Perle di lacrime

 

 

Ciao Papo,
ieri ti avevo chiesto di fare un saluto alla Mamma, non ha digerito a pranzo, non ha cenato ed è stata così e così tutta notte… sei il solito tremendone sfottente! Però come al solito le piumette non sono mancate… la prima l’ha trovata Mamma camminando, la seconda Totta al parchetto e la terza io, proprio fuori da casa di Matteo che ci ha invitato a pranzo. Quanti cazzarola di piccioni, colombi e volatili assortiti ci sono in giro!!? Ma le piumette così piccine e bianche di quale uccello sono? Parli con gli uccelli e gli dici di passare da dove sai che passeremo noi? O il tuo corpo immateriale riesce ad afferrare gli oggetti e spostarli? Le piumette sono così leggere poi… le soffi verso di noi col vento?
Non mi è mai piaciuto farmi i fatti degli altri, ho sempre preferito vivermi i miei, non guardo le bacheche altrui perché l’ostentazione della gioia e della serenità mi fa incazzare. Non auguro nulla di male a nessuno ma il confronto è inevitabile e affiorano i ricordi…
 
Io in sala lavoro per portare a casa la pagnotta disegnando su Autocad e seguo i compiti di Totta, Nik lavora per tutta la famiglia stirando in camera e segue i compiti di Papo, Luna sonnecchia sulla brandina, nulla di eccezionale, nessuna luce della ribalta, solo, in ‘sta gabbia di matti, si respira a pieni polmoni per qualche istante: Armonia.
Individuo dai trenta ai sessanta, spesso single, in carriera, impegnato nel sociale, sempre sorridente all’aperitivo, in vacanza dall’altra parte del mondo, tu che vivi la tua vita al massimo, tu che fai tutte le scelte giuste ed hai la tua vita in pugno io ti auguro ogni bene! Sappi solo che c’è chi forse è stato meno attento di te nelle sue scelte, si è fatto trasportare dalle cose della vita, non aveva istruzioni, manuali e cataloghi, s’è fidato di una/o ed ora ha una famiglia. Il futuro dell’umanità su ‘sto pianeta passa dall’estinzione, tu lo hai capito con largo anticipo e precorri i tempi, io e una miriade di altri pirla nostalgici non siamo così lungimiranti e siamo incastrati tra lavoro, compiti e tener botta ad ogni imprevisto. Tu che sei così Superiore, perché non hai sviluppato il senso della compassione per noi subumani mamme e papà? Perché senza compassione non saresti il vincente che sei? Forse perché non sei mai riuscito a fidarti e lasciarti andare a qualcuna/o?
Fosse la seconda, la risposta esatta, vedi che come ogni grande questione dell’umanità la soluzione passa per la Tolleranza e non per il giudizio; ma, sia con quella di chi ‘mette su famiglia’ che con la tua strategia, ci estingueremo molto prima di arrivare ad un dunque comune.
 
Ho bisogno di sentire l’opinione di un vincente, realista, cinico che sa vivere in questo mondo ed ha ferme certezze. Chiedo a te che ogni giorno ti alzi, ti fai la barba e metti su un bel vestito ed affronti la giungla del progresso: come si fa ad essere fieri ed orgogliosi di essere parte di un macchina produttiva che trita anime e corpi? Perché io provo a tenere duro e a pensare che lo faccio per i miei figli ma loro hanno solo bisogno e voglia di giocare e stare sereni e quello che facciamo noi grandi qui fuori “per il loro futuro” spesso mi pare quanto di più distante ci sia dai loro bisogni e dai loro ideali… io continuo a tenere duro ma non avessi una Grande Compagna, due Splendidi Figli, un vecchio Camperone e la passione di scrivere battute e fare il Pirla, fare cioè qualcosa che dia un senso alle mie giornate, da mo’ che sarei sotto un ponte o mi ci sarei buttato giù.
 
…che i Sogni di Gloria prevedono una concomitanza di Pazienza, Fortuna e soprattutto Abilità nel negoziare rapporti interpersonali ed affetti che vaffanculo…!! Tanto vale Credere nei Piccoli motivi quotidiani che ti fanno andare avanti e ti riempiono, anche solo per metà, di Gioia Genuina. Perché vivere nella proiezione di qualcosa di Fantasmagorico che mai accadrà ti fa perdere tutto il Bello che hai intorno. E nel bene o nel male se un asteroide deve colpirti, sarà la tua predisposizione a prenderla come viene, allenata giorno per giorno a mangiar merda e cagare primule, che ti farà fare semplicemente, candidamente, quel che devi a testa alta!
 
