Con Te “Grazie!” non è mai una parola scontata

 

 

 

Ciao Papo,
mi sono arrivati, e non mi sono arrivati, dei messaggi, dei pensieri e dei cuori negli scorsi giorni. Fabiana, la Tua Amica e Cugina grande è sempre la voce che meglio Ti racconta e preferisco regalarti:

“Sì è vero, sono passati già due anni… come vola il tempo, eppure dicono che il tempo vola solo quando ci si diverte… ma io non mi diverto mica senza di te! Quante cose dicono le persone, parlano parlano e alla fine non dicono niente. Si è vero anche tu parlavi tanto, non smettevi mai eh, però riuscivi a dire sempre la cosa giusta al momento giusto! Anche nel momento in cui non aprivi bocca, solamente tu con il tuo sorriso eri esattamente all’altezza della situazione. Forse è proprio questo quello che mi manca di più di te, il sorriso. Quello sempre sgangato. Perfetto nella sua imperfezione. Mi mancano tutti i rumori che facevi con la bocca per simulare una bomba, una pistola, un cannone o qualsiadi altra cosa che poteva fare casino. Mi mancano le parole che ti inventavi al momento. Mi manca persino come ti sedevi sul divano di casa mia. Mi manca il modo in cui facevi i compiti e il modo in cui solo tu sapevi giocare. Avevi la fantasia nel sangue! Chissà se sei rimasto esattamente così, con i capelli alla stessa lunghezza di due anni fa, con la stessa simpatia e pazzia.
Mi manchi tu e il tuo essere bambino!
Ogni tanto, quando ti annoi passa da casa.

Un bacio
Faby”.

Questa foto non è di due anni fa, qui avevi 8 anni, era l’Estate della Felicità, dopo quella della sincope ad Amsterdam, prima della sincope a scuola. Qui io e Mamma ci “Baciavamo il culo lussandoci il rachide” a tutto spiano per quanto eri in salute. Bellissima, ohps, Bellissimo, lo eri talmente tanto che se non aprivi bocca e li sdraiavi dal ridere con le Tue Battute, ti scambiavano tutti per una bimba. Fortissimo lo sei sempre stato e continui ad esserlo. Nelle parole di Faby c’è quel velo di malinconia che ci accompagna sempre da quei fottuti giorni di due anni fa. Dobbiamo ricordarci sempre che Tu Sei “Papo”, “Jacopo Pilotta”, “Anima Antica in Viaggio da Secoli” e per completare Tutta l’Evoluzione che la Tua Anima doveva compiere e Vivere in Eterno da questa e dall’altra parte dell’Infinito hai Scelto e Vissuto il Miglior Te Stesso Possibile. Un Bambino. Bello come un Dio greco; Saggio e Profondo come un Guru indiano; Avventusoso e Carismatico come un Capo Tribù pellerossa; Geniale come uno scienziato tedesco dei primi del ‘900;
Divertente, Travolgente, Irriverente e Strafottente come un Comico americano degli anni ’70. Forse sei stato ognuno di questi nelle Tue vite precedenti, ad ogni Tuo passaggio terreno, prima di diventare quel Prodigio Cosmico Bambino a cavallo tra la vita e la morte, per Tutti semplicemente: Papo.

Con Te “Grazie!” non è mai una parola scontata.
Grazie Papo!
Papà

26 agosto 2018

Lettera 527

Con Te “Grazie!” non è mai una parola scontata       Ciao Papo, mi sono arrivati, e non mi sono arrivati, dei messaggi, dei pensieri e dei cuori negli scorsi giorni. Fabiana, la Tua Amica e Cugina grande è sempre la voce che meglio Ti racconta e preferisco regalarti: […]
25 agosto 2018

Lettera 525

J       Ciao Papo, mentre camminavo seguendo i fischi delle marmotte e mi imbattevo nelle loro tane, nitida davanti ai miei piedi una “J”, di chi altri se non la Tua firma distintiva? Io Ti vengo a cercare ma sei sempre Tu che mi trovi, Grazie Papo! Papà
1 agosto 2018

Lettera 510

Pelle nella pelle     Ciao Papo, la pelle nella pelle. Alla prossima volta Papo. Papà
20 luglio 2018

Lettera 508

Ti Amo!     Ciao Papo, abitiamo lo stesso corpo, lo stesso Cuore, gli stessi pensieri e viviamo della stessa Anima. Questo dovrebbe bastarmi ma io sto da questa parte dell’Infinito e mi si sono mischiati tutti gli Orizzonti, a tratti faccio un gran casino e una gran fatica, l’unico […]
15 luglio 2018

Lettera 506

I peli delle tue ascelle mi fanno davvero paura!       Ciao Papo, per fare lo scrittore si impara ad intrecciare insieme fatti, intuizioni e discorsi. Lo scorrere del Fiume oggi mi ha portato questi. Caldo, casa, dopo pranzo, parlando di cosa fare in vacanza. Nel mentre Papo continua […]
14 luglio 2018

Lettera 505

Storie di sassi in equilibrio     Ciao Papo, sono da solo al fiume, metto dritti i sassi. Ogni sasso ha il suo punto di equilibrio sulla roccia. L’acqua culla e accompagna il sasso fino al punto preciso in cui dalle mani senti che desidera essere lasciato per affrancarsi adeso […]
10 luglio 2018

Lettera 503

Us     Lettera 503   Ciao Papo, sulle antine di casa Nostra posa coricata quella rosa rossa. Sulla Tua scrivania piegato così come è arrivato giace quel biglietto. Quello stesso giorno Zio Frenk mi regala il nuovo disco di James Bay che per le Strambe Leggi del Caso esce […]
27 giugno 2018

Lettera 496

Immortale     Ciao Papo, ci sono certe Lettere che da scrivere sono molto più dure di altre. Di solito raccontarti non è affatto duro, anzi! E’ il mio momento di Leggerezza. Non è tanto pesante buttare giù queste righe ora, è stato pesante recepire il messaggio che Tu in […]
25 giugno 2018

GRAZIE!

Grazie, io non so se va detto o no… Grazie sì che vi va detto! So che c’è pronto il Disco di Papo dal titolo: “SuperEroe” è finito da tre mesi ma non so se e a chi interessa… so che non riesco ad affrontare ordini, spedizioni, burocrazia e tasse […]
20 giugno 2018

Lettera 495

Bulimica Consapevolezza     Ciao Papo, un paio di sere fa è successo da capo… Treno, diario di viaggio… Come da prassi, mentre io mastico gomma del Ponte, affianco ho alito di muflone che s’è mangiato tutti i cadaveri reperiti sopra e sotto al ponte. Non sazio lo racconta allegramente […]