I peli delle tue ascelle mi fanno davvero paura!

 

 

 

Ciao Papo,
per fare lo scrittore si impara ad intrecciare insieme fatti, intuizioni e discorsi. Lo scorrere del Fiume oggi mi ha portato questi.

Caldo, casa, dopo pranzo, parlando di cosa fare in vacanza. Nel mentre Papo continua a molestarmi ed allora gli faccio: “Papo ma lasciami stare e partecipa anche tu dicendo la tua!”. Papo: “Devo dire la mia?”. Papà: “Sì!”. Papo: “Papà sai che i peli delle tue ascelle mi fanno davvero paura!!”.

I famigerati e famelici peli delle ascelle che spaventano tutti e mietono un sacco di vittime innocenti! Come li lego con quest’altra Papo?

“Se vuoi realizzare i tuoi sogni sappi che devi essere pronto a sporcarti. Di merda all’ordine del giorno e a volte anche di sangue. Il tuo e quello di chi si para tra te e il sogno. Le candide storielle di Fatine Sbianca Tutto e Mastri Lindi abitano solo nel mondo delle favole”.

Il Fiume scorre in correnti apparentemente contrarie e forma mulinelli e gorghi che ti portano a fondo senza respiro.

“La differenza tra chi fa le cose per interesse e per un tornaconto e chi le fa perché ci Crede non verrà mai riconosciuta economicamente e molto spesso manco a livello umano dalle persone circostanti ma dovrebbe essere ciò che ti fa muovere verso le tue ambizioni ed i tuoi sogni. A fine del percorso non ne avrai niente in cambio ma in coscienza tua saprai se sei un mercenario o un povero pirla che ci Credeva. Sembrano inezie e pippe per masturbatori mentali ma alla lunga delineeranno chi sei, cosa fai e perché lo fai!”.

Il Fiume è anche tanto pratico, fa quel che deve senza fronzoli e domande, scorre imperturbibile e impetuoso fino a valle.

Papo in vena di confidenze: “Ok, è vero come ho detto a scuola la più carina della mia classe è … però dice sempre ‘Di fatti’. ‘Di fatti’ non si può sentire! ‘ Di fatti’ non lo direbbe nemmeno uno sgabello se parlasse…”.

Papo, come si legano e se si legano questi quattro racconti che mi ha portato il Fiume non lo so. So che stando zitto, perseguendo l’Arte dell’Umiltá, facendo, senza cedere un passo, con l’Orizzonte negli Occhi e nel Cuore, Tutto si Lega.

Papo, Grazie anche per questo Oggi!
Papà

15 luglio 2018

Lettera 506

I peli delle tue ascelle mi fanno davvero paura!       Ciao Papo, per fare lo scrittore si impara ad intrecciare insieme fatti, intuizioni e discorsi. Lo scorrere del Fiume oggi mi ha portato questi. Caldo, casa, dopo pranzo, parlando di cosa fare in vacanza. Nel mentre Papo continua […]
7 luglio 2018

Lettera 499

A tutta Dritta     Ciao Papo, eccoci qui dopo due anni per la prima volta via sul Nostro CamperOne nella Nostra Mergozzo, anche da qui mancavamo da due anni… “Dentro la paura, fuori l’avventura!” va sempre così come hai detto Tu. Va che “L’Amore Vive dell’Unica pretesa di cui […]
27 giugno 2018

Lettera 496

Immortale     Ciao Papo, ci sono certe Lettere che da scrivere sono molto più dure di altre. Di solito raccontarti non è affatto duro, anzi! E’ il mio momento di Leggerezza. Non è tanto pesante buttare giù queste righe ora, è stato pesante recepire il messaggio che Tu in […]
20 giugno 2018

Lettera 495

Bulimica Consapevolezza     Ciao Papo, un paio di sere fa è successo da capo… Treno, diario di viaggio… Come da prassi, mentre io mastico gomma del Ponte, affianco ho alito di muflone che s’è mangiato tutti i cadaveri reperiti sopra e sotto al ponte. Non sazio lo racconta allegramente […]
18 giugno 2018

Lettera 494

La lasagna di ieri     Ciao Papo, com’era la lasagna ieri sera? Totta ha detto che era buona! Non esattamente come quella di Nonna ma buona! Totta ha giocato con le bimbe di Devrim e non è stata ad ascoltarmi troppo. Va bene così! Totta sa andare oltre, come […]
14 giugno 2018

Lettera 493

Durante…     Ciao Papo, come va a finire lo sappiamo Tutti! Il problema è il durante, soprattutto adesso. Sono questi 22 mesi, i prossimi 10, 20, 30, 40 anni di incognita, dubbio, incertezza, dilemma, complicazione, difficoltà, preoccupazione, pensiero, grattacapo. Paura no, non esiste più nessuna paura in me. Vinta […]
11 giugno 2018

Lettera 491

In prestito     Ciao Papo, questo oggi mi gira dentro vorticosamente fino a torcermi il collo:   In prestito a questa vita in prestito a questo corpo in prestito alla propria famiglia d’origine in prestito alla famiglia che si mette in piedi in prestito alle nostre idee in prestito […]
10 giugno 2018

Lettera 490

Tu che Regali Vita     Ciao Papo, questo fine settimana è stato particolarmente lungo, piacevole e interminabile. Venerdì con Totta siamo stati a cena da Zio Frenk, Zia Antonton, Cuginetta Emma e Momo. Siamo tornati in bici con Totta sul manubrio come due fidanzati. Sabato mattina la festa della […]
7 giugno 2018

Lettera 489

Il rumore dell’Anima quando si sfonda     Ciao Papo, “…che rumore fa l’anima quando si sfonda” nel mio Sentire spesso torna questa frase di una canzone di Van De Sfroos. E’ una delle più ricorrenti. Io la risposta la conosco. Tace. L’Anima sta in quello spazio frastornante un’attimo dopo […]
2 giugno 2018

Lettera 488

CASA AUTO LAVORO TANTO DOMANI MUORI     Ciao Papo, stanotte anche Marina, la mia collega, è passata dall’altra parte dell’Infinito. Lei che leggeva sempre tutte le Tue Lettere, Lei che mi domandava sempre quando usciva il Tuo Disco perché voleva regalarne 10 copie ai suoi amici. Lei che bisticciava […]