Homo Felix

 

 

 
Ciao Papo,
ho iniziato a leggere un libro che Desidero mi torni molto utile: “Da homo sapiens a homo felix (Manuale di teoria e pratica della felicità)” lo ha scritto il signore tramite il quale ho approcciato lo “Yoga della risata” seguendone il corso. Dalle prime pagine:
“Avevo otto, forse nove anni e non ricordo di preciso quale fu il motivo ma ricordo bene che un giorno dissi a mio padre: “Secondo me le persone sono un po’ stupide perché si danno un sacco da fare per fare delle cose che non le rendono felici!”. Mio padre mi guardò molto ma molto, ma molto male e mi disse: “Non provarti mai più a dire che una qualsiasi persona possa essere stupida e ricorda che anche sulla Bibbia sta scritto ‘Ti guadagnerai il pane con il sudore della fronte’ su questa terra non si può essere felici!”.
Io che pensavo di aver detto una cosa intelligente, ci rimasi molto, ma molto, ma molto molto male, non affrontai più l’argomento e mi adeguai all’idea che l’unica cosa che restava da fare era quella di guadagnarsi da vivere con il sudore della fronte anche perché su questa terra non si può essere felici”.
Papo, questo è ciò che la cultura imperante ci propina. Cui ci piega e sottomette. io mi sono sempre slegato da questo perché io non sono mai stato così. Tu hai sempre contestato questo modo d’essere e questo stato delle cose reputando folli le famiglie che facevano fare ai propri figli scuola, compiti, catechismo, uno sport e uno strumento musicale. Tu andavi a scuola, avevi da fare i compiti e poi basta! Poi volevi Giocare, Divertirti, Rilassarti, Annoiarti, Inventarti Storie, Battute e Canzoni, guardarti film comici, avventurosi e documentari e leggerti tutte le Tue cose sugli animali. La Tua Saggezza Bambina è sempre stata Straripante! Alla faccia del bambino cardiopatico… hai tenuto insieme una famiglia facendola vivere da Famiglia! Non delegando la Tua educazione e quella di Totta ad altri estranei ma a Mamma e me, hai fatto Vivere la Tua Famiglia Insieme! Inventandocene di nuove ogni giorno semplicemente seguendoti ed assecondando la Tua Vitalità, la Tua Curiosità, la Tua Voglia di Scoprire, la Tua testa di legno, i Tuoi modi e i Tuoi ritmi. Papo, che Regalo ci hai fatto e ci siamo fatti a vivere a modo Nostro…!!? Mamma facendo la Mamma e standovi dietro anziché sbattervi in un nido, Tu e Totta facendo i Bambini anziché gli ingranaggi neonati in una vita di corsa fuori da casa. Abbiamo avuto la Fortuna e la Saggezza di Regalarvi e Regalarci questa vita! Con meno soldi ma tanto più Tempo e tanta più Felicità! Abbiamo avuto la Forza e il Coraggio di Credere nel Nostro Benessere e nella Nostra Felicità! Nulla di strano, solo ciò che dovrebbe essere se ‘sto mondo non andasse così di corsa. Così di corsa verso cosa poi?
 
Papo, poi ieri ho letto quest’altra:
“Claudio Baglioni sembra uno che sta facendo una rapina con la maschera di Claudio Baglioni”.
Grazie a Giorgio Magri per avermi davvero fatto ridere tanto! Battuta Geniale!
 
Papo, e questa che ha quarant’anni:
I giovani non hanno bisogno di prediche, i giovani hanno bisogno, da parte degli anziani, di esempi di onestà, di coerenza e di altruismo. (dal discorso di fine anno, 31 dicembre 1978)
 
Papo, questa anche:
“Formigoni: comunione e carcerazione”.
Grazie a Vincenzo de Vita per avermi davvero fatto ridere tanto! Battuta Geniale!
 
