E se sono pazzo, non me ne frega un cazzo!

 

 

Ciao Papo,
li chiamano ricordi… ci hai fatto caso che da mesi scrivo le Tue Massime e le Tue Battute al presente? Non sono ricordi ma Presente! Ricordi, semplici ricordi, passato che non torna, niente di più distante da questo nostalgico concetto! Presente, come concetto Vivo e Attuale e come Regalo, appunto Presente! Chi studia la fenomenologia di dove Vivi Tu sostiene che si veda tutta la storia della propria vita sbobinata, tipo la pellicola di un film sulla quale c’è impressa tutta l’esperienza terrena. Sei riuscito a farlo Ricco, Bello e Divertente il Film del Tuo scorso passaggio terreno.
 
“Papo, senti che bella la canzone di questo ragazzo, sai che è ricchione?”, ti dico in procinto di mettere su una canzone di Tiziano Ferro, e parto per l’ennesima lunga spiegazione sui gay e l’omosessualitá, discorso che in questo periodo è molto in voga a casa nostra. Digressione che parte dall’ostracismo della società ai danni dei gay, passando alla costatazione che il termine ‘ricchione’ anche se simpatico è offensivo, finendo alla normalità di amare una persona del proprio stesso sesso.
In conclusione ti domando: “Hai capito Papo?”.
Tu sfiancato: “Sì, ‘sto cantante è ricchione!”.
 
Auto, Tu Papo molli una puzzetta indigesta, Totta: “Papo, con un solo colpo stendi tutti, devi fare karate a scorregge!”.
 
Sei lì a guardarti il Film della Tua e delle nostre vite o sei corso oltre? Secondo me Tu sei corso oltre già da un pezzo! Troppo Avanti Tu per restare fermo immobile.
 
Sei dentro Totta:
Bagno, Totta alle prese col bisogno grosso, io raffreddatissimo non mi allungo verso lei per strappare un pezzo di carta e soffiarmi il naso ma tappo una narice e soffio dall’altra direttamente nel lavandino, prima da un lato e poi dall’altro. Faccio correre l’acqua dal rubinetto e pulisco il tutto strofinando col la mano e poi me le lavo. Totta serafica come il Buddah: “Papi, ma tu lo sapevi che hanno inventato un prodotto altamente tecnologico per soffiare il naso di nome fazzoletto…!!?”.
 
Sei dentro me:
Manchi come la merda al buco del culo.
(Anonimo dei Baci Perugina, affetto da stitichezza d’Amore, bramante emorroidi a grappolo di Passione e Sentimento).
 
Che a pensarci, a scartare davvero un Bacio e trovarci dentro ‘sto messaggio, i colori sono pure a tema!
Io non capisco come sia possibile che la Perugina non mi abbia ancora contattato come Capo Autore Anonimo…
 
Sei dentro Noi:
I maccheroni al Bio-Bostik che ha nel piatto Totta sono l’esperimento di pasta condita con salsa tonnata che abbiamo cucinato ieri sera. Abbiamo preparato una super salsina tonnata: sedano, carota, cipolla, patata, vino bianco, tonno, maionese, olio d’oliva extra immacolata concezione, ricetta Garantita di Nonna Mina, e non l’abbiamo utilizzata a guarnizione del Magatello per servire in tavola il famigerato Bidello Tommaso (Vitello Tonnato), ma ci abbiamo condito la pasta. Io e Totta volevamo toglierci questo sfizio! Perché fare la scarpetta nella salsina di Tommaso il Bidello di Magatello è tra gli Sfizi più CacaFotonici che ci si possa togliere! “Vuoi mettere a condirci una Pasta…!!?” pensavamo noi ingenui… Ecco… Cannavacciulo ha avuto l’audacia d’inventarsi il “Tonno Vitellato” ma se rinomati chef non hanno mai avuto l’ardire di condire la pasta con il Bio-Bostik, un motivo ci sarà ed io e Totta, solo grazie alla sperimentazione, l’abbiamo appurato.
Il piatto non faceva letteralmente cacare molle ma la consistenza della pasta proprio non si accompagna alla salsa tonnata, la prossima volta ci riproviamo con crostoni di pane, sia croccanti che in umido.
Dal Laboratorio dei Collanti Biologici prestati all’alimentazione è tutto, al prossimo Sperimento!
 
