Dolce Apocalisse

 

 
Ciao Papo,
ieri in un negozio abbiamo visto un pupazzetto di Bruce Lee che aveva tutti gli snodi delle articolazioni di braccia, gambe e busto, polsi e caviglie comprese! Ti sarebbe piaciuto tantissimo! Esaudiva a pieno le tue richieste di esigente giocatore e collaudatore di personaggi. Che battaglie interminabili che facevi, calci volanti, capriole, doppi e tripli avvitamenti per sferrare il più bel pugno o il più singolare calcio che fosse mai stato tirato.
Da piccolino, non avevi nemmeno tre anni, afferrasti un giocattolo e con l’autorevolezza di Gandalf il Grigio gli dicesti: “Mostriciattolo da oggi il tuo nome è Carletto Sasessi!”.
Papo, che nome è Carletto Sasessi!!? Che ridere!
Poi la Tua Opera artistica di Bambino ti fece attraversare “Il Periodo blu”, nel quale ti piaceva definire il genere delle cose:
I denti sono maschi e le labbra femmine.
Il divano è maschio e la finestra femmina.
La testa è femmina e il piede maschio.
Papà e Papo hanno il pisello, mamma e Totta la pisella.
Oggi siamo andati per la prima volta a Pompei, una valanga di piume, troppe, troppo vaghe, troppo sporche e parecchi sassi a cuore, sono certo che non fossi Tu che passavi da lì. Oggi ci ha sorpreso una coincidenza, il Vesuvio ha raso al suolo Pompei il 24 agosto del ’79 dopo Cristo. Quello stesso 24 agosto dell’ultimo bacio e ultimo saluto che di abbiamo dato. Vuol dire qualcosa questa coincidenza? La Tua Anima Antica in viaggio da secoli era già spasso duemila anni fa? Probabilmente è una semplice coincidenza senza motivo e senza senso, frutto del caso. Quel famoso Caso che dicono non esista ma che la scienza non sa sa spiegarlo e quindi è solo caso.
Papo, spesso mi sento come questa statua, strappato. Dilaniato, mutilato e amputato facciamo no. Le parole hanno comunque la loro importanza. Strappato dentro. Dopo quasi un anno va meglio, siamo un essere plasmato per vivere. Viviamo nella e della Tua e Nostra Luce.

Ciao Dolce Apocalisse!
Papà

16 agosto 2017

Lettera 305

Dolce Apocalisse     Ciao Papo, ieri in un negozio abbiamo visto un pupazzetto di Bruce Lee che aveva tutti gli snodi delle articolazioni di braccia, gambe e busto, polsi e caviglie comprese! Ti sarebbe piaciuto tantissimo! Esaudiva a pieno le tue richieste di esigente giocatore e collaudatore di personaggi. […]
5 agosto 2017

Lettera 298

L’insostenibile leggerezza di un selfie. Ciao Papo! Papà
4 agosto 2017

Lettera 297

Vacanze insieme…     Ciao Papo, dopo sette anni di vacanze insieme il nostro Camperone rimane a casa, a settembre lo vendiamo. Consapevolezza da possibile ultima vacanza, l’anno scorso non l’avevamo, non si può vivere avendo consapevolezza che stia finendo. Anche nella Tua scelta di troncare tutto all’improvviso con ‘sta […]
1 agosto 2017

Lettera 294

San Giuseppe il Surfista     Ciao Papo, non ti ho mai raccontato di San Giuseppe, il marito di Maria, la Madonna, la mamma di Gesù, il figlio di Dio. San Giuseppe deve fare da spettatore ed accettare tutto questo. Che Pazienza San Giuseppe, che Amore San Giuseppe, che Rottura […]
30 luglio 2017

Lettera 293

Tu, Rambo!     Ciao Papo, il giorno di questa foto t’eri sparato più di un minuto d’arresto cardiaco. Più di sessanta secondi senza respirare. Avevi 8 anni, ad otto anni non respirare per oltre un minuto è un’impresa da record, ma non stavi facendo una gara di apnea, stavi […]
29 luglio 2017

Lettera 292

Sorriso al sorriso     Ciao Papo, oggi abbiamo trascorso una bella giornata spensierata al lago con gli amici. Va bene così come lettera oggi? Ho sonno e sono stanco, non ho dormito ieri notte e non ho ancora digerito il panino di pranzo. Guidato, apparecchiato, cucinato, sparecchiato, ho, stasera. […]
27 luglio 2017

Lettera 290

memoria alla Memoria     Ciao Papo, oggi questo so: L’aria è frizzante, il sole bollente, guai a chi mi sente… Sto godendo senza far niente! Tuonano i lampi, passano le stagioni, il vento semina e il sole germoglia, io in panciolle mi godo la meraviglia. Strappo un caco, mangio […]
24 luglio 2017

Lettera 287

Tetti e Fango     Ciao Papo, ti è sempre piaciuto portare Luna a fare la visita dalla veterinaria ed infatti sabato mattina, puntuale come solo Tu sai essere, ti sei fatto trovare lì fuori, un’unica Piumetta bianca lungo tutta la strada, lungo tutto il cortile dello studio. Quando sei […]
20 luglio 2017

Lettera 283

Anonimo Mennea     Ciao Papo, il Tuo Cammello con le corna suona così: https://youtu.be/W0G0-6QXzfo Grazie a Diego Skifezza che l’ha scritta e cantata, a Totta, i Cuginetti e un po’ di tuoi amichetti che ne hanno cantato i cori. Macilla Capo Supremo di noi musicherini mi ha dato il […]
14 luglio 2017

Lettera 278

Scarnicch e Scalocch   Ciao Papo, hai visto che sono tornato a casa dopo i giri in Puglia e Basilicata? Certo che lo hai visto! Che Bel Sogno stamattina sognarti! Che bello averti in braccio! Porca zozzona però… con tutte le cose che potevo chiederti mi è venuto da raccomandarmi […]