KALPA E PAPO

 

 

Ciao Papo,
sto riprendendo a leggere, non ci riuscivo perché non riuscivo a concentrarmi ed anche perché non volevo che il nostro flusso fosse influenzato da altro che non fossimo io, te e noi Famiglia. Senti questa che ho letto in un manuale di elaborazione del lutto per bambini e ragazzini: “In fin dei conti, per una mente ben organizzata, la morte non è che una nuova, grande avventura”. Lo dice Albus Silente in Harry Potter e la Pietra Filisofale. Questa invece l’ha detta Totta in pieno delirio da montaggio del castello di Hogwarts di Harry Potter della Lego, in una torre c’era una scala a scomparsa, Tu, con in mano Harry, per farla uscire fuori inventasti la formula magica: «Scalus scendus». Mentre me la ghignavo, Totta, con in mano Hermione, a rincarare la dose: «Scalus fai come primus!».
Papo, seguendo il consiglio di Enrico Galiano, un bravo professore delle medie, nonché, come Te, Totta e me, autore Garzanti, ho comprato un libro molto simpatico dal titolo “Lost in translation” raccoglie parole di alcune lingue del mondo che in un unico vocabolo riescono a spiegare un concetto articolato ed esistono solo in quella lingua e non in tutte le altre. Ti faccio un esempio, in malese hanno inventato la parola per descrivere il concetto: “Il tempo necessario per mangiare una banana”, si dice: “PISAN ZAPRA”. “PORONKUSEMA”, è finlandese, esprime: “La distanza che una renna può comodamente percorrere prima di fare una pausa”. “IKTSUARPOK” è un sostantivo inuit e vuol dire: “Senso di aspettativa che ti spinge a uscire ripetutamente per vedere se magari qualcuno sta arrivando” in effetti Papo c’è un via vai da quelle parti… pensa che c’è anche il vocabolo che spiega la malattia dalla quale è affetto Zio Pallo: “Tsundoku” è giapponese e spiega: “Un libro comprato ma non ancora letto, di solito impilato con altri libri mai letti”. Mamma me lo fa trovare sul tavolo, arrivo dalla pausa pranzo, scarto il cartoccio nel quale è avvolto, do uno sguardo alla copertina, apro a caso la parola che mi saluta è: “KALPA”, è sanscrito e fa così: “Il passare del tempo su scala cosmologica, infinita” e per l’ennesima volta in questi ultimi dieci mesi ho la conferma che il caso non esiste.
No Papo, la parola che definisce chi non ha più un figlio in questo mondo non c’è nemmeno in questo libro. Quella parola immagino possa essere descritta da questa palla rotolante di Parole Belle che mi ha scritto un’altra autrice che si chiama Ketty D’Amico:
“99 battiti più uno, il più grande, il più potente, per farlo vivere sempre, per l’eternità perché ciò che la Natura non ha dato a Papo, sei riuscito a trasmetterlo tu con questo libro. Ho letto le pagine, me le sono gustate fino in fondo: potrei dirti che hai fatto nascere il Papanesimo – corrente filosofica adoratrice della Lasagna – o che attraverso i fogli ho visto un amore viscerale e un dolore altrettanto forte. Ma ti dirò invece questo, Ciuccellone che non sei altro: quel fottutissimo libro, che parla di un bimbo morto, è un inno alla vita e al saperla affrontare con coraggio tutti i giorni. Non importa quanto sia dura, quanto sia difficile, non importa neanche che i secondi scanditi dal nostro timer siano quasi alla fine. Ciò che conta è viverli fino in fondo. Perché, chi vive con la paura è già bello che spacciato, morto prima del tempo. Per questo Papo è eterno: lui alla Morte ha riso in faccia.
Detto ciò, ho intravisto tutto il fardello che ti porti dietro, la fatica di ridare una parvenza di normalità alla vita, la necessità anche di gestire tutto l’affetto che vi è piovuto di sopra. Stai facendo un ottimo lavoro, sono fiera di te e delle parole che hai usato. Ti voglio un gran bene, Minchione!
Ps: ci hai regalato un figlio, e questo è l’atto più coraggioso e generoso che io abbia mai visto. Non mollare, Andrea!”.
Tu quando eri piccolo e non sapevi dire di chiamarti Jacopo hai inventato una nuova parola: “PAPO”, questo vocabolo dal suono così allegro e dolce descrive questo concetto: “Bambino SuperEroe che dopo aver preso a pernacchie il Mostro, sconfisse il canonico concetto di morte e Visse per Sempre di qua e di là dall’Infinito”.
Papà
30 giugno 2017

