Avanti a tutta Dritta!

 

 

Ciao Papo,
quante zanzare ci sono a Novara!!? Dopo aver ripetutamente sbagliato strada, prima verso i laghi e poi verso Como, a Saronno abbiamo finalmente preso la strada giusta verso il Circolo dei lettori novaresi. Anche ieri La Rivoluzione d’Amore è stata manifesta! Stupore, sorrisi, risate, baci e abbracci e Tu ad unirci tutti e a raccontarci la storia della Leggerezza d’Animo per andare avanti nella vita e far progredire lo Spirito.
 
Con Mamma Roberta mi sono scambiato questi messaggi:
R: “Ciao, oggi leggendoti mi sono chiesta: perché le piumette? E mi sono risposta che sono libere di volare senza costrizione e senza direzioni, lievi come l’infinito, immutabili e indistruttibili come il tuo amore profondo che mai scomparirà, se vuoi prenderle ti sfuggono, ma restano lì a danzare per te…”.
Io: “Già! Papo ci insegnato la Lezione della Leggerezza e cosa è più Leggero di una Piumetta?”.
Te la ricordi la teoria del sei gradi di separazione? Secondo l’ipotesi dei sei gradi di separazione, ognuno di noi può essere collegato a qualunque altra persona al mondo attraverso una catena di conoscenze non più ampia di cinque individui. Io proverò a percorrerla per arrivare a chiunque ed ovunque in questo pianeta. Papo, se ogni persona che legge il Tuo Libro ne parlasse con entusiasmo ad altre persone e ne regalasse una copia, quanto si propagherebbe la Tua storia e il Tuo Messaggio?
 
Papo, mi scrive una nostra amica che lavora con i cervelli, le emozioni ed i casini che combinano:
“Andrea sei una forza! Anzi hai un dono di vita che non potevo immaginare esistere, soprattutto in risposta a situazioni così inspiegabili… si dice che il lutto per un figlio sia inelaborabile… ma leggendoti inizio ad avere quasi dei dubbi… hai trovato dentro di te una strada di trasformazione del dolore e della disperazione che alcune persone forse trovano dopo anni di analisi…”.
 
Le faccio rispondere da Robertone, Nostro Custode Massimo:
“Dall’altra parte dell’Infinito mi arrivano segnali e certezze.
Mi confermano che il percorso pensato e intuito mesi e mesi fa in fondo in fondo era già stato disegnato.
Un po’ come da bambini si giocava a biglie e il colpo di vento o il “ciato” come lo chiamavamo noi ti aiutava sull’ultimo tratto.
E allora mi lascio andare all’amore e so che sto facendo la cosa giusta.
Grazie waglione della galassia!”.
 
Dopo i botti durante la presentazione del Tuo Libro a Napoli, ci hai mandato anche… non te lo dico Papo, ti lascio sempre lavorare prima a te con calma e poi ti racconto, quasi come se non sapessi che di te ci fidiamo ciecamente e stiamo solo seguendo quello che fai intuire.
Ieri hai regalato a Mamma una Bellissima “J”, come abbiano fatto le nuvole a fare una “J” è uno di quei Regali così inspiegabili che non si può fare a meno di Crederti!
 
Tu e Mamma camminano sugli scogli per il mare agitato.
Mamma: “Papo hai visto il mare com’è grosso?”
Tu, dai un occhio all’orizzonte e con la sicumera che contraddistingue chi non ha grilli per la testa: “Eh, sì, è immenso!”
 
Vacanzina in camper, Tu non vedi Mamma da qualche minuto, sei parecchio mammone, ti dico: “Papo hai sette anni ma sempre a stare dietro alla mamma!!?”. Per tutta risposta mi fai: “Appunto! Sono solo 7 anni su un secolo che posso vivere…”.
 
Passerà quel secolo, ne passeranno tanti altri, la Tua Anima Antica continuerà a vagare in questo e nel mondo affianco e ci saranno nuovi Custodi e nuove Anima Belle e Sensibili a seguire a Tutta Dritta la Rotta dell’Ammiraglio Papozzi!
Papà

Sharing is caring!

2 Comments

  1. Maria Flavia ha detto:

    ❤️

  2. Pietrucci Donatella ha detto:

    Che dire……Grazie di cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *