Meno “Ambulagne” più Bis!

 

 

Ciao Papo,
ieri Totta realizzava che l’ambulanza dovrebbe chiamarsi: “Ambulagna” perché fa un rumore insopportabile e perché trasporta chi è ferito, s’è fatto male e si lamenta.
A tre anni osservavi: “Io e And(r)e abbiamo il pisello, Mamma e Ca(r)lotta la pisella”.
A sei anni succedeva che un martedì eri sconfitto da nausea e vomito e il mercoledì eri in netta ripresa! Ti feci: “Dai Papo, sono contento, stai il 100% meglio di ieri!”. Tu:”Ieri ero al 27%, oggi sono al 65%”. Oh, che non si dica che non sei un tipo preciso…!!

Quotidianità… è un po’ di sere che Totta, Nik ed io a fine cena ci sbucciamo qualche arachide, sarà anche il rumore ma Luna va in avvitamento compulsivo e le viene una vera e propria “Scimmia da arachidi”, sicché Nik gliene sgancia qualcuna col dubbio che le possano far male. Papo, dando fondo a tutto il suo realismo più che alle sue conoscenze in veterinaria, sentenzia: “Mà, Luna dopo aver mangiato, plastica, nylon, legno, ossa di pollo e tutto ciò che trova per strada, credo possa mangiare qualsiasi cosa senza stare male…!!”.

Io: “Io vorrei fare un discorso, una considerazione che però non so se si debba fare davanti ai bambini ma voi siete molto intelligenti e sensibili ed allora mi sento di…”. Tu m’interrompesti perentorio: “Pà ma dilla e basta!”.
E così in loop finché serve! Sei una continua scossa di Gioia Vitale!
Stasera vengo a cercarti alla presentazione di un libro che parla della Forza dell’Universo. Sono sicuro di trovarti e questa esperienza si sommerà alle Parole di Mamma, al Credo di Don Giovanni, di Lama Tashi, alle Sensibilità di Sonia, Max e Marco. Tutto questo Cercare, Credere e Sentire si concretizza in ciò che scrive l’amico Jacopo Fo nella prefazione del Tuo Libro:
Reagire al dolore è giusto, è necessario, è un regalo che fai agli altri, che vedano che è possibile andare avanti a credere nella vita nonostante tutto. Così chi non ha subito traumi può avere meno paura di subirli, vedendo che altri si sono rialzati dopo batoste immense. Quindi abbraccio Andrea, con le sue lettere, e abbraccio Nicoletta, che di scrivere e di parlare non ha voglia. E idealmente vorrei abbracciare tutti quelli che si sono messi a sciogliere il proprio dolore inventandosi una storia, e tutti quelli che capiscono il valore della ricchezza che si raccoglie dando sostegno a chi è caduto nel pozzo.
Non è una frase tanto per dire. Gli avari vivono l’incubo di abitare in un mondo dove tutti sono avari. Sono le tue azioni che determinano l’idea che hai dei tuoi simili. E quelli che riescono a stare vicino a chi soffre si regalano l’idea di vivere in un mondo dove se cadi non sarai lasciato solo. E questa è vera ricchezza. E a volte ti capita che gli altri ci siano veramente. A me è successo proprio con la morte dei miei: la vicinanza di tante persone affettuose è stata un balsamo incredibile.
Vivere il dolore in solitudine, senza inventarsi nulla, distrugge la qualità umana delle persone. Attraversare il dolore giocando, facendo finta che si possa andare oltre, fa crescere la qualità di tutto il genere umano.
Papo, continua a fare tutti i Bis che vuoi!
Papà
9 ottobre 2017

Lettera 348

Meno “Ambulagne” più Bis!     Ciao Papo, ieri Totta realizzava che l’ambulanza dovrebbe chiamarsi: “Ambulagna” perché fa un rumore insopportabile e perché trasporta chi è ferito, s’è fatto male e si lamenta. A tre anni osservavi: “Io e And(r)e abbiamo il pisello, Mamma e Ca(r)lotta la pisella”. A sei anni […]
7 ottobre 2017

Lettera 346

Viaggiare Insieme     Ciao Papo, Zia Antonton dice che quando eri da questa parte dell’Infinito io ti facevo viaggiare e scoprire posti nuovi ed ora sei Tu a farmi muovere, viaggiare, scoprire e conoscere guidandomi dall’altra parte dell’Infinito. Nelle prossime settimane andrò a Modena, Sacile, Roma per una Sorpresona […]
6 ottobre 2017

Lettera 345

Avanti a modo Nostro     Ciao Papo, oggi sul giornale è uscito questo articolo. Mi sono permesso di mandare il messaggio che segue in privato al giornalista che ieri mi ha brevemente intervistato e di chiedergli se potevo renderlo pubblico. Il giornalista è stato molto gentile due volte, Grazie […]
5 ottobre 2017

Lettera 344

Allenarsi a Sognare     Ciao Papo, stasera mi sono allenato per la Festeria! Ieri abbiamo guardato un programma di cucina che mette in lizza quattro ristoratori. Carbonara, Cacio e pepe e Amatriciana ci avevano fatto sbavare come dei bull dog. Oggi Totta arrivava a casa tardi dall’allenamento cosi ho […]
3 ottobre 2017

Lettera 342

Potere Parole     Ciao Papo, come suona bene “Ciao Papo”! Suona bene e suona tutti i giorni tra noi due. Buongiorno Abbraccio Amico Amore Bello! Animali Arrivederci Bacio Bellissimo! Birra Cantare Canzone Carlotta Cara Carezza Ciao Cuginetti Dentro la paura, fuori l’avventura! Dolce Facciamo il Bis! Festeria Figlio Giocare Genitore Grande Ciuccellone […]
30 settembre 2017

Lettera 340

Grazie!     Ciao Papo, è cominciato il fine settimana di fuoco! Ieri sera sono andato coi Nonni a vedere lo spettacolo a Te dedicato dall’Accademia Freak Musik Company. Ci torno anche domenica sera con Mamma e gli Zii! Uno Spettacolo a misura Tua misura Papo! C’era tutto: risate, pianti, […]
29 settembre 2017

Lettera 339

Linea di Confine   Ciao Papo, fino a quando eri da questa parte dell’Infinito eri questo Grandissimo Comico Artista Bambino: Ultime da casa Vaniglia… Papo mentre gioca. Usando Ehhi (Henry amico di Spiderman, Papo saltava a piè pari la “R” ha iniziato a pronunciarla a 4 anni quando tutti avevamo […]
28 settembre 2017

Lettera 338

Sulla figlia del dottore…     Ciao Papo, è una ferita aperta il tempo la sutura non le si mette sopra sale ma lei si apre e fa male. Non ci sono disinfettanti, creme, lozioni e medicine solo cuore, mente, ed un emotività organizzata per non perire del soffrire. I ricordi […]
27 settembre 2017

Lettera 337

Assorbire     Ciao Papo, e s’impara… S’impara ad andare avanti su binari paralleli. S’impara a rispettare l’acquarello anche se tu sei acrilico. S’impara a migliorare nella fatica e nel dolore col sorriso sulle labbra. S’impara che fatica e sorrisi si rimborsano e rinsaldano l’un l’altro. S’impara che ci si […]
27 settembre 2017

Lettera 336

Leggero!     Ciao Papo, ciao Leggero, nel sorriso migliore, senza andata né ritorno, senza destinazione. Leggero, nel sorriso migliore, nella testa un po’ di sole ed in bocca una canzone.   Ti conosco da sempre, non t’ho visto mai attimi sereni lontano dai guai. Sorriso del mattino e saluto […]