La paura del sempre

 

Ciao Papo,
sei fermo, fisso, lasciato nello spazio immateriale ma denso tra cuore e cervello, sei nell’universo delle cose più belle e preziose che mi sono successe in ‘sta roba che si fa giorno dopo giorno e chiamiamo vita. Sei lì, a volte sei così intenso che arrivi quasi ai polpastrelli e alle labbra. Le altre robe belle ed emozioni forti le hai scalzate quasi tutte e ti sei incastrato nella vita anche dopo la morte.
Ieri la morte è tornata a trovarci, da molto vicino. Il papà di un caro amico, una vicenda umana davvero delicata. E s’è permessa ancora, se lo permette sempre ‘sta stronza, di mandarci all’aria giornata e interi pezzi di vita.
Come molti degli accadimenti da questa parte dell’Infinito, anche la morte ha le sue precise peculiarità se pure nel suo esito riesca ad essere così uniformante. Non si manifesta, non arriva e non fa cessare la vita allo stesso modo per tutti, a volte riesce persino ad avere la parvenza di qualcosa di giusto e di sollievo. Resta il dispiacere per un percorso che finisce e l’ineluttabile ed incontrovertibile verdetto del “Per sempre”.
“Sempre è una parola che fa paura per quanto futuro contiene”. Lo ha scritto un’autrice che si chiama Ketty D’Amico, in pochissime parole è riuscita a centrare e fermare un mondo di emozioni.
Maledetta morte che da questa parte dell’Infinito si arroga il diritto di essere “Per sempre” anche se è solo porta e passaggio verso un altrove.
Sei solo questo morte,
non sei che un episodio.
Tutt’intorno, prima e dopo, c’è vita.
Stanca, futile, strampalata, selvaggia,
sorridente, buffa, caparbia e insolente,
ma c’è vita.
Ha solo bisogno di sole ed acqua per ricordarsi d’essere viva.
Ha solo bisogno che si riesca a Credere che oltre,
dopo e ancora quella porta la vita è viva,
per sempre.

Papo, sta passando anche questa domenica, vai ancora a pescare?
Papà

26 marzo 2017

Lettera 180

La paura del sempre   Ciao Papo, sei fermo, fisso, lasciato nello spazio immateriale ma denso tra cuore e cervello, sei nell’universo delle cose più belle e preziose che mi sono successe in ‘sta roba che si fa giorno dopo giorno e chiamiamo vita. Sei lì, a volte sei così […]
24 marzo 2017

Lettera 179

Parole   Ciao Papo, oggi rendiamo omaggio alle Parole. Quel filo sottile ma saldo che ci tiene legati insieme. Totta e la scoperta della scrittura. Scriveva interminabili strisce di lettere ripescandole nella memoria e tutta entusiasta mi chiedeva: “Papà cos’ho scritto?”. Io provavo a decodificare la lunga striscia, gliela sillabavo e […]
23 marzo 2017

Lettera 178

Piccoli distillati di spensieratezza e allegria     Ciao Papo, Totta ha ordinato un cheesburger senza formaggio… Diego ha visto il cartone di Batman femmina… Totta mi ha detto che Myriam vuole fare la psicologa ma per ora studia per fare la cassiera al supermercato… Diego guarda ammirato tutti i tuoi Lego sulla […]
22 marzo 2017

Lettera 177

Frammenti d’un bernoccolo     Ciao Papo, ti ricordi quando t’era venuto il Bernoccolo? Io aprivo la portiera della Multipla, tu correvi verso l’auto, quando le cose devono andare di sfiga il sincronismo tra azioni apparentemente normali, che poi risulteranno infauste, riesce sempre ad essere terribilmente perfetto e sbadabem con […]
21 marzo 2017

Lettera 176

Il bambino in bianco e nero     Ciao Papo, oggi ti faccio raccontare una storia dalle parole di un’altra mamma, dai disegni di un’altra sorellina e dalla mia voce che non è un granché ma è la voce sentita di un amico che sa cosa vuol dire avere a […]
17 marzo 2017

Lettera 173

La dura legge del pollice opponibile     Ciao Papo, ti ricordi quando siamo stati in vacanza a Berlino? Gli zii Pallini qualche mese dopo di noi avevano comprato anche loro il camper e spesso facevamo coppia fissa. Voi cuginetti eravate felici, per voi il camper era la carovana degli […]
17 marzo 2017

Lettera 172

Il senno di prima…     Ciao Papo, scrivendo il tuo libro “La Rivoluzione d’Amore” in un capitolo mi era venuto da mettere insieme uno dopo l’altro dei fatti curiosi ed eloquenti. A ripensarci e rileggerli col senno di poi mi spiazzano e mi fanno pensare che forse tu o una parte […]
17 marzo 2017

Lettera 171

CamperOne Rules     Ciao Papo, ieri è stato il compleanno di Luna, la tua fidanzata, come dicevi tu, ha compiuto 4 anni. Mamma le ha preso un bell’osso! Se lo sgranocchia e se lo porta in giro da per tutto, giù dai Nonni, in giardino, lo riporta su da […]
16 marzo 2017

Lettera 170

Totta è una Luce… è la Strada!   Ciao Papo, ué, ne avessi visto uno dei colombi o uccelli con quelle piumette così bianche che ci fai volare intorno… domenica mattina una dopo l’altra tre piumette bianche. L’ultima strabiliante, in piazza a Novate mentre salutavamo gli amici. Parecchia gente intorno, […]
14 marzo 2017

Lettera 169

La Rivoluzione d’Amore     Ciao Papo, quello in foto sono io, avevo tre o quattro anni. I bambini portavano così i capelli tra fine anni ’70 e inizio ’80. Un paio di volte che siamo riusciti a portarti dal parrucchiere anche tu hai dato sfoggio del tuo bellissimo caschetto […]