Diritto d’Anarchia

 

 

Ciao Papo,
questa è la porta di casa nostra, te la ricordi vero? Il Maggiolino “Just married”, “Casa Nicolini, Andrini e Piccolo Agato” a Festeggiare il Tuo arrivo, eri il “Progetto Piccolo Agato” prima di atterrare tra Noi. Poi il Furgone T1 VW, la ghirlanda d’inverno ed in basso il nostro amico De André, monito a non fumare a casa nostra. Mamma da quando sei andato ad abitare dall’altra parte dell’Infinito ha iniziato a fumare, lo sai vero? Certo che sì, spesso le lasci una Tua Piumetta sulla sedia dove si accovaccia a svampare.
Sai che nelle scorse due serate hanno dato in tv il film sulla vita di De André? E’ stato bello vedere da che contesto personale nascevano le sue canzoni, come le nostre poesie, nate dalla vita vera, scritte in modo che siano comprensibili fino in fondo solo per Te, me, e pochissimi altri… la mia poesia che mai arriverà a quella di De André, l’ho messa e la metto tutta nella mia piccola vita, nella mia piccola Famiglia, in Te, in Totta, in quel Poco che Amo. Ho il grosso limite di essere vero, di non esibirmi su un palco o in concerti ma di usare tutta la mia fantasia, la mia poetica e il mio umorismo nel quotidiano del vivere. Mi ha tormentato l’esistenza il palco… ha leso alla nostra famiglia il mio desiderio d’affermarmi… il sentire dentro quella spinta così forte verso l’arte della parola che rivendicava lo spazio d’essere mestiere… poi Tu m’hai Regalato d’essere scrittore. Quant’è bizzarra ‘sta vita… Fabrizio ha il talento, la forza ed il coraggio di diventare De André, ha il talento, la forza e il coraggio delle sue decisioni controcorrente, di vivere la sua libera verità con e contro tutto e tutti, con e contro sé stesso. De André, anima inquieta, si riconciliarla con l’Universo tramite la sua poetica. Arriva a fine mese grazie al suo talento e non alle scuole di suo padre… anima tormentata dal rapporto conflittuale con questo genitore così ligio ed integerrimo. L’alcool, le sigarette, le puttane, la timidezza, l’esigenza di esprimersi, un anarchico… il nostro corpo sano è un sistema anarchico, l’anarchia funziona a Meraviglia, non è costrizione ma Libera Espressione, l’Arte è Anarchia, ha sottilissime, rigide, immutabili Regole l’Anarchia. E’ Utopia l’Anarchia, è Orizzonte e Ristoro per chi traccia recinti entro i quali muoversi ed esprimersi non riuscendo a farlo perché solo liberi da costrizioni nelle praterie dell’Essere si è Sé Stessi. Senza Utopia le condizioni sociali non sarebbero mai migliorate, senza Anarchia il corpo umano non funziona, perde equilibrio, s’ammala. La fattoria in Sardegna, il far conciliare il suo essere padre con l’artista, attraverso il figlio Cristiano, l’unire la famiglia che era con quella che è e sarà, altrove, lontano, dove la terra ha così tanto spazio e gli occhi indiscreti sono così lontani che ha persino gioco facile l’Anonima sequestri.
Papo, il film l’hanno dato in due serate, dopo la prima ho pensato: sono l’unico che per le Strambe Leggi del Caso ieri sera guardando il film su Fabrizio De André ha fatto caso alla scena in classe, con Fabrizio adolescente, col prete che parla di Dio, Infinito e Amore? Sono l’unico che ha colto la battuta del giovane Fabrizio in auto con la futura moglie che faceva più o meno così: “Hai paura della morte? Un filosofo francese diceva che alla morte se non le credi, non esiste! E io non le crederò mai!”. Sono l’unico che ieri sera ha Sentito perché Ama e Vive da sempre le Canzoni, le Parole e la Musica di quell’Anima così tormentata? Non parlo nello stretto del film… parlo di frasi che io penso e scrivo e mi tornano indietro a conferma di quel Tutto che Esiste ma noi ne vediamo solo una parte parziale da ‘sto lato dell’Infinito.
Dopo la seconda serata e la fine del film scherzavo sul protagonista che interpreta Faber, lo chiamavano così, come la marca delle matite, per via del fatto che appuntava sempre tutto, cercando ispirazioni per le sue canzoni: …per Luca Marinelli sarà stato più difficile imparare a suonare e cantare come De André o svampare una sigaretta dietro l’altra rischiando il tumore fulminante e scassarsi a merda di alcool in barba alla cirrosi come Fabrizio?
Bravissimo Luca Marinelli! Un Vero, Grande Attore capace di interpretare personaggi con caratteri diametralmente opposti, come in “Tutti i santi giorni” di Virzì, in “Lo chiamavano Jeeg robot” e in “Non essere cattivo”. Quando sarò vecchio, verso Lettera 13.000 sarebbe bello fosse lui ad interpretarmi nel Tuo Film. Magari morirò giovane, bah, l’unica cosa che so è che non ho nessuna voglia di diventare vecchio e stanco di vivere, e non lo diventerò, gliela metterò prima nel culo io a ‘sta vita! Non mi importa, non ho più paura di niente, figurati se ho paura di morire… io che ho Te che mi aspetti per Pescare. Io che tornerò Anima nell’Anima da dove mi hanno separato mescolando il mazzo.
Papo, il film finisce così:
Fabrizio: “Ascolta la chiusa di questo pezzo, è importante, te ne vai? Allora dovrai dirmi se mi vuoi sposare”.
Dory: “Sì, sì, sì!”.
Cambio scena, matrimonio, si avvicina un tale per farsi autografare un disco da De André. L’Universo continua a dire ciò che è.

Non pensare,
non crogiolarti nell’ansia,
la Primavera non bussa,
abita in Te,
aprile la porta,
vivila!
Andrà tutto bene,
non so quando sarà ma Sarà.

Grazie!
Papà

15 febbraio 2018
IMG-20180215-WA0001

Lettera 443

Diritto d’Anarchia     Ciao Papo, questa è la porta di casa nostra, te la ricordi vero? Il Maggiolino “Just married”, “Casa Nicolini, Andrini e Piccolo Agato” a Festeggiare il Tuo arrivo, eri il “Progetto Piccolo Agato” prima di atterrare tra Noi. Poi il Furgone T1 VW, la ghirlanda d’inverno […]
12 febbraio 2018
1601398_10203062528228509_1150516575_n

Lettera 441

Ingozzarsi d’Amore     Ciao Papo, stai sfrecciando come un Razzo Missile nel Cosmo? O stai tirando avanti e indietro le lancette di Tempo e Stagioni? O eri il Pettirosso di giovedì scorso?   Buchi tre crateri nell’anima che si sentono nel profondo di ‘sto corpo mortale nel Tuo buco […]
11 febbraio 2018
20150726_220823

Lettera 440

Fratelli Pilotta Portatori Sani di Luce e Sole!     Ciao Papo, io è meglio che non ti scriva perché sono alle prese col tappare i tre grossi buchi… lascio la parola a Totta: Tutta Entusiasta perché ho acconsentito ad una sua richiesta espressa con estrema delicata paraculaggine: “Papi, sono […]
9 febbraio 2018
20150823_150803

Lettera 439

Lei e l’Universo     Ciao Papo, oggi prendi questo, mescolalo tra Poesia e Ironia, mettilo insieme Tu e se riesci dimmi dove devo andare.   Poesia Quando non avrai bisogno del mio calore sul tuo seno …allora ci ameremo. Quando non ci saremo persi l’universo per starci accanto …allora […]
6 febbraio 2018
20150509_090453

Lettera 438

Albero, Voglia, Fantasia e Talento     Ciao Papo, carte segnate alla nascita, mescolate e perse nel mazzo, tutti che parlano alla Luna, la Luna che ascolta tutti e non parla con nessuno. Da sabato non Ti scrivo, Tu sai che faccio fatica a non scriverti perché a scriverti fatica […]
3 febbraio 2018
IMG-20140912-WA0000

Lettera 437

Caos e Perché     Ciao Papo, saluto il “Caos” e chi gli da respiro con queste righe venute al volo, ritrovate nel bagaglio della mia Memoria.   Gira, cresce, non ferma continua, alimenta, domani ieri, oggi, cosa. Da cosa nasce cosa. Muore cosa, Caos. Diventa. Sorriso, notte, alba lacrima, […]
2 febbraio 2018
20150823_173652

Lettera 436

Allergie d’Amore   Ciao Papo, oggi è una di quelle giornate così Felicemente Toste da stare attenti che non ci si spacchi il cuore… Oggi scrivi Tu a me, ti va? Spesso mi serve fare anche così ed oggi nella Tua Infinita e Spensierata Saggezza Bambina mi dici questo: Mentre […]
2 febbraio 2018
Pilotta_Trento

Doppio appuntamento trentino con “La Rivoluzione d’Amore”

Doppio appuntamento trentino venerdì 9 febbraio alle 17.00 alla libreria Àncora in corso Tre novembre a Trento, con letture di Annalisa Morsella; sabato 10 febbraio alle 10.30 nel foyer del teatro di Pergine Valsugana con letture di Denis Fontanari e alla presenza dell’assessore provinciale alla salute e politiche sociali Luca […]
1 febbraio 2018
20150423_205831

Lettera 435

Sudare l’Amore     Ciao Papo, non sei destinato a un luogo triste. Tu Sei e Vivi nei Migliori Spazi immaginabili! Nulla che racconta di Te è e sarà mai triste! Questa pagina, il Tuo Libro, il Tuo Disco, il Tuo Musical, il Tuo Film quando si accorgeranno di Te, […]
30 gennaio 2018
20140310_162005

Lettera 434

Principessa di Dolcezza     Ciao Papo, stai sempre bene vero? Si sta almeno senza acciacchi senza un corpo vero? Sei davvero tra gli Arcangeli e i Cherubini vicino vicino a Dio? Ti spupazzano le Vergini? O sei rinato tigre? Dicevi di non voler rinascere preda nella prossima vita! Io […]