Me la spieghi papà?

 

 

Ciao Papo,
prima d’andare a dormire voglio far leggere una cosa che ho scritto da ragazzo.

Aria
Io non posseggo niente, nemmeno le idee.
Son solo illusioni! Non le idee, sia chiaro, ma il fatto di possedere, di possederle…
I nostri genitori, figli di quei poveri disgraziati che fecero la guerra, hanno inculcato nella testa il senso del possesso, la proprietà. Per carità in un mondo nel quale se non stai all’occhio ti levano la sedia da sotto al culo non c’è nulla di male a edificar certezze, ma è l’attaccamento che stona!! Se non ce la farò sarò un fallito!! Guai a chi si permette di toccarmi le mie cose!!
Ci ho buttato il sangue per averle… Hai davvero sprecato tutte le tue forze per costruire qualcosa di solido, pesante e tangibile?
Ti risponderà: certo perché tu che fai, mangi con l’aria!?
No, purtroppo con l’aria non ci si nutre, ma qui non si parla di cibo, qui si è persa di vista la rotta. Ognuno a testa bassa pensa solo ai propri cazzi. Quando ci si accorge degli altri!?
Quando nascono, quando fanno battesimo, cresima e comunione, quando si sposano e quando muoiono. A volte ai compleanni e per Natale, se proprio in quel periodo ci stanno simpatici… ed è forse già tanto qualcuno obbietterà… “Che rottura di palle, anche questo Natale quegli scassa cazzo tra i piedi!!”
Poi però moriamo e tutti si piange e ci si dispera per non aver vissuto il defunto. Ma come, mi domando io!!? Se fino a ieri di questo povero trapassato non te ne fregava quasi niente. La morte ti fa piombare grave addosso il senso del non c’è più tempo, come un golden gol. Sono gli ultimi due affannosi minuti dopo i tempi regolamentari. Quando non c’è più schema, quando non c’è più gioco, solo tirar la palla avanti, raggiungere l’area di rigore e sperare in qualche spizzata verso la porta. In qualche mischia. In qualche palla che rocambolescamente ci finisca tra i piedi ad un metro dalla linea di porta. Ad un pallone che ci spiova dritto dritto dall’alto e noi al limite dell’area non si debba far altro che caricare la bordata e gonfiare la rete. Goooaall!! Goooaaalll!! Euforia, gioia, pazzia, abbracci, baci, morto.
Sono morto.
Dov’è l’aria? Non c’è più aria!!
Ma con l’aria non si mangia, ma con l’aria si vive, senz’aria si muore.
Troppo noioso per starlo a sentire, troppo noioso per starlo a respirare.
Meglio pochi istanti nei quali io sia il re, io sia il padrone.
Datemi il palco e vi stendo con la mia ultima canzone…
Bella vero? Mix di melodie, figlia della contaminazione…
Se non avessi visto e sentito ciò che ho vissuto mica avrei avuto le idee, queste idee per farla. Quindi perché tenersele strette, perché tenerle tutte per se?
Mica sono i mattoni che ci scalderanno alla fine della giornata.
Lascio a voi malta e cazzuola, lucchetti e catenacci e da buon fannullone vago nelle mie e nelle vostre fantasie, perché un giorno fermi al semaforo o seduti sulla tazza o mentre passavate di lì per caso vi verrà in mente una canzone, una poesia e poco importa che sia la mia, basta che la sentiate vostra, proprio come quei mattoni.
Nooo no!! – In modo diverso tu mi dici. –
Ah, hai capito quali sono le cose che entrano e albergano liete nel petto, che gioia, me ne rallegro, mi rallegro per te amico…
Che dirti!? Che dirvi!?
In qualche modo dobbiamo pure salutarci o me ne vado mentre intavoliamo un altro discorso!? Sono romantico e sono pure logorroico, quindi non lascio i discorsi a metà.
Finisco, finiamo: falle volare, siediti e stalle ad aspettare, non perderti sempre nel trambusto, ma con la lingua assaporane il gusto. Quando arrivano, perché prima o poi arrivano, lascia spazio alle idee, potrebbero cambiare la vita, se non la tua, quella di chi avevi la fortuna ti fosse vicino…

Me la spieghi papà? Perché io Papo vado convincendomi che tu sei mio papà. Sei papà di tanti tra noi e sei tornato a farti un giro in ‘sto mondo con le spoglie di bambino per farci capire meglio una valanga di cose, tra cui il Mistero della Vita.
Davanti alla merda più nera e puzzolente non è il suo tanfo a vincere ma nostra Bellezza! Bellezza che Tu, Totta e Mamma riuscite a farmi esprimere a tutto tondo con le Parole! Parole che sono gesti, azioni e cura. Quella Luce specifica che mi brilla in fondo agli occhi sei Tu. Qualche mese fa non sapevo dove fossi finito e se fosse finito tutto di Te ed invece da qualche tempo a questa parte so per certo che sei Vivo, altrove, e stai Bene! Sei così Vivo che vivi ancora in mezzo a noi!