Papo, poi ho letto quest’altra ancora che di anni ne ha probabilmente un centinaio:
“Lavorando tutti solo 4 ore al giorno porremmo fine a guerre e fame nel mondo, invece abbiamo preferito far lavorare fino allo sfinimento poche persone, lasciandone morire di fame altre”: Bertrand Russell
Come molti uomini della mia generazione, fui allevato secondo i precetti del proverbio che dice « l’ozio è il padre di tutti i vizi ».
Poiché ero un ragazzino assai virtuoso, credevo a tutto ciò che mi dicevano e fu così che la mia coscienza prese l’abitudine di costringermi a lavorare sodo fino ad oggi. Ma sebbene la mia coscienza abbia controllato le mie azioni, le mie opinioni subirono un processo rivoluzionario.
lo penso che in questo mondo si lavori troppo, e che mali incalcolabili siano derivati dalla convinzione che il lavoro sia cosa santa e virtuosa; insomma, nei moderni paesi industriali bisogna predicare in modo ben diverso da come si è predicato sinora.
lo voglio dire, in tutta serietà, che la fede nella virtù del lavoro provoca grandi mali nel mondo moderno, e che la strada per la felicità e la prosperità si trova invece in una diminuzione del lavoro.
Il concetto del dovere, storicamente parlando, è stato un mezzo escogitato dagli uomini al potere per indurre altri uomini a vivere per l’interesse dei loro padroni anziché per il proprio.
L’ozio è essenziale per la civiltà e nei tempi antichi l’ozio di pochi poteva essere garantito soltanto dalle fatiche di molti.
Tali fatiche avevano però un valore non perché il lavoro sia un bene, ma al contrario perché l’ozio è un bene.
La tecnica moderna ci consente di distribuire il tempo destinato all’ozio in modo equo, senza danno per la civiltà.
Se il salariato lavorasse quattro ore al giorno, ci sarebbe una produzione sufficiente per tutti e la disoccupazione finirebbe, sempre che si ricorra a un minimo di organizzazione. Questa idea scandalizza la gente perbene, convinta che i poveri non sappiano che farsene di tanto tempo libero.
In un mondo invece dove nessuno sia costretto a lavorare più di quattro ore al giorno, ogni persona dotata di curiosità scientifica potrebbe indulgervi.
Soprattutto ci sarebbe nel mondo molta gioia di vivere invece di nervi a pezzi, stanchezza e dispepsia.
Il lavoro richiesto a ciascuno sarebbe sufficiente per farci apprezzare il tempo libero, e non tanto pesante da esaurirci.
E non essendo esausti, non ci limiteremmo a svaghi passivi e vacui. Almeno l’uno per cento della popolazione dedicherebbe il tempo non impegnato nel lavoro professionale a ricerche di utilità pubblica e, giacché tali ricerche sarebbero disinteressate, nessun freno verrebbe posto alla originalità delle idee.
Ma i vantaggi di chi dispone di molto tempo libero possono risultare evidenti anche in casi meno eccezionali. Uomini e donne di media levatura, avendo l’opportunità di condurre una vita più felice, diverrebbero più cortesi, meno esigenti e meno inclini a considerare gli altri con sospetto.
La smania di far la guerra si estinguerebbe in parte per questa ragione, e in parte perché un conflitto implicherebbe un aumento di duro lavoro per tutti.
Il buon carattere è, di tutte le qualità morali, quella di cui il mondo ha più bisogno, e il buon carattere è il risultato della pace e della sicurezza, non di una vita di dura lotta.
I moderni metodi di produzione hanno reso possibile la pace e la sicurezza per tutti; Noi abbiamo invece preferito far lavorare troppo molte persone lasciandone morire di fame altre.
Perciò abbiamo continuato a sprecare tanta energia quanta ne era necessaria prima dell’invenzione delle macchine; in ciò siamo stati idioti, ma non c’è ragione per continuare ad esserlo”.
Papo, da ‘sta parte dell’Infinito sembra sempre che le faccende davvero Prioritarie e la Felicità siano robe di poco conto perché bisogna sempre andare di corsa in ‘sta vita…
 
Totta ed io abbiamo festeggiato Nonna al ristorante, siamo stati in Buona Compagnia al parco, abbiamo fatto la ricerca sulle “Cinque terre”, abbiamo imparato la poesia a memoria, ci siamo mangiati la pastina coi Nonni e prima di nannare ci siamo guardati un paio di episodi di Icap e Sdentato a Berk.
 
Dopo tutta ‘sta roba che ha affollato la mia mente, prima di addormentarmi sono venuto a cercare un po’ di Te, in quello che sarà il Libro delle Massime e delle Battute Tue e di Totta, il Libro dei due Fratelli a cavallo dell’Infinito che fanno Bene a ‘sto mondo facendolo Ridere e Rilassare con il loro Semplice Spirito Bambino privo del vizio di dovercela fare ad ogni costo.
 
Parlando del secondo episodio di Capitan America: “Papà perché nei film della Marvel i cattivi ce l’hanno sempre con l’America? Perché è un territorio forte con gente grossa e cicciona che fa paura agli alieni?”. C’hai preso su tutto Papo!
 
Tu Papo sollevandoti da terra all’ennesimo lamento della giornata: “Ah che male al ginocchio!”.
Mamma: “Papo ma ce le hai tutte tu oggi!!?”.
Tu: “Eh… non è colpa mia se sono sentimentale…”.
 
Fai pratica ad andare in strada in bici. Discesona, Tu vorresti farla pian pianino scendendo dalla bici, io ti esorto a rimanere in sella ed usare i freni. Ti convinci e gridi come un kamikaze: “Arrestate mio padre quando morirò!”.
 
