Vietato morire

 

 

Ciao Papo,

ti ho rotto le balle oggi con quattro Lettere eh…! Così… mi piaceva ricordare a chi ci legge che è tutto vero quello che scriviamo, che le fonti di ispirazione che mi dai sono inesauribili e che il pensiero di te è costante e sempre presente.

Quanto la piango bene questa canzone nelle, almeno, dieci volte al giorno che la ascolto?

Queste parole:

Ricordo quegli occhi pieni di vita

Cambia le tue stelle, se ci provi riuscirai

Figlio mio ricorda

L’uomo che tu diventerai

Non sarà mai più grande dell’amore che dai

Ma la magia era finita

Restava solo da prendere a morsi la vita

Lo sai che una ferita si chiude e dentro non si vede

Che cosa ti aspettavi da grande, non è tardi per ricominciare

Ricorda di disobbedire e ricorda che è vietato morire, vietato morire

Figlio mio ricorda bene che

La vita che avrai

Non sarà mai distante dell’amore che dai

Ricorda di disobbedire

Perché è vietato morire

Ricorda di disobbedire

Perché è vietato morire

Perché è vietato morire

Vietato morire

 

Papo, sono le tue parole. Sono le tue azioni. Sono l’eredità che ci lasci.

Avevi solo paura dei bulli delle medie che avresti incontrato l’anno prossimo e di questo parla la canzone.

Quelle persone con la testa dritta in cammino ognuna una, unica e sola in mezzo alle altre a creare la comunità siamo noi che ti abbiamo salutato un maledetto giorno di fine agosto ed ogni giorno ti portiamo nei nostri pensieri più belli.
Chissà se tu ed Ermal Meta vi conoscete…

 

Alla prossima volta soldo di cacio!

Papà

17 marzo 2017

Lettera 174

Vietato morire     Ciao Papo, ti ho rotto le balle oggi con quattro Lettere eh…! Così… mi piaceva ricordare a chi ci legge che è tutto vero quello che scriviamo, che le fonti di ispirazione che mi dai sono inesauribili e che il pensiero di te è costante e […]
17 marzo 2017

Lettera 173

La dura legge del pollice opponibile     Ciao Papo, ti ricordi quando siamo stati in vacanza a Berlino? Gli zii Pallini qualche mese dopo di noi avevano comprato anche loro il camper e spesso facevamo coppia fissa. Voi cuginetti eravate felici, per voi il camper era la carovana degli […]
17 marzo 2017

Lettera 172

Il senno di prima…     Ciao Papo, scrivendo il tuo libro “La Rivoluzione d’Amore” in un capitolo mi era venuto da mettere insieme uno dopo l’altro dei fatti curiosi ed eloquenti. A ripensarci e rileggerli col senno di poi mi spiazzano e mi fanno pensare che forse tu o una parte […]
17 marzo 2017

Lettera 171

CamperOne Rules     Ciao Papo, ieri è stato il compleanno di Luna, la tua fidanzata, come dicevi tu, ha compiuto 4 anni. Mamma le ha preso un bell’osso! Se lo sgranocchia e se lo porta in giro da per tutto, giù dai Nonni, in giardino, lo riporta su da […]
16 marzo 2017

Lettera 170

Totta è una Luce… è la Strada!   Ciao Papo, ué, ne avessi visto uno dei colombi o uccelli con quelle piumette così bianche che ci fai volare intorno… domenica mattina una dopo l’altra tre piumette bianche. L’ultima strabiliante, in piazza a Novate mentre salutavamo gli amici. Parecchia gente intorno, […]
14 marzo 2017

Lettera 169

La Rivoluzione d’Amore     Ciao Papo, quello in foto sono io, avevo tre o quattro anni. I bambini portavano così i capelli tra fine anni ’70 e inizio ’80. Un paio di volte che siamo riusciti a portarti dal parrucchiere anche tu hai dato sfoggio del tuo bellissimo caschetto […]
12 marzo 2017

Lettera 168

La vita tornerà ed avrà i tuoi occhi   Ciao Papo, profondità e chiarezza dei miei sentimenti e delle mie parole affascinano e spiazzano. Tu ed io siamo di tutti e non siamo di nessuno. Da questa parte dell’Infinito Tu sei Eterno e sei patrimonio condiviso, non sei mai solo. […]
10 marzo 2017

Lettera 167

La Primavera   Ciao Papo, quant’è Bella la Primavera? Quanto fa bene la Primavera? Respirarla così da vicino e sentirne il caldo abbraccio mi ha fatto scappare di scriverle ‘sta roba da “Ronticone” (Romanticone ndr) quanto ci siamo divertiti a storpiare le parole e a renderle più nostre…   La […]
9 marzo 2017

Lettera 166

Piccole Donne Crescono   Lettera 166 Ciao Papo, ti parlavo di retorica e utopia. Di quanto è vuota la retorica. Ecco, tua sorellina a 8 anni scrive pensieri così Pieni, Precisi, Ficcanti e Profondi: La donna e la mimosa La donna è una perla gialla che balla che balla non […]
8 marzo 2017

Lettera 165

Tutto è Uno     Ciao Papo, oggi Zia Palli li compie tondi tondi. Se ti ha pensato e parlato tanto sarebbe bello le facessi trovare uno dei tuoi Bellissimi Regali! 8 marzo, data della soluzione di continuità tra il rogo in una fabbrica di camicie, le manifestazioni in favore […]