‘A livella e Papo

 

Ciao Papo,
Bello, Bellissimo in modo Assurdo! Come Ben Stiller in Zoolander. Questa foto la vedo tutti i giorni, più volte al giorno a casa sulle scale e la carezzo sempre. Ti carezzo sempre guance e mento. Il mento bello a punta della tua Mamma, Totta invece ha la faccia più tonda, come me. Ti sei visto su Vanity fair? Sei Bello come un Brad Pitt bambino ed in copertina c’era Brad Pitt, il caso… me piace di più chiamarle coincidenze d’Amore! Ci sono le edicole di là da te? Stampate su carta di nuvole con inchiostro di lampi? Non parlate perché comunicate telepaticamente? Bevete pioggia? Mangiate polvere di stelle? Come fai a farmi trovare le piume bianche? E’ tutto frutto della mia immaginazione? Di quel che mi manca e che vorrei?
Papo, a te che piacevano i dialetti ed eri bravo a fare le imitazioni, leggi questa poesia di Totò. Sì, lo so che Totò ti faceva un po’ paura per la sua faccia sghemba e i suoi film non ti piacevano perché erano in “Grigio” ma senti qua:
 
…Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato…dormo, o è fantasia?
 
Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.
 
E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello… ‘o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?
 
Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo, calmo calmo,
dicette a don Gennaro: “Giovanotto!
 
Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!
 
La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!
 
Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”.
 
“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?
 
Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo, obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.
 
“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”
 
“Famme vedé.., piglia sta violenza…
‘A verità, Marché ,mme so’ scucciato
‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…
 
Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na ‘ato é tale e quale”.
 
“Lurido porco!… Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.
 
“Tu qua’ Natale… Pasca e Pifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?… è una livella.
 
‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?
 
Perciò, stamme a ssenti… nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo à morte!”.
 
Tu Papo hai equiparato tutti e ci ha messi tutti allo stesso livello, ben prima di arrivare al campo santo. Mamme, papà, fratelli, sorelle, grandi, piccoli, bambini, giornalisti, editori, nonne, nonni, cattolici, preti, testimoni di Geova, buddisti, musulmani, atei. E lo hai fatto con la tua disarmante spontaneità, col tuo Genio Bambino:
 
Mattina, vestendolo continuavo a dirti “Piede” in modo che infilassi prima il piede nella calza, poi nel pantalone, quindi nelle ciabattine. Già al secondo “Piede”, mi dicesti: “Papà puoi smetterla di dire <Piede>!!?” Alla fine della vestizione, esausto: “Papà mi fai rincoglionire con sto <piede> <piede> <piede>!!”.
 
Documentario, cuccioli di stambecco si capicollano giù dalle rocce per scendere al fiume a bere e mangiare, se non scendono a valle, rischiando inoltre d’essere predati dalle volpi, muoiono di stenti. Hanno solo una settimana di vita. Tu Papo: ”E io che ho sei anni ho ancora paura del buio…”
 
Mamma: “Papo chi è il tuo miglior amico a scuola?”. Papo: “Io!”.
 
Persone, siamo solo quello che siamo e tu per tutti noi sei Papo, il bambino “che la morte non esiste”.
Papà
30 gennaio 2017

Lettera 133

‘A livella e Papo   Ciao Papo, Bello, Bellissimo in modo Assurdo! Come Ben Stiller in Zoolander. Questa foto la vedo tutti i giorni, più volte al giorno a casa sulle scale e la carezzo sempre. Ti carezzo sempre guance e mento. Il mento bello a punta della tua Mamma, […]
23 gennaio 2017

Lettera 128

Chi siamo noi?   Ciao Papo, ti ricordi quando le nostre preoccupazioni nonostante la spada di Damocle sulle nostre teste, no, non la tua e nemmeno quella di Totta, quella della Mamma e la mia, erano le stesse di tutti? Solo che noi gli si riusciva a dare il giusto […]
22 gennaio 2017

Lettera 127

Relativo e contestuale   Ciao Papo, ho iniziato a rispondere a chi mi ha scritto, mosso dal Casino mediatico di questi giorni, mesi fa non ce l’avrei fatta a rispondere. A chi mi fa i complimenti dico: “Grazie, faccio solo quello che devo”. Un cenno d’affetto mi sembra doveroso verso […]
21 gennaio 2017

Lettera 126

CHIUSO PER SOMMINISTRAZIONE DI BUONE MEDICINE   Ciao Papo, ma a te, te ne frega degli editori? Sono tutti diversi ed ognuno affascinante riguardo al punto sul quale ha focalizzato l’attenzione. Poi con calma lo scegliamo per bene insieme. ‘Sta cosa che gli editori ti cercano te che hai dieci […]
13 gennaio 2017

Lettera 122

Papo chi?   Ciao Papo, la tua mano su un piano ci porta lontano, la morte in senso stretto è una merda ma stiamo imparando che è soltanto una porta aperta. La mia vita per 18 anni è stata io e Nik, da 11 anni a questa parte noi tre […]
12 gennaio 2017

Lettera 121

3.000 Sorrisi per Papo   Ciao Papo, siam 3.000 e siamo armati mai banali e mai bendati dai sorrisi animati! Luizz il Bomber a far Squadra li ha chiamati Zamo il Gruoss nel Tempo li ha fermati il mondo del basket ci ha adottati! Tre terzine sono sufficienti per non […]
11 gennaio 2017

Lettera 120

Glauco Besozzi   Ciao Papo, ieri ho mangiato una valanga di ravioli. E per forza, non c’eri tu per fare a metà… ti ricordi che ultimamente erano diventati il tuo cibo preferito? Quando ti organizzavi la vita dicevi che da grande avresti mangiato tutti i giorni ravioli perché essendo fatti […]
10 gennaio 2017

Lettera 119

Non c’è scampo all’amore   Ciao Papo, devo scriverti anche oggi? Ma non ti sei rotto le balle a sentirmi? Dai no, in fondo ti lascio sempre tranquillo, ti rompo al massimo mezz’oretta, tempo di leggere la lettera no? Poi magari dove sei tu vi arrivano anche tutti i dati […]
4 gennaio 2017

Lettera 114

Papo, chi glielo va a dire a quelli di Hollywood?   Ciao Papo, ed è arrivato anche il giorno in cui non ti ho scritto. Non ti ho scritto perché era pesante farlo di sera dopo una giornata che stava andando bene ma è esplosa in lacrime, disperazione e bestemmie. […]
29 dicembre 2016

Lettera 109

CHIUSO PER RICERCA DI FEDE   Ciao Papo, eccoci qui Don Giovanni e me come Don Camillo e Peppone… Lettere 107 e 108 sono tutto il Genio Divino di Papo e del tuo papà, che non è un genio ma solo uno che vive, ascolta e sente. C’è la Saggezza […]