Fragorosa risata?   “Papo, senti che bella la canzone di questo ragazzo, sai che è ricchione?”, Ti dico in procinto di mettere su una canzone di un famoso cantante, e parto per l’ennesima lunga spiegazione sui gay […]
28 dicembre 2017

Lettera 413

Casa Libera Tutti   Ciao Papo, te la lasci fare qualche domanda? Riesci però a rispondermi stanotte in sogno? Io chiudo gli occhi, mi rilasso, saluto gli altri tre miei Amici Custodi e ti penso. Dove stai Tu si prendono decisioni che scontentano qualcuno? Esiste il principio di causa ed […]
27 dicembre 2017

Lettera 412

Mettersi a posto la Vita     Ciao Papo, oggi è tornata a parlarci e a far parlare di Lei. La Zia Isa era stanca di stare da ‘sta parte dell’Infinito ed è tornata dove aveva voglia di stare. Io dopo un’intera vita vissuta non riesco proprio a vederla come […]
26 dicembre 2017

Lettera 411

Continuare a Nascere   Ciao Papo, Natale 2009, avevi 3 anni, scartati i regali, giocasti per oltre due ore con un gormita parlante che andava avanti imperterrito a ripetere la stessa frase ma non si capiva bene cosa dicesse. Durante il pranzo ci illuminasti: “Papà, il gormita metà uomo e […]
24 dicembre 2017

Lettera 410

Due Bambini due!     Ciao Papo, ti passo Tua Sorella: Centro commerciale, negozio di elettronica ed elettrodomestici, faccio a Totta: “E se comprassimo alla Mamma un qualche abito?”. Totta: “Sì, qui dentro le prendiamo un bellissimo vestito di telecomandi…”. Io: “Totta, andiamo a cercare il regalo alla Mamma al […]
22 dicembre 2017

Lettera 409

Non so quando sarà ma Sarà!     Ciao Papo, ué Brad Pitt dei Bambini, va che faccia da Pirletto che hai…!! A Te la Responsabilità di sconfiggere la morte, a Noi quella di vivere. Confessioni di una mente pericolosa… Totta: “Io rido solo se vedo qualcosa che mi fa […]
21 dicembre 2017

Lettera 408

Lascia parlare il Silenzio     Ciao Papo, quanto sono dure le continue botte che tira ‘sta vita? Ma non era molto più facile chiudersi come hanno fatto quasi tutte le persone con un vissuto simile al mio? Arriverà Sorella Fede che resterà dentro e spazzerà via dolore, sofferenza e […]