Soffia il Saggio 

 

 

Ciao Papo,
ieri ti raccontavo del Randagio, che vaga per le nostre Lettere, oggi torna ad attraversarle il Saggio.
Il Saggio sa che la mia vita dal Tuo concepimento per undici anni è stata questa Meraviglia:
 
“Papà mi hanno dato da fare i compiti”. Ti rispondo: “Ah, bene! E cosa devi fare?”. Tu perentorio: “E non lo so! Boh…”. Ti chiedo: “Beh, ma ti hanno dato i compiti a sorpresa!!? Ti avranno detto cosa devi fare?”. Tu: “No! Non me lo hanno detto!”. Provo a spiegarti: “Come no!!? E cosa facciamo!!? Un disegno? Compiliamo la tabellina del 14? Scriviamo una lettera minatoria alla maestra!!?”. Tu serissimo: “Mi hanno dato da fare i compiti. Ma non mi hanno detto cosa!”.
Voyager Giacobbo, Mistero Italia 1 e CSI sono già stati allertati per risolvere il caso!
 
Domenica mattina, appena consumata la colazione, Tu Papo perplesso come se ci avessi pensato tutta la notte mi domandi: “Papà quanto fa sette miliardi per venti?”. Io: “Papo scomponiamo i numeri e rendiamo facile l’operazione”. Tu: “7×2=14, 14×10=140, 140 con quanti zeri a seguire?”. Io: “Fa cento quaranta miliardi”. Tu sornione: “Ecco Pá nel mondo ci sono cento quaranta miliardi di dita!”.
È da ieri che mi domando se Tu sia stato ingaggiato dall’Associazione Mondiale Estetisti per fare uno studio di settore o se fossi semplicemente sotto l’effetto di latte di riso, cracker, prosciutto e dentifricio…
 
Già allora di tanto in tanto faceva capolino dalle nostre parti il Saggio. Papo, in quante Persone e quante Anime vaga il Saggio? “Usa la vita!”, “Dentro la paura, fuori l’Avventura!”, “Noi… siamo in cerca di Coraggio per un nuovo viaggio!” l’uomo che Sente ti ha definito: “Un’Anima Antica in viaggio da secoli” Papo, quante volte ti ha abitato dentro il Saggio?
Perché proprio ieri notte che mi servivano ed erano i miei pensieri il Saggio mi ha Regalato tutte queste?
 
“Nulla è più pericoloso per l’anima che occuparsi continuamente della propria insoddisfazione e debolezza”.
(Il Saggio, che passava dentro Herman Hesse).
 
Certo che ti farò del male.
Certo che me ne farai. Certo che ce ne faremo.
Ma questa è la condizione stessa dell’esistenza.
Farsi primavera, significa accettare il rischio dell’inverno.
Farsi presenza, significa accettare il rischio dell’assenza.
(Antoine de Saint-Exupéry, il Saggio che ha lasciato fluisse Il Piccolo Principe).
 
Non ho smesso di pensarti,
vorrei tanto dirtelo.
Vorrei scriverti che mi piacerebbe tornare,
che mi manchi
e che ti penso.
Ma non ti cerco.
Non ti scrivo neppure ciao.
Non so come stai.
E mi manca saperlo.
Hai progetti?
Hai sorriso oggi?
Cos’hai sognato?
Esci?
Dove vai?
Hai dei sogni?
Hai mangiato?
Mi piacerebbe riuscire a cercarti.
Ma non ne ho la forza.
E neanche tu ne hai.
Ed allora restiamo ad aspettarci invano.
E pensiamoci.
E ricordami.
E ricordati che ti penso,
che non lo sai ma ti vivo ogni giorno,
che scrivo di te.
E ricordati che cercare e pensare son due cose diverse.
Ed io ti penso
ma non ti cerco.
(Il Saggio dentro al Compagno di sbronze Charles Bukowski).
 
Loena de picch, Loena de coer
Loena che segna i cart e poe messéda el mazz
Loena redunda, Loena pelanda
Loena che sculta tucc e parla cun nissoen
Loena che sculta tucc e parla cun nissoen. (Dialetto laghé).
Luna di picche, Luna di cuori
Luna che segna le carte e poi mescola il mazzo
Luna rotonda, Luna puttana
Luna che ascolta tutti e non parla con nessuno
Luna che ascolta tutti e non parla con nessuno.
(Il Saggio, che ‘sto giro carezzava Davide Van De Sfroos).
 