Quanto è delicato, sottile e fantastico il piccolo mondo che è l’essere umano… come il pianeta Terra gira su sé stesso ed intanto orbita intorno al Sole e nel mentre la Luna spiega le sue fasi intorno alla Terra, allo stesso modo il nostro organismo vive una sua vita interna, il nostro fisico muove le sue azioni e la nostra mente elabora i suoi pensieri. Il tutto in una Fantastica Armonia! Vivere è una Misteriosa roba Meravigliosa, ad ognuno di noi la Libertà di Goderne!
Poi Papo ci sono gli altri tutti intorno e quando parliamo con qualcuno, lo facciamo decine di volte al giorno, è Vitale ricordare che: pensiamo di dire 100 ed invece comunichiamo il 70% di quel che abbiamo in mente di dire, il nostro interlocutore sente il 50% di quel che gli abbiamo detto ma ne capisce il 30, nonostante pensi di averne compreso il 100%… Quindi armiamoci di pazienza e realizziamo che capirsi porta in sé il seme del Miracoloso!
Oggi non c’è una Tua Bella foto in bacheca ma ci sono i messaggi Tuo e di Totta, le mie prossime produzioni artistiche e letterarie, Noi Insieme ai nostri Figli e le nostre Vite! Frega un cazzo a nessuno ma a me Sì, Eccome! E di cazzi propri si Vive! La scorsa era solo la Primavera sbagliata… sono così Umile che scriverò al Meglio e pubblicherò Tutti questi Figli del mio Sentire e della mia Mente e chi Legge le Tue Lettere li acquisterà e leggerà con Grande Gusto! Questo faccio e chiedo, non compassione e commiserazione e se a qualcuno sembro pazzo, non me ne frega un cazzo! Voglio Viverla ‘sta Vita e fare tutta la fatica che devo fare per Realizzarla e Realizzarmi. A furia di cuoricini, commenti e impertinenza mi cancellerò da feisbuk e chiuderò questa pagina Tua. Ma Tu te lo meriti…!!? Devo stare calmo e trovare i giusti modi ed i giusti spazi.
Se leggi solo quello quello che ti danno da leggere a scuola, se guardi solo quello che ti dice la tv, se ascolti solo la musica che passano le radio più in voga, se non vedi alternative e non coltivi il tuo gusto, forse andrai in paradiso, candido posto preconfezionato, ma tutto il gusto che c’era da assaporare da ‘ste parti te lo sarai perso! Pure questo me lo hai insegnato osservandoti da zero a dieci anni. Grazie!
Il peso di troppe responsabilità vane uccide. Mi prendo tutte le mie responsabilità di padre, di compagno, di cittadino, di lavoratore e di apprendista artista, rispetto e infrango consapevolmente e pago eventualmente dazio per tutte le regole morali, ecologiche, civili e familiari, a patto di sentirmi Libero! Allegro! Vivo! Vivace! Partecipe!
 
Papo, ci hai Insegnato che non si porta nessuna croce ma si Vive! Grazie! Sempre!
Papà
14 aprile 2018

Lettera 465

E se sono pazzo, non me ne frega un cazzo!     Ciao Papo, li chiamano ricordi… ci hai fatto caso che da mesi scrivo le Tue Massime e le Tue Battute al presente? Non sono ricordi ma Presente! Ricordi, semplici ricordi, passato che non torna, niente di più distante […]
13 marzo 2018

Lettera 455

In Viaggio con     Ciao Papo, oggi la Tua fidanzata Luna compie 5 anni. Sarà una gran festa per boschi! Ti preoccupavi sempre di quanto avrebbe vissuto Luna, di quanto tempo t’avrebbe accompagnato in ‘sta vita e poi te ne sei andato prima Tu… l’Orizzonte sono due “Sì”. Un […]
8 marzo 2018

Lettera 453

Sempre un Passo Avanti!     Ciao Papo, ne parlano e non la conoscono la morte, sconfitta culturale per un mondo ultramedicalizzato e troppo poco spirituale. Un mondo che va di corsa verso la morte senza darti il tempo di capire, Tu, come e dove vuoi vivere. Ci imbastiscono quattro […]
4 marzo 2018

Lettera 452

(∂ + m) ψ = 0     Ciao Papo, questi sono i due Cuori che hai Regalato alla Tua Mamma in questi giorni di neve. Improvvisi, inusuali, inaspettati, intonsi nella loro Meravigliosa Bellezza, pieni zeppi strabordanti di Stupore Bambino! Perfetti come solo la Tua impalpabile ma presente mano puoi […]
24 febbraio 2018

Lettera 448

Genio allo specchio     Ciao Papo, oggi ho ritrovato questo Tuo Bellissimo Regalo: LA PROVA PROVATA CHE PAPO E’ UN PICCOLO GENIO! (PAPO 5 ANNI SCOPRE IL MONDO, E’ UN CURIOSO, AMA GLI ANIMALI, LA SCIENZA E LA CONOSCENZA. DA QUALCHE MESE SILLABA, LEGGE E SCRIVE, NOI GENITORI, SOPRATTUTTO […]
22 febbraio 2018

Lettera 447

La Montagna è solo la somma di qualche sasso…     Ciao Papo, le cose che ho da scriverti e di cui ti parlo incessantemente sono così tante che questo basta: Cronaca bollatese, un articolo del Corriere della sera narra le gesta di un fantasma, una signora bionda, avvenente ed […]
15 febbraio 2018

Lettera 443

Diritto d’Anarchia     Ciao Papo, questa è la porta di casa nostra, te la ricordi vero? Il Maggiolino “Just married”, “Casa Nicolini, Andrini e Piccolo Agato” a Festeggiare il Tuo arrivo, eri il “Progetto Piccolo Agato” prima di atterrare tra Noi. Poi il Furgone T1 VW, la ghirlanda d’inverno […]
12 febbraio 2018

Lettera 441

Ingozzarsi d’Amore     Ciao Papo, stai sfrecciando come un Razzo Missile nel Cosmo? O stai tirando avanti e indietro le lancette di Tempo e Stagioni? O eri il Pettirosso di giovedì scorso?   Buchi tre crateri nell’anima che si sentono nel profondo di ‘sto corpo mortale nel Tuo buco […]
9 febbraio 2018

Lettera 439

Lei e l’Universo     Ciao Papo, oggi prendi questo, mescolalo tra Poesia e Ironia, mettilo insieme Tu e se riesci dimmi dove devo andare.   Poesia Quando non avrai bisogno del mio calore sul tuo seno …allora ci ameremo. Quando non ci saremo persi l’universo per starci accanto …allora […]
6 febbraio 2018

Lettera 438

Albero, Voglia, Fantasia e Talento     Ciao Papo, carte segnate alla nascita, mescolate e perse nel mazzo, tutti che parlano alla Luna, la Luna che ascolta tutti e non parla con nessuno. Da sabato non Ti scrivo, Tu sai che faccio fatica a non scriverti perché a scriverti fatica […]