Qualcosa ancora qui non va

 

 

Ciao Papo,
“Caro amico ti scrivo
Così mi distraggo un po’ 
E siccome sei molto lontano
Più forte ti scriverò
Da quando sei partito
C’è una grossa novità
L’anno vecchio è finito ormai
Ma qualcosa ancora qui non va”.
Un ragazzo è stato ucciso a calci da altri tre ragazzi in una discoteca in Spagna. A Roma hanno ritrovato, in un cassonetto dell’immondizia, le gambe di una donna, uccisa e fatta a pezzi dal proprio fratello. A Barcellona un uomo alla guida di un furgone ha fatto una strage lanciandosi a tutta velocità contro pedoni inermi. Qualcosa ancora qui non va.
E’ il testo di una canzone che ascolto da quando sono bambino. Non sto a dirti le varie origini dei vari pazzi assassini perché ritengo che così si alimenti solo la sterile polemica e l’odio razziale. Papo, sai dirmi qualcosa di sensato nell’analisi di questi tre avvenimenti? In generale sai dirmi qualcosa di sensato di ‘sta vita al di qua dell’Infinito? Bella o brutta a me pare una continua sorpresa priva di un disegno comprensibile. Qualcosa ancora qui non va.
Pace all’anima di tutti i defunti periti ingiustamente per mano della follia altrui. Non capiremo mai perché e come si viva e si muoia, ognuno nel suo particolare modo, sappiamo solo che ad un certo punto, si attraversa una porta. Io ci combatto ogni istante da un anno a ‘sta parte e devo farmene una ragione, per i cari dei soprusi che t’ho raccontato è troppo poco farsi una ragione.
“E se quest’anno poi passasse in un istante,
vedi amico mio
come diventa importante
che in questo istante ci sia anch’io.
L’anno che sta arrivando tra un anno passerà
io mi sto preparando è questa la novità”.
La concludeva così Lucio Dalla la canzone che ci ha lasciato in Omaggio.
Papo, quando hai voglia di spiegarmi qualcosa di come funziona ‘sto mondo in relazione al Tuo t’ascolto volentieri, troppo spesso somiglia ad un’inutile follia. Tu sai rendere tutto divertente, semplice, comprensibile! Come quando ti inventavi le lezioni delle più disparate materie scientifiche. Tipo le lezioni di ecologia. Eravamo a casa di un vostro amichetto e stavamo giocando a Subbuteo: si spostano due omini sulla rimessa laterale, tre sui calci d’angolo, durante l’azione d’attacco dell’avversario, a ogni tocco si può spostare un omino, «Tutto chiaro ragazzi?». Tutti e tre in coro: «Certo!» e il tappeto verde trasformato in una cacofonia di urla, mani e gomitate. Ricostituito l’ordine pubblico noi papà scendemmo con le mamme a far convivio. Qualche schiamazzo, si vede che il gioco prevedeva anche il tifo, poi silenzio. Salii per capire se la deriva hooliganiana avesse lasciato sul tappeto verde morti e feriti, e che ti vedo? Tu professor Papozzi, con tanto di lavagna, salisti in cattedra con le Tue lezioni sull’inquinamento. Doveva essere così avvincente, la partita a Subbuteo, che la boicottasti con una lezione di ecologia e gli altri, anche loro avvinti persi dalla partita, ti seguirono tra fumi nocivi delle fabbriche, alberi che fanno la fotosintesi e il pianeta Terra srotolato in 2D con le parti «X» malate. Prof. Papozzi gran divulgatore scientifico, ma nel contempo gran divoratore di tonni, salmoni, lasagne, arrosticini e wüberini…

Un’altra canzone dice che è tutto un equilibrio sopra la follia.

