Lascia parlare il Silenzio

 

 

Ciao Papo,
quanto sono dure le continue botte che tira ‘sta vita?
Ma non era molto più facile chiudersi come hanno fatto quasi tutte le persone con un vissuto simile al mio?
Arriverà Sorella Fede che resterà dentro e spazzerà via dolore, sofferenza e insoddisfazione. Lo abbiamo chiesto all’Universo!
Ieri non ti ho scritto, sarei stato pesante e non ne avevo bisogno. Ho lasciato solo questo messaggio sulla mia bacheca di feisbuk:
 
“I cristi e le madonne che popolano città, paesini, case, scuole, cruscotti delle auto e presepi sono la forma di merchandising più antica ed efficace di cui si possa avere Memoria.
Per “onorare” questo Merdoledì (mercoledì di merda, cit. Totta) passerò in rassegna, uno ad uno, tutti i cristi e le madonne di emisfero australe e boreale, con buona pace dello Spirito Natalizio e del marketing”.
 
Ironia, pensiero Creativo e una battuta mi salvano le chiappe sempre, soprattutto in una giornata complicata. Pensiero Creativo, non positivo a tutti i costi e a tutto spiano, perché è bene essere veri ed incazzati se si è incazzati e non fintamente sorridenti e in posa. La vita non è un selfie, la vita bella o brutta che sia è proprio questa roba che stiamo facendo in questo preciso momento. La vita ci becca per lo più scompigliati e alla sprovvista, non ci avvisa con un “Cheese”, tutti in posa, sorriso smagliante e scatta. La vita ti immortala mentre hai i peggio cazzi tuoi, ti stai dannando l’anima a tenere botta a tutto e ti chiede anche di far saltare le tre palline come un giocoliere sul filo senza farle cadere. La vita ti immortala quando hai tra Anima, Cuore e cervello il più Grande Amore che avevi perso ma sapevi ci fosse e non sai come gestirlo perché anche lui è nel turbine dei peggio cazzi tuoi mentre ti stai dannando l’anima a tenere botta a tutto e stai anche facendo saltare le tre palline senza farle cadere come un giocoliere sul filo.
Papo, ieri non ne avevi bisogno manco Tu che ti scrivessi. Perché come Tu vegli su di me, io vegli su di Te! E tutto ‘sto casino ho incominciato a farlo anche per continuare a vegliare su di Te. Come mi ha poi spiegato Tashi, il Lama tibetano, per garantirti una Migliore Prossima Vita.
Parlo con il silenzio, spesso è con lui che mi relaziono. Spesso lo rifuggo e lo riempio di parole. Le tiro tutte fuori perché poi è solo nel Silenzio che si trovano risposte. Papo, sono sedici mesi che ti scrivo nel silenzio e mi avete insegnato più cose che in tutto il resto di ‘sta attraversata terrena.
Fa così la più bella canzone mai scritta sul silenzio:
 
Salve oscurità, mia vecchia amica
ho ripreso a parlarti ancora
perchè una visione che fa dolcemente rabbrividire
ha lasciato in me i suoi semi mentre dormivo
e la visione che è stata piantata nel mio cervello
ancora persiste nel suono del silenzio.
E nella luce pura vidi
migliaia di persone, o forse più
persone che parlavano senza emettere suoni
persone che ascoltavano senza udire
persone che scrivevano canzoni che le voci non avrebbero mai cantato
e nessuno osava disturbare il suono del silenzio.
 
“The sound of silence” te lo ricordi che l’abbiamo ascoltata per mesi come ninna nanna rilassante? Avevo fatto la play list Rock Rilassante con “Nothing else matters” e “The unforgiven” dei Metallica, “Believe” dei Savatage, “Master of the wind” e “Courage” dei Manowar, “To be with you” dei Mr. Big, “The sound of silence” di Simon & Garfunkel ed immancabile “Ventanas” di Davide Van De Sfroos. Lo sapevamo già prima ma dopo la sincope a scuola di novembre 2014 ci avevano detto che per Te anche gli incubi potevano essere pericolosi. Allora vi coricavate nei vostri lettini, mettevamo su la musica rilassante e vi massaggiavamo i piedini. Quante Belle Nanne che abbiamo fatto insieme!
Papo, mi permetto di regalare questa a Fratello Silenzio:
 
Assenza di rumori, suoni e voci.
Ci rimani senza parole in silenzio.
Breve, lungo, imbarazzante, glaciale.
Si rompe il silenzio.
E’ fuori ordinanza.
E’ una scelta il silenzio.
Ci costringi qualcuno o ci vieni costretto.
Passi sotto silenzio.
Ne rispetti l’obbligo.
A volte è inspiegabile o preoccupante.
Ti rifugi in silenzio stampa.
Ci avvolgi un avvenimento.
E’ pure assenso il silenzio.
Non ne conosco di tanto duttili e versatili come Te mio caro Silenzio.
Hai solo un difetto: sei più assordante di mille parole e in silenzio proprio non ci sai stare,
ma all’improvviso ti ricordi d’essere il Silenzio e risolvi tutto ciò che noi manco riusciamo a realizzare.
Buon silenzio Silenzio!
 