Papo, io cosa ci sto capendo di ‘sto Percorso che mi impone d’Ascoltare in Silenzio il Saggio?
Capisco che se la vera forza è nel bambù che si lascia investire liberamente dal vento, e lungi dal resistergli si piega, perché ciò che si piega è molto più difficile a spezzarsi; se la tenacia è nella goccia che scava la roccia; allora la felicità sta nell’accogliere e saper vivere in quella fitta sfumatura di grigi che va dal bianco al nero, li sfuma e sfoglia uno alla volta, si bea della loro purezza, li prende in giro per la loro fragile perfezione, e poi li unisce in un unico indefinito colore che non puzza di sporco ma Profuma di vita, vera.
Papo, questa foto è di sabato mattina scorso, un minuto dopo il Silenzio. Due Angeli, due Piume, due Anime, c’è qualcuno che gioca con i nostri destini o sono sono Persone ed Anime a Scegliere?
 
Quanto s’è messa a soffiare forte ‘sta vita, arrivederci Bel Muso!
Papà
9 gennaio 2018

Lettera 420

Soffia il Saggio      Ciao Papo, ieri ti raccontavo del Randagio, che vaga per le nostre Lettere, oggi torna ad attraversarle il Saggio. Il Saggio sa che la mia vita dal Tuo concepimento per undici anni è stata questa Meraviglia:   “Papà mi hanno dato da fare i compiti”. […]
8 gennaio 2018

Lettera 419

Il Randagio alla Luna     Ciao Papo, di tanto in tanto nelle nostre Lettere passa il Randagio. Da giorni lo incontro in giro, non mangia, non dorme, sente una fitta nella bocca dello stomaco, cerca, gironzola, si gira da un lato e dall’altro, si alza, fa una pisciatina, no […]
7 gennaio 2018

Lettera 418

Riparto dal mio posto     Ciao Papo, i giorni in cui non ti scrivo sono quelli nei quali ho più cose da dirti, troppe, persistenti e Te le ripeto tutto il giorno mentre mi intrattengo con Totta. Sono due settimane che stiamo insieme tutti i giorni, tutto il giorno […]
3 gennaio 2018

Lettera 417

Noi Scriviamo!     Ciao Papo, tornerà tutto alla normalità perché un padre che scrive ogni giorno a suo figlio dall’altra parte dell’Infinito non fa più notizia, è così triste ‘sto mondo sai… importa sega a me, devo mettermi a continuare a scrivere “Glauco Besozzi”.   Inizia così:   Certo […]
1 gennaio 2018

Lettera 416

Silenzio che uccide, anche un “Ciao” va benissimo!     Ciao Papo, notte insonne, non si contano più e lo sai che il motivo non sei solo Tu, anzi per Te ho ripreso a dormire da mesi, per Te Figlio Ritrovato Felice che Vivi Libero nel Tuo Mondo Colorato. S’è […]
30 dicembre 2017

Lettera 415

Spiegamelo Tu l’Amore     Ciao Papo, oggi finalmente sei tornato a salutare, quella Piumetta nel box non ce la poteva infilare nessuno se non Tu. Da una settimana sto uscendo a correre tutte le mattine perché ho bisogno di forza, vitalità, coraggio e stare bene. Tutte le mattine mentre […]
29 dicembre 2017

Lettera 414

L’Orizzonte nella lente     Ciao Papo, me la fai fare qualche Sana Fragorosa risata?   “Papo, senti che bella la canzone di questo ragazzo, sai che è ricchione?”, Ti dico in procinto di mettere su una canzone di un famoso cantante, e parto per l’ennesima lunga spiegazione sui gay […]
28 dicembre 2017

Lettera 413

Casa Libera Tutti   Ciao Papo, te la lasci fare qualche domanda? Riesci però a rispondermi stanotte in sogno? Io chiudo gli occhi, mi rilasso, saluto gli altri tre miei Amici Custodi e ti penso. Dove stai Tu si prendono decisioni che scontentano qualcuno? Esiste il principio di causa ed […]
27 dicembre 2017

Lettera 412

Mettersi a posto la Vita     Ciao Papo, oggi è tornata a parlarci e a far parlare di Lei. La Zia Isa era stanca di stare da ‘sta parte dell’Infinito ed è tornata dove aveva voglia di stare. Io dopo un’intera vita vissuta non riesco proprio a vederla come […]
26 dicembre 2017

Lettera 411

Continuare a Nascere   Ciao Papo, Natale 2009, avevi 3 anni, scartati i regali, giocasti per oltre due ore con un gormita parlante che andava avanti imperterrito a ripetere la stessa frase ma non si capiva bene cosa dicesse. Durante il pranzo ci illuminasti: “Papà, il gormita metà uomo e […]