Grazie Grande Anima Antica in viaggio da secoli.
Papà

18 giugno 2017

Lettera 257

Me la spieghi papà?     Ciao Papo, prima d’andare a dormire voglio far leggere una cosa che ho scritto da ragazzo. Aria Io non posseggo niente, nemmeno le idee. Son solo illusioni! Non le idee, sia chiaro, ma il fatto di possedere, di possederle… I nostri genitori, figli di […]
17 giugno 2017

Lettera 256

CHIUSO PER VAFFANCULO AL MOSTRO!     …arriva sera e stanchi sul divano accendiamo un po’ di tv facendo zapping, ci imbattiamo in Maria De Filippi. “Papà ma questa donna ha la voce che sembra un uomo! Ma è una donna o un uomo?!”. “È una donna ma ha una […]
16 giugno 2017

Lettera 255

Ragazzo delle Piumette       Lettera 255   Ciao Papo, che giornata che ci siamo sparati ieri l’altro a Ferrara… treno da Ferrara a Bologna in ritardo di 90 minuti quando per la coincidenza a Bologna c’era solo un quarto d’ora di tempo. Allora di volata in taxi spendendo […]
14 giugno 2017

Lettera 254

Papo Grande Anima Antica in viaggio da secoli     Ciao Papo, ti ricordi quando con lo zio Gianni avevi preparato un Reattore di sintesi per consegnarlo al cliente ed avevi montato tutti i golfari del boccaporto? Guarda che bestione che abbiamo costruito questa volta, è un Serbatoio da 80.000 […]
13 giugno 2017

Lettera 253

Due Adorabili Minchioni   Ciao Papo, in tv sono sempre molto composto e morigerato perché mai vorrei che il Nostro Messaggio venisse travisato e strumentalizzato. Dal vivo alle presentazioni del Tuo Libro mi comporto così sono fatto e così come sono fatto vuol dire che non so nemmeno bene cosa […]
10 giugno 2017

Lettera 250

Pensi troppo…     Ciao Papo, guarda che bel Regalo mi ha fatto Lara. Sei sempre stato un Figo da Ammirare! Ieri l’altro Mamma fuori da scuola si è pure dovuta subire lo strazio del saluto delle quinte elementari… La Serenità, passa per l’accettazione dell’inaccettabile. La Felicità, resta dove ti […]
9 giugno 2017

Lettera 249

Progetto “Supereroi crescono”     Ciao Papo, io e Te ci sentiamo dopo. Oggi si va a Firenze da Doc Iacopo a presentare il Tuo Libro e questo Progetto che il tuo Libro finanzia e sostiene. “Il libro è un paradiso di vita! Tuo figlio, Jack mani di…, è ovviamente […]
8 giugno 2017

Lettera 248

Potere Comico     Ciao Papo, oggi ti scrivo ancora. Sono stati troppo belli i Regali che mi hai fatto trovare ieri! Te la ricordi BlueSky? La nostra macchina, l’hai scelta tu per tavolini, oscuranti posteriori e perché azzurra come il cielo. L’avevo ammaccata come un citrullo dopo nemmeno due […]
8 giugno 2017

Lettera 247

Papà di un Papà     Ciao Papo, allora di che razza è Luna? Tu: “Metà tenerina e metà stronzetta!”. Totta quando mi chiedono di Luna e rispondo che è un’adorabile fucking bastard di cani da caccia dice: “Sì, a caccia di coccole!”. Mi mandano l’emoticon con la faccia che […]
5 giugno 2017

Lettera 244

Se è Dio buon per lui   Ciao Papo, ci sono giorni molto più duri di altri, dopo tre belle giornate di spensieratezza, oggi purtroppo è uno di quelli che non dà tregua. In 41 anni ricordo di aver pianto un paio di volte, negli ultimi nove mesi con Te […]