Lascia che a me ci pensi io

 

 

Ciao Papo,
il mio razzismo e la mia prevenzione non mi avrebbero mai mosso ad ascoltare una canzone di Lorenzo Fragola. Non so manco chi è e cosa faccia Lorenzo Fragola, conosco il suo nome per qualche battuta che lo schernisce. Non sarà un capolavoro questa canzone, non lo so e non mi interessa. È arrivata in questa serata piovosa e di solitudine nella quale mi crogiolo nel mio stato d’animo malinconico con i miei pensieri e le sue parole.

Pomeriggi giù in cortile con il sole fermo e le ringhiere
Mi ricordo ancora il freddo, le tue guance rosse, il mio maglione
Giocavamo ad esser grandi, ma mai grandi quanto i nostri sogni
Solo un’altra sigaretta e qui si aspetta un treno che non passa
Centomila vite fa, inseparabili
Ora dove sei, adesso cosa fai?
D’improvviso penso a te
D’improvviso penso
Che ti vorrei sentire anche per un istante
Ti vorrei abbracciare come ho fatto sempre
Ti vorrei guardare senza dire niente
Lasciare indietro quello che non serve
E anche se qui infondo non è così male
E anche se non è il giorno di Natale
Ti vorrei sentire anche per un istante
Capire che anche per te è importante
Proprio come i monumenti, abbandonati e solo in una piazza
Polvere di vita che ha ricoperto tutta la bellezza
Centomila vite fa, inseparabili
Ora dove sei, adesso cosa fai?
D’improvviso penso a te
D’improvviso penso Che ti vorrei sentire anche per un istante
Ti vorrei abbracciare come ho fatto sempre
Ti vorrei guardare senza dire niente
Lasciare indietro quello che non serve
E anche se qui in fondo non è così male
E anche se non è il giorno di Natale
Ti vorrei sentire anche per un istante, capire che
Mentre gli anni passano
Come fosse un ballo fuori tempo
Tu sei con me
Tu sei con me Che ti vorrei sentire anche per un istante
Ti vorrei abbracciare come ho fatto sempre
Ti vorrei guardare senza dire niente
Lasciare indietro quello che non serve
E anche se qui in fondo non è così male
E anche se non è il giorno di Natale
Ti vorrei sentire anche per un istante
Capire che anche per te è importante
Anche per te è importante
Anche per te è importante

Papo, anche per Te è importare ed è per quello che Resti, a prescindere dal mio malessere. Ti ho anche Sentito per un’Istante “Ciao!” oltre che Visto. La donna che si tinge di nero, si mescola e confonde nel mistero, tutto lineare continuo perpetuarsi del linguaggio di Segni e Segnali cui attribuire il Senso che solo io ed ognuno di Noi può scegliere di Sentire.

Papo, lascia che a me ci pensi io. Non ti tengo legato, lo sai! Ce lo siamo detti mille volte. Divertiti!
Papà

27 ottobre 2018

Lettera 552

Lascia che a me ci pensi io     Ciao Papo, il mio razzismo e la mia prevenzione non mi avrebbero mai mosso ad ascoltare una canzone di Lorenzo Fragola. Non so manco chi è e cosa faccia Lorenzo Fragola, conosco il suo nome per qualche battuta che lo schernisce. […]
25 ottobre 2018

Lettera 551

Specchiarsi nell’Infinito     Ciao Papo, te la ricordi questa:   Tu e un Tuo amichetto parlano di massimi sistemi. Ad un certo punto l’amichetto cercando una collocazione al paradiso dice: “Il paradiso è sopra al cielo”. Tu Papo più agnostico di Piergiorgio Odifreddi sentenzi: “Eh, no! Sopra al cielo […]
24 ottobre 2018

Lettera 550

il Vero che ti Vive Dentro     Ciao Papo, oggi feisbuk mi ricorda che tre anni fa scrivevo questo messaggio e postavo questa foto a Doc Iacopo e Lui mi rispondeva nell’unico modo possibile, Regalandomi Fiducia e Speranza, con cautela, certo!, ma Fiducia e Speranza. “Nonostante tutto ognuno vede […]
11 ottobre 2018

Lettera 548

Tempismo!     Ciao Papo, qualche sera fa Totta esce dagli allenamenti di volley, sì, quest’anno ha scelto di fare uno sport di squadra e di giocare a pallavolo. So che lo sai! Ti dicevo: esce dagli allenamenti e per un riflesso del lampione sul suo viso le noto tanti […]
6 ottobre 2018

Lettera 547

Ciao!     Ciao Papo, ieri, devo sempre darmi il tempo per metabolizzare ciò che mi succede, cammino in un bosco, mi arriva un lungo messaggio, parlo al telefono, mi arriva una foto, tengo le cuffiette nelle orecchie, salgo in macchina dopo essere stato al parco con Luna. Un turbine […]
26 settembre 2018

Lettera 543

Abbracci al Cuore       Ciao Papo, a me viene comunque da cercarle sempre, anche se dicono che a volte non ci sono e non servono le parole. Ecco, questa è una quelle. Insieme, abbracciati, ci scaldiamo il Cuore. Papà
10 settembre 2018

Lettera 538

Pittore Volante     Ciao Papo, mi Regali Piumette, Cuori, Coincidenze, “J” e “P” ma da un po’ non sento Tue battute, sento tutte quelle di Tua Sorella quando siamo insieme. Ti va di spararmene un paio? Papo a luci rosse… Giocando sul tappeto con zia Pally, Totta e Sveva […]
6 settembre 2018

Lettera 534

24-25-26 agosto, ultimi tre giorni di vacanza solitaria in Montagna al Toce       SULLA MIA BACHECA SCRIVO COSì PER ONORARE IL “DONO DELLA SINTESI” CHE ACCOMPAGNA L’EFFICACIA DELLE BATTUTE: 24-25-26 agosto, da solo in Montagna ho: – dormito all’aperto sotto Luna e Stelle a 2500 mt; – scalato […]
30 agosto 2018

Lettera 528

Volteggiare di Piumette       Ciao Papo, ce lo racconti come fai a farlo? Quando mi capita di vederle volare osservo con attenzione il volteggiare e planare delle piume. Mi è successo anche infilando il braccio sotto al lavandino per prendere un sacchetto di carta. Pare si muovano a […]
26 agosto 2018

Lettera 527

Con Te “Grazie!” non è mai una parola scontata       Ciao Papo, mi sono arrivati, e non mi sono arrivati, dei messaggi, dei pensieri e dei cuori negli scorsi giorni. Fabiana, la Tua Amica e Cugina grande è sempre la voce che meglio Ti racconta e preferisco regalarti: […]