Coscienza del cosmo

Ciao Papo,
ieri mattina con Tiziana a Specchia sono stato in un Trappeto, termine dialettale salentino per indicare un frantoio ipogeo per la produzione di olio d’oliva. Praticamente Papo una fabbrica del 1400 scavata sotto terra per la produzione di “Olio lampante” olio da bruciare per l’illuminazione. No, all’epoca non lo spremevano per preparare gustosissimi manicaretti. Lo vendevano in Nord Europa. Scavalcano sotto terra perché costava di meno che dedicare sul suolo per creare un fabbricato che mantenere costantemente una temperatura tra i 18 e i 20 gradi. Che vita dura facevano, pensa poveri gli asini che venivano calati lì dentro da cuccioli e non vedevano mai la luce passando la vita a girare in tondo per muovere la macina da spremitura.
Erano due giorni che ti cercavo tra tutte le piume a terra per i vicoli del paese, ma quando ce ne sono troppe e ci sono troppi volatili so che non sei Tu. Le Tue si manifestano sempre con grande Fantasia ed Imprevedibilità. Ed infatti mentre passeggiavamo per una stradina da terra si è sollevata una Piumetta ed ha iniziato a volteggiare accendendo in cielo. Non Ti ho preso troppo sul serio ma ho fatto vedere anche a Tiziana i cerchi ascensionali che disegnava questa Piumetta, lei è rimasta stupita. Poi torno dalla gita in barca e realizzo che sei riuscito a dipingere il Tuo volto coi colori del mare.
Perché la mia mente razionale mi fa dubitare di tutto!!? Cosa altro devi fare per farmi capire che sei Tu, ci sei e stai bene…!!? Anche razionalmente: posso non crederti? Dopo ina vita di paura del buio e delle facce orrende vado in giro da solo di notte tranquillamente nella speranza di incontrare in ragazzino che dicono sia morto.
Stamattina in treno ti cercavo nella Scienza, tra le pagine di: “Sette brevi lezioni di fisica”. Ti ci ho trovato in questopassaggio: “Per adesso, questo è quello che sappiamo della della materia. Una manciata di tipi di particelle elementari, che vibrano e fluttuano in continuazione fra l’esistere e il non esistere, pullulano nello spazio anche quando sembra non ci sia nulla, si combinano assieme all’infinito come venti lettere di un alfabeto cosmico per raccontare l’immensa storia delle galassie, delle stelle innumerevoli, dei raggi cosmici, della luce del sole, delle montagne, dei boschi, dei campi di grano, dei sorrisi dei ragazzi alle feste, e del cielo nero e stellato la notte”.
Newton, Planck, Bohr, Heisenberg, Einstein. Sei in buonissime mani Papo! Sicuramente avete anche capito tutto ciò che muove la materia e il cosmo perché da questa parte dall’Infinito anche le loro menti Eccelse non ce la fecero.
Scendo dal treno a Bari, esco dalla stazione e davanti ai miei piedi cade una Piumetta. Non vorrei diventasse un’ossessione, per me non lo è e mai lo sarà, le prendo per quel che sono… Regali! Grazie Papo!
Ciao Coscienza del Cosmo che muovi Piumette per Infonderci Serenità e Speranza!
Papà

penna 276

10 luglio 2017

Lettera 276

Coscienza del cosmo Ciao Papo, ieri mattina con Tiziana a Specchia sono stato in un Trappeto, termine dialettale salentino per indicare un frantoio ipogeo per la produzione di olio d’oliva. Praticamente Papo una fabbrica del 1400 scavata sotto terra per la produzione di “Olio lampante” olio da bruciare per l’illuminazione. […]
4 luglio 2017

Lettera 270

Ulallà, Falele, Macaca e Banana!     Ciao Papo, ieri ti raccontavo di Vasco, delle 220.000 persone al concerto e mi è venuto in mente questo: “L’ultima grande passione di Papo è Marilyn Manson. Eccolo in concerto con la sua band! E lo stuolo di cadaveri decapitati…”. Feisbuk mi ricorda […]
3 luglio 2017

Lettera 269

Papo, Vasco e “Chi c’ha le Orecchie… ci sente!”     Ciao Papo, Totta, Mamma, cuginetti e Zie sono al mare. Sei passato a trovarci? Sveva appena scesi dalla macchina ha trovato la tua classica Piumetta piccina, bianca e candida. Io ieri mattina a correre nella laguna dentro la pineta […]
29 giugno 2017

Lettera 267

Empatia portami via!   Ciao Papo, ieri ho poi deciso di non scriverti. Giornata intensa a lavoro, fatto preventivi e finito un disegno. Verso le sette di sera sono andato in onda sul canale 19 in un intervista di presentazione del tuo libro con una giornalista davvero Brava, Dolce ed […]
27 giugno 2017

Lettera 266

Cronaca ai Picchiatelli     Ciao Papo, i giornalisti fanno cronaca e per quanto umani sono devono scrivere così se no li prendono per spostati. Noi invece possiamo godere del privilegio d’essere Picchiatelli e continuiamo a vederla così:   Abbiamo intavolato una disquisizione scientifica riguardo la razza di Luna. Nik […]
22 giugno 2017

Lettera 261

Affinità Elettive     Ciao Papo, ad ognuno tocca la sua vita o ognuno se la sceglie? Sembro Marzullo stamattina… a prescindere da qualsiasi credo religioso o filosofico, la Tua storia insegna che qualsiasi enorme peso ti sfondi spirito, testa e terga, Tu e Tu solo puoi decidere se e […]
19 giugno 2017

Lettera 258

L’orizzonte è nella vita!     Ciao Papo, Roberta, la relatrice della presentazione a Biella mi ha scritto così dopo la nostra presentazione del Tuo Libro: “Caro Andrea, voglio augurarti una buona notte, sperando che sia almeno in parte di sonno profondo. Ti ringrazio tanto. Nell’istante in cui ti ho […]
17 giugno 2017

Lettera 256

CHIUSO PER VAFFANCULO AL MOSTRO!     …arriva sera e stanchi sul divano accendiamo un po’ di tv facendo zapping, ci imbattiamo in Maria De Filippi. “Papà ma questa donna ha la voce che sembra un uomo! Ma è una donna o un uomo?!”. “È una donna ma ha una […]
16 giugno 2017

Lettera 255

Ragazzo delle Piumette       Lettera 255   Ciao Papo, che giornata che ci siamo sparati ieri l’altro a Ferrara… treno da Ferrara a Bologna in ritardo di 90 minuti quando per la coincidenza a Bologna c’era solo un quarto d’ora di tempo. Allora di volata in taxi spendendo […]
13 giugno 2017

Lettera 253

Due Adorabili Minchioni   Ciao Papo, in tv sono sempre molto composto e morigerato perché mai vorrei che il Nostro Messaggio venisse travisato e strumentalizzato. Dal vivo alle presentazioni del Tuo Libro mi comporto così sono fatto e così come sono fatto vuol dire che non so nemmeno bene cosa […]