Ora nanno che ne ho bisogno, se mi fai compagnia in sogno è tutto più Bello, se sei troppo preso a fare altro buonanotte!
Papà

17 agosto 2017

Lettera 306

Qualcosa ancora qui non va     Ciao Papo, “Caro amico ti scrivo Così mi distraggo un po’  E siccome sei molto lontano Più forte ti scriverò Da quando sei partito C’è una grossa novità L’anno vecchio è finito ormai Ma qualcosa ancora qui non va”. Un ragazzo è stato […]
16 agosto 2017

Lettera 305

Dolce Apocalisse     Ciao Papo, ieri in un negozio abbiamo visto un pupazzetto di Bruce Lee che aveva tutti gli snodi delle articolazioni di braccia, gambe e busto, polsi e caviglie comprese! Ti sarebbe piaciuto tantissimo! Esaudiva a pieno le tue richieste di esigente giocatore e collaudatore di personaggi. […]
15 agosto 2017

Lettera 304

Sospiro d’Amore   Ciao Papo, che differenza c’è tra questa foto e quella di qualche giorno fa della Piumetta che si faceva il bagno? Qualcosina… qui a Ischia Totta ha fatto amicizia con Anita. Giornate di totale relax tra piscina, alberi da frutto e qualche battuta con gli altri ospiti […]
14 agosto 2017

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO REPRISE

  La Vera Grandezza di alcune Persone   Ciao tutti, copio e incollo questo articolo che racconta della Vera Grandezza di alcune Persone. Molti tra voi sanno chi è Messi, quasi tutti sanno chi è Shakira. Pochi si ricorderanno di Jurgen Klinsmann, a quasi nessuno dirà qualcosa il nome Astutillo […]
13 agosto 2017

Lettera 303

 Il mio migliore Amico e confidente     Ciao Papo, che mi racconti oggi? Dove sei stato? Cosa hai fatto? Un paio d’anni fa succedeva questa: Bagno al lago, Papo Tu ti siedi su una tavoletta da nuoto, rendendoti conto di non andare a fondo: “Galleggio sull’acqua… come Gesù!”. Poi, […]
12 agosto 2017

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

  Per prima cosa un regalo, in questa sezione tutte le Lettere a Papo: http://www.paposuperhero.com/site/letters-to-papo/ Ciao tutti, sbaglio a scrivere ciò che sto scrivendo, il mio compito deve essere solo quello di scrivere a Papo ma… “Che Bello, che Bello, che Bello! Che forza! Che Coraggio! Che Meraviglia! Che bambini Stupendi! […]
11 agosto 2017

Lettera 302

Dillo alle Stelle       Ciao Papo, la mattina dormiamo fino a tardi, di giorno ne facciamo quante più possibile. Abbiamo rischiato le penne ad Alberobello arrivando alla una sotto un sole cocente e nemmeno un briciolo d’ombra, siamo stati a farci il bagno a Polignano a mare, che […]
10 agosto 2017

Lettera 301

Tutto torna…     Ciao Papo, in questa foto, sempre di sette anni fa, sei nel posto della foto di ieri tutti e quattro noi insieme. Sei vicino al ponte girevole, di fronte al castello aragonese nel centro di Taranto, la città natale di Nonna Mina. Indichi il mare, l’orizzonte, […]
8 agosto 2017

Lettera 300

Unito al tutto     Ciao Papo, ieri sera ero troppo stanco per scriverti, mi si chiudevano di continuo gli occhi… ero cotto da stanchezza e caldo. Ero sveglio dalle 4.30 e sono partito alle 5.00 per venire con Totta dai cuginetti di Taranto. Ieri abbiamo lasciato Luna a casa […]
6 agosto 2017

Lettera 299

Sangue che non coagula ma disseta     Ciao Papo, me la spieghi questa: Mamma ed io in contemporanea: “Dai ragazzi dopo una giornata di fatica ad imbiancare stasera ci guardiamo un bel film insieme!”. Papo: “Dai sì quello bello del cane che cresce e poi muore!”. La semplice battuta […]