Arriverà il momento

 

Ciao Papo,
ieri Umberto, il papà di Ale mi ha scritto così:
“Mio caro amico, sempre grazie per il conforto che mi dai. Io da parte mia mi convinco sempre più che la più vera e dolorosa manifestazione dell‘amore per il mio figlio ‘Già partito’ è in quel dolore struggente che ogni mattina mi ricorda la sua assenza. E non cerco consolazioni perché in quel dolore lo ritrovo. Ti abbraccio compagno di storie”.
Gli ho risposto così:
“All’inizio era così anche per me. Ora sono nella fase in cui la serenità ha rubato terreno al dolore e ti assicuro che sto meglio con Papo, con me stesso e con tutti. Spero arrivi il momento in cui la serenità lascerà spazio alla felicità. Un forte abbraccio Umberto!”.
Papo, sono stato paraculo? A volte Tu sei stato Maestro di Paraculaggine! Il Tuo sfizio da piccolo era berti il latte sul divano affianco a Mamma che Te lo versava in bocca e nel mentre le arrotolavi i capelli. Spesso erano scintille tra voi due perché il tuo arrotolare era troppo vigoroso. Finalmente arrivò la volta in cui andò tutto liscio e Tu constatasti: “Mamma vedi che ti fai tirare i capelli… è solo che sei un po’ timida!”.
Non sono mai paraculo io, dico sempre esattamente le cose come le sento, come ieri scrivendo questo messaggio sul Tuo blog:
“Ciao a tutti,
leggete l’articolo uscito ieri 10.10.’17 su “La Repubblica salute”.
A me personalmente ospedali, politica, schieramenti, campagne, cattedre, simposi, riunioni, dibattiti pro e contro la qualunque mi spiazzano e mi lasciano triste e desolato non ho bisogno di questo. Ho bisogno di Vivere l’Arte che mi ha Regalato Papo. Con le nostre Lettere quotidiane; col nostro Bambino Libro “La Rivoluzione d’Amore”; con le nostre presentazioni in libreria; con la nostra musica e col progetto del disco “SuperEroe” di prossima uscita; col prossimo Libro, la riedizione di “Mamma ho fatto la cacca dura come gli zoccoli di uno gnu” Massime e Battute a fumetti di Papo e Totta; con il musical ispirato alla nostra Storia che i ragazzi dell’Accademia Freak Musik Company vogliono portare in giro; con la scrittura del soggetto e la realizzazione del film su tutta ‘sta storia che “La morte non esiste”.
Una parte del ricavato di tutte queste attività finanzia il Progetto “Supereroi crescono” menzionato nell’articolo di Repubblica:
http://www.paposuperhero.com/site/progetto-supereroi-crescono-quando-due-bimbi-si-tengono-per-mano/
Benedetto Michele, Papà e Presidente dell’Associazione www.davideildrago.it Benedette tutte le persone che si impegnano in questi Progetti, Grazie!
Io racconto la nostra Storia. Poi mi dedicherò a raccontare altre storie. A pubblicare libri umoristici con Massime e Battute di Paulo Coelhone, Arcano Pennazzi, l’Anonimo dei Baci Perugina e tutti i personaggi che la mia Fantasia Inventerà. Darò forma fisica, facendo diventare Sculture, alle mie Poesie e magari arrederanno la Festeria o allestirò una Mostra. Finirò di scrivere Glauco Besozzi e se arriveranno, scriverò altri romanzi.
Un passo dietro l’altro riuscirò a dare da mangiare a mia figlia e a sostentarmi, a me personalmente basta un niente, di questa Arte e Grazie a queste Attività. Questo è quel che volevo nella mia prima parte di vita ma ero impegnato a contrastare il Mostro ed altri mostri dentro e intorno me stesso. Questo è ciò che realizzerò nella seconda parte del mio tragitto terreno. Conoscendo persone, stando insieme alla gente, con una Consapevolezza Altra, con la Gioia che nasce dal restare Vivi e dal voler Creare nonostante la Tempesta quotidiana che alberga nel mio cuore. Bufera che viene chetata dal dialogo Costante con Papo, con Totta e dallo Svilupparsi del mio Sentire. Non cerco e non ho bisogno della pietà e della commiserazione di nessuno.
Restituirò alla Vita tutto il Bello e l’Arte che mi ha tolto la morte Grazie ai miei Figli e a Me Stesso.
Andrea”.
Che ognuno si prenda quel che gli fa meglio dalla nostra storia ma io non sono responsabile e non voglio e posso sentirmi ed essere responsabile di nulla se non della nostra Storia. Leggendo questo post Doc. Iacopo mi ha scritto:
“Ieri ero al Meyer a vedere un bimbo con una brutta forma di cardiomiopatia ipertrofica, mi siete venuti in mente. Mi piacerebbe che il tuo modo di prendere le cose fosse una forma virale inarrestabile… ne porterei una bombola in ospedale, tutti i giorni; hai ragione tu, dobbiamo imparare a restituire il bello che abbiamo ricevuto. A far ridere le persone, a non confondere il dolore con l’assenza di gioia… il contrario della gioia è la rassegnazione, non il dolore-trampolino che ti ha fatto creare tutto quello che ci fa vivere Papo e il suo sorriso. Un abbraccio Iacopo”.
 