Lettera 268

KALPA E PAPO     Ciao Papo, sto riprendendo a leggere, non ci riuscivo perché non riuscivo a concentrarmi ed anche perché non volevo che il nostro flusso fosse influenzato da altro che non fossimo io, te e noi Famiglia. Senti questa che ho letto in un manuale di elaborazione […]
29 giugno 2017

Lettera 267

Empatia portami via!   Ciao Papo, ieri ho poi deciso di non scriverti. Giornata intensa a lavoro, fatto preventivi e finito un disegno. Verso le sette di sera sono andato in onda sul canale 19 in un intervista di presentazione del tuo libro con una giornalista davvero Brava, Dolce ed […]
27 giugno 2017

Lettera 266

Cronaca ai Picchiatelli     Ciao Papo, i giornalisti fanno cronaca e per quanto umani sono devono scrivere così se no li prendono per spostati. Noi invece possiamo godere del privilegio d’essere Picchiatelli e continuiamo a vederla così:   Abbiamo intavolato una disquisizione scientifica riguardo la razza di Luna. Nik […]
26 giugno 2017

Lettera 265

Vedi Napoli e poi muori     Ciao Papo, compreso giovedì scorso qui in piscina vicino casa nostra abbiamo fatto quattro presentazioni in quattro giorni. Da Napoli sei passato di sicuro perché ti si sentiva forte nell’aria, nel calore delle persone, mi hai pure Regalato la Piumetta Danzante! Sai Papo […]
22 giugno 2017

Lettera 261

Affinità Elettive     Ciao Papo, ad ognuno tocca la sua vita o ognuno se la sceglie? Sembro Marzullo stamattina… a prescindere da qualsiasi credo religioso o filosofico, la Tua storia insegna che qualsiasi enorme peso ti sfondi spirito, testa e terga, Tu e Tu solo puoi decidere se e […]
21 giugno 2017

Lettera 260

La Porta della vita   Ciao Papo, Gin, mamma di Annalisa, Gloria e Hyoun, mi ha regalato il suo quadro. Lo ha disegnato al laboratorio d’arte nella lezione in cui dovevamo disegnare una porta. Gin ha disegnato la porta della vita ed aprendola c’è il giorno del suo funerale. Tutte […]
20 giugno 2017

Lettera 259

Portento d’Amore     Ciao Papo, quanto è Bellissima Totta che canta e che balla!!? Totta che sa già a memoria tutte le nostre canzoni e che in piena d’entusiasmo le fa cantare anche ai cuginetti. Ieri in saletta da Macilla ad un certo punto della strofa della Tua canzone […]
17 giugno 2017

Lettera 256

CHIUSO PER VAFFANCULO AL MOSTRO!     …arriva sera e stanchi sul divano accendiamo un po’ di tv facendo zapping, ci imbattiamo in Maria De Filippi. “Papà ma questa donna ha la voce che sembra un uomo! Ma è una donna o un uomo?!”. “È una donna ma ha una […]
16 giugno 2017

Lettera 255

Ragazzo delle Piumette       Lettera 255   Ciao Papo, che giornata che ci siamo sparati ieri l’altro a Ferrara… treno da Ferrara a Bologna in ritardo di 90 minuti quando per la coincidenza a Bologna c’era solo un quarto d’ora di tempo. Allora di volata in taxi spendendo […]
14 giugno 2017

Lettera 254

Papo Grande Anima Antica in viaggio da secoli     Ciao Papo, ti ricordi quando con lo zio Gianni avevi preparato un Reattore di sintesi per consegnarlo al cliente ed avevi montato tutti i golfari del boccaporto? Guarda che bestione che abbiamo costruito questa volta, è un Serbatoio da 80.000 […]