Siamo in pieno delirio da montaggio del castello di Hogwarts di Harry Potter della Lego. In una torre c’è una scala a scomparsa, Tu Papo con in mano Harry per farla uscire fuori inventi la formula magica: “Scalus scendus”. Mentre me la ghigno il gioco passa a Totta che con in mano Ermione rincarare la dose: “Scalus fai come primus!”.
 
Ho provato ad addormentarmi il più sereno possibile, abbracciato a Totta, realizzando che non ci sono leggi universali valide per tutti in ‘sta vita, a governare ‘sto passaggio terreno cosciente, ma c’è il Percorso che ognuno si sceglie prima di venire a ‘sto mondo e poi c’è la Sfida standoci in mezzo e giocandosela con il proprio e con il libero arbitrio altrui ed ho l’Assoluta Certezza che Tu e Totta Siete due Anime Felici!
Papà
25 febbraio 2019

Lettera 601

Homo Felix       Ciao Papo, ho iniziato a leggere un libro che Desidero mi torni molto utile: “Da homo sapiens a homo felix (Manuale di teoria e pratica della felicità)” lo ha scritto il signore tramite il quale ho approcciato lo “Yoga della risata” seguendone il corso. Dalle […]
23 febbraio 2019

Lettera 600

Ripari   Ciao Papo, ieri avevo così bisogno di un Abbraccio Vero e sei venuto a darmelo con questa Piuma, incrociata come sempre per Caso in un avanti e indietro tra scrivania, macchinetta del caffè e BlueSky per prendermi una gomma da masticare. All’ennesimo andirivieni, eccoti posato candido sul marciapiedi […]
15 febbraio 2019

Lettera 596

Ciao Papà,Ehi Ciuccellone, sono lo scout della Anime Bambine. Sono il Bambino Farfalla. Creo tutto quello che riesco ad immaginare. Coloro tutto. Faccio la neve.Smettila di piangere, lo sapevi che in questa vita non ci stavo tanto. Stai bene e ridi! Scrivi il Nostro Libro e Canta le Nostre Canzoni.Ti […]
8 febbraio 2019

Lettera 592

Risata di Dio     Ciao Papo, questo Lego è ancora sulla mensola della Tua cameretta e ci rimarrà Sempre! Avevamo visto Sfide, la puntata raccontava l’Epopea di Alex Zanardi, qualche giorno dopo giocando con i miei vecchi Lego, trovammo tre omini ed uno aveva le gambe rotte. L’incrociarsi dei […]
4 febbraio 2019

Lettera 590

Milleduecento “Usa la vita!”     Ciao Papo, sei venuto con me a Canicattì? Hai visto quanti ragazzi? Hai visto? Sono stato introdotto come il papà delle Lettere al Figlio che non è più in questa vita, roba triste e spiazzante, ma me li sono presi tutti e milleduecento in […]
29 gennaio 2019

GRAZIE A TUTTI! LEGGETE, GRAZIE!

  Chiedo scusa alle duemila e passa persone cui ancora non ho risposto o contraccambiato il saluto. Sempre per tutte le 7.000 richieste di amicizia… è assillante ‘sta cosa, lo so e scusate! Fidatevi che è molto più soffocante per me che per voi e sto accogliendo questa Ondata di […]
29 gennaio 2019

Lettera 588

Ridere Seriamente!     Ciao Papo, guarda che bellissimi unicorni! io sono il pony metalmeccanico… domenica sono tornato a casa di Sonia, il Nostro Ponte, ma non per parlare con Te. Ieri infatti ti ho lasciato tranquillo e mi sono goduto la compagnia di quanti con cui ho trascorso una […]
15 gennaio 2019

Lettera 585

Angelo del Vento!       Ciao Papo, la fiammella della candela bianca era ferma. Sei arrivato, non solo nel Sentire del Ponte. La fiammella ha iniziato ad ondeggiare e rilasciare una strisciolina di fumo nero. Lo hanno visto i miei occhi, lo ha capito la mia ragione, lo ha […]
14 gennaio 2019

Lettera 584

Al Nostro Bis   Ciao Papo, viso offuscato sorriso frammento d’Universo a spasso nel Cosmo nutrimento dell’aria e ossigeno dell’Anima sparso nei cuori di chi legge nessuna legge ti protegge Universale Legge d’Amore febbrile Gioia che annichilisce il dolore. Sei, questo, di più Vivi, non di meno Ovunque Palpiti Figlio […]
11 gennaio 2019

Lettera 583

Grazie Meraviglie del Creato!     Ciao Papo, 2019, 2018, 2017, dopo il pezzo che mancava per finire il 2016… da ‘sta parte dell’Infinito va tutto avanti veloce, senza lasciarci troppa tregua, senza lasciarci troppo tempo per pensare. Susseguirsi di albe e tramonti, fiorire e sfiorire di stagioni. Fine e […]