La dura legge del pollice opponibile

 

 

Ciao Papo,
ti ricordi quando siamo stati in vacanza a Berlino?
Gli zii Pallini qualche mese dopo di noi avevano comprato anche loro il camper e spesso facevamo coppia fissa. Voi cuginetti eravate felici, per voi il camper era la carovana degli indiani. Era sempre un viaggio all’avventura. Meno quando visitavamo le città, soprattutto la settimana a Berlino fu una palla per voi bambini. Ad un tratto, dopo tre giorni di sali e scendi da metropolitane ed autobus col passeggione, chilometri e chilometri tra piedi e monopattino, musei, piazze e muro salisti su un gradone e gridasti all’ammutinamento, con tutti i passanti tedeschi che ti guardavano stupiti. Una roba tipo: “Basta! Bambini ribelliamoci! Ci siamo stufati, siamo in vacanza, ci ha rotto le palle Berlino. Ci siamo scocciati di camminare e visitare le città. Non è per niente divertente. Vogliamo andare davvero in vacanza! Andiamo al camper e partiamo per il mare!”. Come sempre tutti stupiti e piegati dal ridere. Da lì a poco salutammo Berlino. Ci portammo via quest’immagine che ti piaceva molto e questo pensiero.
Mille chilometri per andare a vedere un muro
mille metri di museo sotto un unico cielo
mille pensieri sulla coscienza dell’essere umano
un murale su tutti ne raccoglie e spiega il senso
in modo netto, chiaro, inequivocabile.
il pollice opponibile,
intelligenza e libero arbitrio incatenati
per smettere di perpetrare danni.
Arte… spiegare senza parlare ecco a cosa serve!
Papo, il cuore come sempre, ce l’hai messo tutto tu!
Papà
17 marzo 2017

Lettera 173

La dura legge del pollice opponibile     Ciao Papo, ti ricordi quando siamo stati in vacanza a Berlino? Gli zii Pallini qualche mese dopo di noi avevano comprato anche loro il camper e spesso facevamo coppia fissa. Voi cuginetti eravate felici, per voi il camper era la carovana degli […]
17 marzo 2017

Lettera 172

Il senno di prima…     Ciao Papo, scrivendo il tuo libro “La Rivoluzione d’Amore” in un capitolo mi era venuto da mettere insieme uno dopo l’altro dei fatti curiosi ed eloquenti. A ripensarci e rileggerli col senno di poi mi spiazzano e mi fanno pensare che forse tu o una parte […]
17 marzo 2017

Lettera 171

CamperOne Rules     Ciao Papo, ieri è stato il compleanno di Luna, la tua fidanzata, come dicevi tu, ha compiuto 4 anni. Mamma le ha preso un bell’osso! Se lo sgranocchia e se lo porta in giro da per tutto, giù dai Nonni, in giardino, lo riporta su da […]
16 marzo 2017

Lettera 170

Totta è una Luce… è la Strada!   Ciao Papo, ué, ne avessi visto uno dei colombi o uccelli con quelle piumette così bianche che ci fai volare intorno… domenica mattina una dopo l’altra tre piumette bianche. L’ultima strabiliante, in piazza a Novate mentre salutavamo gli amici. Parecchia gente intorno, […]
10 marzo 2017

Lettera 167

La Primavera   Ciao Papo, quant’è Bella la Primavera? Quanto fa bene la Primavera? Respirarla così da vicino e sentirne il caldo abbraccio mi ha fatto scappare di scriverle ‘sta roba da “Ronticone” (Romanticone ndr) quanto ci siamo divertiti a storpiare le parole e a renderle più nostre…   La […]
9 marzo 2017

Lettera 166

Piccole Donne Crescono   Lettera 166 Ciao Papo, ti parlavo di retorica e utopia. Di quanto è vuota la retorica. Ecco, tua sorellina a 8 anni scrive pensieri così Pieni, Precisi, Ficcanti e Profondi: La donna e la mimosa La donna è una perla gialla che balla che balla non […]
8 marzo 2017

Lettera 165

Tutto è Uno     Ciao Papo, oggi Zia Palli li compie tondi tondi. Se ti ha pensato e parlato tanto sarebbe bello le facessi trovare uno dei tuoi Bellissimi Regali! 8 marzo, data della soluzione di continuità tra il rogo in una fabbrica di camicie, le manifestazioni in favore […]
7 marzo 2017

Lettera 164

Abbraccia l’albero da ascoltare   Ciao Papo, l’altro giorno tagliavo le unghie a Totta, il leggero fastidio doloso le ha fatto tornare in mente l’albero sotto il quale eravamo parcheggiati col Camperone a baia Sistiana. Quegli aghetti che le si infilavano nelle dita, nelle chiappe, nell’accappatoio. Te li ricordi Papo […]
1 marzo 2017

Lettera 161

Vado a farmi il mondo   Ciao Papo, ieri sera con Totta e Mamma ci siamo guardati Staying alive. Sì quel vecchio film sulla danza, il ballo in realtà è passione e pretesto del film, il messaggio di fondo è che anche sei hai un talento esplosivo ed una faccia […]
27 febbraio 2017

Lettera 160

Le coccole del carrarmato    Ciao Papo, oggi sono proprio stanco perché alle tre e mezza ero già in piedi a scrivere il nostro libro e a lavoro sono indietro e alle sette e mezza di sera ero ancora lì. No, non mi lamento, non ci si deve mai lamentare, […]