La nostra Storia prende importanza da sé per il Tuo Messaggio di Leggerezza e Speranza che arriva Dritto al cuore della Gente. C’è chi non lo capisce e rimane ammutolito, esterrefatto, impietrito, attonito e vede solo dolore che tra l’altro non è manco il suo ma teme di poter conoscere da vicino. Ognuno è fatto a modo suo, noi di questa inutile ansia non ce ne facciamo niente, con tutti gli altri continuiamo a fare La Rivoluzione d’Amore!
Papà
12 ottobre 2017

Lettera 350

Arriverà il momento   Ciao Papo, ieri Umberto, il papà di Ale mi ha scritto così: “Mio caro amico, sempre grazie per il conforto che mi dai. Io da parte mia mi convinco sempre più che la più vera e dolorosa manifestazione dell‘amore per il mio figlio ‘Già partito’ è […]
11 ottobre 2017

INSIEME MA AD OGNUNO LA SUA MISSIONE!

Ciao a tutti, leggete l’articolo uscito ieri 10.10.’17 su “La Repubblica salute”. A me personalmente ospedali, politica, schieramenti, campagne, cattedre, simposi, riunioni, dibattiti pro e contro la qualunque mi spiazzano e mi lasciano triste e desolato non ho bisogno di questo. Ho bisogno di Vivere l’Arte che mi ha Regalato Papo. […]
10 ottobre 2017

Lettera 349

Soffio del vento     Ciao Papo, ho letto questa massima: “Quello che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla” è del filosofo cinese Lao Tze. Così torna anche la farfallina gialla che vedo tutti i giorni da oltre due mesi e torna pure quello […]
8 ottobre 2017

Lettera 347

Notti d’Eternità, frullatori e Anime     Ciao Papo, stamattina ho letto il titolo di un articolo che faceva così: Nel 2010 una malattia porta via il figlio di sei anni a Roberto Andreoli che da allora riesce a guardare avanti anche grazie al running: dalla Namibia all’Oman, centinaia di […]
7 ottobre 2017

Lettera 346

Viaggiare Insieme     Ciao Papo, Zia Antonton dice che quando eri da questa parte dell’Infinito io ti facevo viaggiare e scoprire posti nuovi ed ora sei Tu a farmi muovere, viaggiare, scoprire e conoscere guidandomi dall’altra parte dell’Infinito. Nelle prossime settimane andrò a Modena, Sacile, Roma per una Sorpresona […]
6 ottobre 2017

Lettera 345

Avanti a modo Nostro     Ciao Papo, oggi sul giornale è uscito questo articolo. Mi sono permesso di mandare il messaggio che segue in privato al giornalista che ieri mi ha brevemente intervistato e di chiedergli se potevo renderlo pubblico. Il giornalista è stato molto gentile due volte, Grazie […]
5 ottobre 2017

Lettera 344

Allenarsi a Sognare     Ciao Papo, stasera mi sono allenato per la Festeria! Ieri abbiamo guardato un programma di cucina che mette in lizza quattro ristoratori. Carbonara, Cacio e pepe e Amatriciana ci avevano fatto sbavare come dei bull dog. Oggi Totta arrivava a casa tardi dall’allenamento cosi ho […]
4 ottobre 2017

Lettera 343

Io sono Te e Tu sei Me     Ciao Papo, buongiorno che vive del prossimo Buongiorno… Spazio, chiede spazio allo Spazio Terreno, lascia terreno al terreno. Acqua, scoscia nell’acqua zeppa d’Acqua. Sole, nutre sole, poche parole, Sole! Stella, non si chiede d’esser frammento di chissà quale Essenza, Brilla, Stella! […]
3 ottobre 2017

Lettera 342

Potere Parole     Ciao Papo, come suona bene “Ciao Papo”! Suona bene e suona tutti i giorni tra noi due. Buongiorno Abbraccio Amico Amore Bello! Animali Arrivederci Bacio Bellissimo! Birra Cantare Canzone Carlotta Cara Carezza Ciao Cuginetti Dentro la paura, fuori l’avventura! Dolce Facciamo il Bis! Festeria Figlio Giocare Genitore Grande Ciuccellone […]
1 ottobre 2017

Lettera 341

L’Arte di Fare Arte     Ciao Papo, l’Arte nasce da un’Intuizione, da un’Attitudine Spontanea e Innata, come le Tue Battute e Massime! Nik e Totta parlano di gonne. Tu le guardi e sentenzi: “Siete davvero imbarazzanti!”. A 2 e 3/4 rivolgendoti agli amici di Zio Frenk con un tono […]