Papo, oggi è un mischione di pensieri, emozioni e parole dal quale non mi districo, ho solo una certezza quotidiana da quando sei diventato il Più Grande di Tutti e te ne sei andato senza salutare: dopo le lacrime arrivano i sorrisi.
Lacrime, sorrisi e parole sono le compagne di viaggio di questa storia, questo è uno dei mille mila quadretti di lacrime e parole di questi nove mesi. Ti piace?
Adesso però fammi sorridere:
Biblioteca, ricerca di Papo in gruppo di lavoro con altri tre suoi compagni di classe su i dinosauri. Un amichetto arriva con la ricerca già fatta. Un’altra mamma ha già selezionato tutte le schede necessarie. Alla fine viene sostanzialmente usata la ricerca già fatta reperendo poco e niente materiale in biblioteca, lo scopo dell’iniziativa era far incuriosire ed emancipare i bimbi a cercare il materiale per la ricerca da soli… Per spiegarmi ‘sto semplice concetto, tra soggetti vari e soprattutto mia durezza di comprendonio ci impieghiamo una decina di minuti abbondanti… Nik chiosa la conversazione: “Mamma mia quant’è dura capirsi!”. Papo rincara la dose: “Se poi deve capire papà…”.
 
Bello Papone mio, non smettere mai di prenderci in giro!
Papà
15 maggio 2017

Lettera 227

Perle di lacrime     Ciao Papo, ieri ti avevo chiesto di fare un saluto alla Mamma, non ha digerito a pranzo, non ha cenato ed è stata così e così tutta notte… sei il solito tremendone sfottente! Però come al solito le piumette non sono mancate… la prima l’ha […]
13 maggio 2017

Lettera 225

Papo e Totta sono molto curiosi riguardo il mistero della vita. Papo nella prossima non vuol essere una preda, nelle precedenti è stato aquila e gnu. Ma la cosa che ai bimbi fa più strano è che in questa vita, prima di nascere, erano un semino nel papà e un […]
12 maggio 2017

Lettera 224

La bici e Coelhone     Ciao Papo, stamattina mi sono svegliato allegro. Io e Mamma ci svegliamo sempre allegri dopo nove mesi di notti di merda. Allegri perché Totta StraMerita i nostri sorrisi. Alle 4.00 come sempre ero sveglio, non mi sono alzato a scriverti, ho avuto un’intuizione comica […]
11 maggio 2017

Lettera 223

Scrivere     Ciao Papo, tra qualche giorno compi 11 anni. Li compi lo stesso gli anni anche di là dall’Infinito? Cosa vuoi per regalo? Posso farti ancora dei regali? Io ti ho regalato al mondo intero scrivendo la tua storia. Questo sapevo e volevo fare. Spero ti torni utile […]
9 maggio 2017

Lettera 221

Impazzire Felici     Ciao Papo, domenica con Totta abbiamo guadato di pomeriggio Billy Elliot e la sera August Rush, La musica nel cuore, avevo un po’ d’aria nella pancia e anche io secernevo musica… ho solfeggiato anche tutta la colonna sonora di Billy Elliot… sono da solo a rompere […]
5 maggio 2017

Lettera 217

Sentiero d’Amore     Ciao Papo, ieri Fizzo, il mio amico di sempre, quello col quale non scambio mai troppe smancerie mi ha scritto così: Non ti chiedo mai veramente come va perché mi sembra una domanda del cazzo, comunque oggi voglio dirti una cosa: hanno chiesto a Fede di […]
3 maggio 2017

Lettera 216

“Papo me lo dai un consiglio? Guarda che casino in cucina, sala, cameretta, camera e bagno. Devo fare polvere, spazzare, lavare i pavimenti, svuotare e riempire lavastoviglie, dividere e buttare l’immondizia. Non so da dove cominciare, troppa roba da fare, sono confuso e perdo tempo. Da dove devo cominciare!!?”. Papo […]
2 maggio 2017

Lettera 215

SuperEroe   Ciao Papo, quanto ti piacevano gli animali? Li conoscevi tutti ma proprio tutti! Guardavi i documentari col nonno, con nonna ti vestivi per fare l’esploratore, ti studiavi i libri e avevamo speso un patrimonio e avevi il tuo “fondo universitario” investito in animali della Schleich. Col Cervo avevi […]
29 aprile 2017

Lettera 212

Cambia, tutto cambia   Ciao Papo, tutto cambia: https://www.youtube.com/watch?v=_erZOIFrym0 quando Mercedes ha scritto questa canzone era in esilio, esili vuol dire costretta a stare lontano dalla sua terra. Io ti scrivo in esilio dalla mia vita. Io non smetto di cercarti. Eri un bambino indaco? Lama Tashi ha detto che […]
21 aprile 2017

La Rivoluzione d’Amore

La Rivoluzione d’Amore   COMUNICAZIONE DI SERVIZIO “POSSO FARE IL BIS?”, CERTO PAPO, LO STIAMO FACENDO ANCHE NOI DI QUA DALL’INFINITO! Ciao Tutti, quella che vedete in foto è la copertina de “La Rivoluzione d’Amore” il libro tratto dalle Lettere che scrivo a Papo. Qui l’articolo ufficiale di presentazione del […]