La Montagna è solo la somma di qualche sasso…

 

 

Ciao Papo,
le cose che ho da scriverti e di cui ti parlo incessantemente sono così tante che questo basta:

Cronaca bollatese, un articolo del Corriere della sera narra le gesta di un fantasma, una signora bionda, avvenente ed elegante che molesta gli inquilini di un appartamento delle case popolari perché non vuole intrusi in quello che ritiene di diritto il suo alloggio. Come abbiano fatto ad intervistare l’avvenente fantasma bionda e come lei abbia potuto mostrare i documenti dell’oltretomba attestanti i suoi diritti resta un mistero misterioso. Morale: a causa della volontà della buon’anima della signora platinata dalle attuali spoglie ultraterrene, incastrata nel mondo “in carne ed ossa” il comune non riesce più ad affittare l’appartamento a nessun nuovo inquilino. Io e Nik parliamo della stranezza della cosa e consideriamo: “Chissà cosa c’è sotto…!!?”. Papo zompa in piedi manco fosse Sherlock Holmes con in pugno la risoluzione del caso ed esclama tutto tronfio: “La signora, la casa, l’articolo sul giornale… ma non lo capite…: E’ UN CLASSICO! (Marcando le parole come Abatantuono in Marrakesh express quando dice: “Erano anni…”) ed intanto te la stavi facendo sotto…

Papo, io e Te ci ritroviamo a Vivere questa Sana Follia di ‘sti due mondi affini che non si lasciano e si parlano. L’avresti mai detto Tu? Te ed io? Così fifoni e caga sotto… così paurosi del buio… così impressionabili da mostri e facce brutte… Te ed io, senza più nessuna paura a Viverci Insieme e Sfidarla perché la Montagna è solo la somma di qualche sasso… ti scrivevo così in “Figlio” ora è una Canzone, siamo pronti con il Tuo Disco, qualche settimana e cominciamo una nuova avventura per farlo ascoltare e sentire a Tutti!

Il carnevale è passato… Vestito da indiano, “Papo ma come ti chiami da indiano?” Tu Papo: “Cappero di Legno, anzi no, Cappero Furioso!” Vestito da moschettiere, “Come ti chiami spadaccino?” Tu: “Falco nero col cavallo rosa!”.

Falco nero con cavallo rosa è strabiliante! A distanza di 8 anni, lo dicesti a 4 anni di età, io sto ancora ridendo Felice!

Una Piumetta ad indicare dove
Due Piumette come giaciglio
Vicendevole Nutrimento.
Grazie!
Papà

22 febbraio 2018

Lettera 447

La Montagna è solo la somma di qualche sasso…     Ciao Papo, le cose che ho da scriverti e di cui ti parlo incessantemente sono così tante che questo basta: Cronaca bollatese, un articolo del Corriere della sera narra le gesta di un fantasma, una signora bionda, avvenente ed […]
19 febbraio 2018

Lettera 446

Va dove ti porta il caos     Ciao Papo, oggi è il compleanno di Mamma, passa a darle un “Bacio Mmmua!” come solo Tu sai dare! Da dove parto col foglio bianco? Cercando chi sono ho trovato ‘sto testo “Va dove ti porta il caos” era marzo 2008, avevi […]
19 febbraio 2018

Venerdì 23.02, Firenze, presentazione de “La Rivoluzione d’Amore”

Venerdì 23.02 a Firenze. Per le Strambe Leggi del Caso, senza che lo sapesse e che fosse lui ad organizzare l’incontro, la presentazione si svolge nella storica sala delle Cooperativa dove ora c’è una Coop e Doc Iacopo (il cardiologo di Papo) va a farci la spesona.
18 febbraio 2018

Lettera 445

Foglio bianco     Ciao Papo, un enorme foglio bianco al posto della vita. Parole per riempirlo: Amore, Credere, Fatica, Ironia e Poesia. Dicono che sono un Sole, che porto il Sole nella vita delle altre persone perché trasformo ogni mio dolore in Possibilità di Vita e d’Amore. Papo, ma […]
17 febbraio 2018

Lettera 444

Guardare in faccia la Felicità   Ciao Papo, recita la didascalia del video: “State vedendo una proteina miosina tirare un’endorfine lungo un filamento per la parte interna della corteccia parietale del cervello che genera la felicità. Stai guardando la felicità”. Praticamente impazzisco d’Amore e mi scervello a scrivere Battute e […]
15 febbraio 2018

Lettera 443

Diritto d’Anarchia     Ciao Papo, questa è la porta di casa nostra, te la ricordi vero? Il Maggiolino “Just married”, “Casa Nicolini, Andrini e Piccolo Agato” a Festeggiare il Tuo arrivo, eri il “Progetto Piccolo Agato” prima di atterrare tra Noi. Poi il Furgone T1 VW, la ghirlanda d’inverno […]
14 febbraio 2018

Lettera 442

Non serve sapere se Sarà!     Ciao Papo, ciao Brad Pitt Bambino, ciao Einstein Bambino, ciao De André Bambino, ciao Atreyu Bambino, Tanta Bellezza Tanto Acume Tanta Poesia Tanto Eroismo non si erano mai visti tutti insieme in un Concentrato di Meraviglia che altro non poteva essere che un […]
12 febbraio 2018

Lettera 441

Ingozzarsi d’Amore     Ciao Papo, stai sfrecciando come un Razzo Missile nel Cosmo? O stai tirando avanti e indietro le lancette di Tempo e Stagioni? O eri il Pettirosso di giovedì scorso?   Buchi tre crateri nell’anima che si sentono nel profondo di ‘sto corpo mortale nel Tuo buco […]
11 febbraio 2018

Lettera 440

Fratelli Pilotta Portatori Sani di Luce e Sole!     Ciao Papo, io è meglio che non ti scriva perché sono alle prese col tappare i tre grossi buchi… lascio la parola a Totta: Tutta Entusiasta perché ho acconsentito ad una sua richiesta espressa con estrema delicata paraculaggine: “Papi, sono […]
9 febbraio 2018

Lettera 439

Lei e l’Universo     Ciao Papo, oggi prendi questo, mescolalo tra Poesia e Ironia, mettilo insieme Tu e se riesci dimmi dove devo andare.   Poesia Quando non avrai bisogno del mio calore sul tuo seno …allora ci ameremo. Quando non ci saremo persi l’universo per starci accanto …allora […]