Papo sarà Bellissimo venire con Te a pescare, intanto, se ti riesce, fai una voce all’Universo, bisbiglia pure in silenzio, digli di aiutare l’Amore ad Amare! Grazie!
Papà
21 dicembre 2017
IMG-20140831-WA0004

Lettera 408

Lascia parlare il Silenzio     Ciao Papo, quanto sono dure le continue botte che tira ‘sta vita? Ma non era molto più facile chiudersi come hanno fatto quasi tutte le persone con un vissuto simile al mio? Arriverà Sorella Fede che resterà dentro e spazzerà via dolore, sofferenza e […]
18 dicembre 2017
zz5

Lettera 406

Sei!     Ciao Papo, non sei una foto, non sei fermo, non sei immobile, non sei un ricordo, non sei una commemorazione, non sei quella parola orribile che pone fine a tutto. Sei mani, passi e sguardi, abbracci, carezze e baci, lacrime, sorrisi e risate. Sei una canzone che […]
12 dicembre 2017
IMG-20140915-WA0000

Lettera 401

Orgoglio di papà!   Ciao Papo, la Gioia di Vivere è dentro di noi, nascosta proprio nel posto più impensabile, esattamente come raccontano nelle Massime Zen e nelle Favole. Noi stessi è il posto più lontano e segreto ma nel contempo l’unico possibile dove trovarla, dove trovarci. Non è retorica […]
11 dicembre 2017
20171209_174210

Lettera 400

Fede     Ciao Papo, dicono che le cose belle sono fatte per durare poco. Solito senso di colpa da retaggio culturale catto-comunista o è davvero così? Papo, rare ma ci sono delle volte che è proprio difficile scriverti. Questa è una di quelle. Ieri ho iniziato a scriverti una […]
6 dicembre 2017
1402265_10151839813757399_85179549_o

Lettera 397

Arrotano parole    Ciao Papo, non lo sanno fare, non ci sanno andare, non lo possono pensare, devono solo fare. Morale o immorale, solo rispettare, dogma e altare. Fango, non è amare. Odio, per sé stessi. Ne avessero una loro da vivere non sarebbero marci, muti, inutili bigotti. Meglio le […]
5 dicembre 2017
20171205_143238

Lettera 396

Papo SuperHero     Ciao Papo, oggi ti regalo questo disegno che mi ha Regalato Filippo. Difficile farne uno più Bellissimo, c’è tutto:   Il Mostro di merda… Papo SuperHero sorridente che lo ferisce col suo monopattino… La Coppa Lasagna e la Coppa Raviolo… Nuvole che si squarciano con Saetta […]
1 dicembre 2017
IMG-20141109-WA0000

Lettera 394

Eterno Natale   Ciao Papo, ieri 30.11.’17 Sant’Andrea martire morto in croce, Allegria! Non ti ho scritto ieri perché ti avrei scritto così: Andrea venne legato e non inchiodato su una croce latina, simile a quella dove Cristo era stato crocifisso, ma la tradizione vuole che Andrea sia stato crocifisso […]
27 novembre 2017
zz2

Lettera 391

Brividi al Cuore     Ciao Papo, stamattina a Coelhone è uscita questa: “Il guerrigliero della penombra, crede nel progresso. Come Marx crede esista una forza positiva, oggettiva, che spinge la Storia verso il meglio. L’Intelligenza dei Popoli. Crede che ora, ancora, l’umanità non sia matura ma crede che il […]
26 novembre 2017
Screenshot_2016-10-30-08-00-23-1

Lettera 390

Frullatore di Lacrime     Ciao Papo, domenica, mi sto preparando per andare a conoscere Yuri. Legge sempre le nostre Lettere ed ascolta le Tue canzoni, racconta di un SuperEroe di nome Papo ai suoi figli. Ha comprato non so quante copie del Tuo Libro e le ha messe nelle […]
25 novembre 2017
229522_2047573033336_6906570_n

Lettera 389

Battito dell’Universo     Ciao Papo, Giulia con la sua mamma e la sua sorellina nel negozio degli addobbi di Natale cercavano la Piuma di Papo. Louisiana si è incisa un cd ed in auto ascolta le Tue Canzoni. Veronica fa come Louisiana ma col telefonino. Oggi sono stato assorto […]